Google+

Unioni civili. Caffarra: «Le leggi non seguano la moda. Il matrimonio è fra uomo e donna»

gennaio 4, 2014 Redazione

Il cardinale di Bologna ed Enrico Solmi (Cei) dicono no alle unioni civili. E la deputata Ncd Eugenia Roccella smaschera Renzi: «Bocciò i Dico e ora cambia idea per far cadere Letta»

«Nel momento in cui ci si prepara a scrivere l’agenda delle cose da fare nel 2014, è logico che ogni partito pianti la sua bandiera. È ovvio che poi, per scrivere un contratto che impegna tutti, ognuno deve rinunciare a qualcosa». È così che il presidente del Consiglio, Enrico Letta, risponde alla proposta sulle unioni civili, che in questi giorni sembra essere diventata  l’unica bandiera di Matteo Renzi. Ma sull’argomento il segretario del Pd deve affrontare la contrarietà dei vescovi italiani e dell’Ncd.

PRIORITÀ SONO LE FAMIGLIE. La Chiesa chiede alla politica di pensare al carico fiscale sulle famiglie, prima che alle unioni civili. Questa è la sostanza del commento di Solmi alla proposta di Renzi. Su Radio Vaticana, il presidente della commissione Cei per la Famiglia ha detto che «è chiarissima la deriva che viene data e proposta anche in Italia: il favorire, attraverso sentenze, un riconoscimento delle unioni di fatto e anche delle unioni di persone omosessuali». Ma, ha aggiunto Solmi, «parlare di famiglia significa avere una relazione uomo-donna che si palesa, si ratifica davanti alla società». A essere prioritari non sono leggi sulle unioni civili alternative al matrimonio ma gli interventi a favore della famiglia, partendo da «un’attenzione fiscale» per «i nuclei con figli e che presentano al loro interno situazioni di fragilità». Alle unioni civili «non ci si può pensare senza pensare prima alle famiglie».

CAFFARRA: NON SEGUIRE LA MODA. Nell’omelia per la festa della Sacra Famiglia, il cardinale di Bologna, Carlo Caffarra, era stato ancora più netto, mettendo in guardia «dai decreti o leggi emanate a seconda del trend della moda». Senza parlare direttamente della proposta di Renzi sulle unioni civili, Caffarra aveva ammonito la politica che cerca di inseguire i nuovi trend. «Il matrimonio avviene fra un uomo con una donna, inoltre il bambino ha diritto a un uomo e a una donna che siano suo padre e sua madre quindi non possono essere sostituiti da due adulti dello stesso sesso che non sono, ma “fanno” da padre e da madre».  Secondo Caffarra oggi la famiglia «si trova a essere il terreno di scontro fra il potere di questo mondo e la voce di Dio. Il progetto di Dio sul matrimonio e sulla famiglia è scritto in primo luogo nel cuore, nella coscienza di ogni uomo e di ogni donna. È in essa che la voce di Dio risuona». Ma, aveva concluso l’arcivescovo, «potenti lobbies in possesso non raramente dei mezzi della produzione del consenso cercano di distogliere gli uomini e le donne dall’ascoltare la voce di Dio che parla nella loro coscienza».

IL NO DELL’NCD. Ieri era stato il vicepremier Angelino Alfano ha ribadire che alle unioni civili «non ci si può pensare senza pensare prima alle famiglie». Oggi, in una intervista ad Avvenire, è intervenuta anche la deputata Eugenia Roccella. «Renzi bocciò i Dico nel 2007. Ora cambia idea per far deragliare Letta: se affaccia temi divisivi persino nel suo partito vuol dire che non ha abbandonato il retropensiero di andare subito alle urne». Roccella aggiunge anche motivi di grande preoccupazione su eventuali compromessi sulla carta ritenuti moderati. Ma che in realtà potrebbero aprire la strada anche alle adozioni, e non solo a quelle. «Sanno che una volta ottenuta la parificazione di principio sarebbe gioco facile ottenere per sentenza a parificazione piena, con reversibilità delle pensioni, diritto alla casa, e – appunto – l’accesso a pratiche finora da noi vietate come l’utero in affitto. Ossia il commercio del corpo della donna, il loro vero obiettivo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

82 Commenti

  1. Cisco scrive:

    A volte certi commenti di cattolici non li capisco: ma che senso ha dire che”prima bisogna pensare alla famiglia”? Per caso, dopo aver preso provvedimenti a favore della famiglia, dei provvedimenti a favore delle unioni civili andrebbero bene? A me pare che il presidente della commissione Cei per la Famiglia (mons. Solmi? Perché Tempi non lo nomina?) e Alfano scambino una fondamentale questione antropologica con una cronologica. Meno male che Caffarra c’è.

    • Giannino Stoppani scrive:

      Machiavelli diceva che è difficile convincere gente con la pancia piena a fare sommosse, così il buon Alfano risponde parlando del portafoglio vuoto delle famiglie italiane a chi tira in ballo questioni antropologiche.

  2. Luca Zanda scrive:

    Bhá….sto Renzi mi sembra un pischello coatto. Mettiamoci pure ipocrita dato che dice di essere cattolico. Invotabile.

  3. domenico b. scrive:

    ma perché parlano sempre e solo di gay & c. E il lavoro che non c’è, come lo creiamo, con le unioni civili? E alle famiglie che non arrivano più a fine mese cosa gli diciamo? che è un diritto delle coppie gay avere dei figli? e le tasse che arrivano per imprese e famiglie a rosicchiare i pochi risparmi come le abbassiamo? facendo una legge contro l’omofobia? e i pensionati che si trovano a dover mantenere ancora figli grandi che non riescono a trovare lavoro, come li aiutiamo, mettendo in galera chi fa catechismo? perché i lor signori lettalfanorenziecc. non vogliono fare un programma serio per lo sviluppo reale del nostro paese?

    • luca scrive:

      a domenico è vero perchè tasse disoccupazione e povertà sono colpa dei gay vero?

      • domenico b. scrive:

        non sono colpa dei gay, ma questa classe politica li usa come fumo negli occhi…ma lo sai benissimo anche tu

        • luca scrive:

          ma magari, a me più di tanto non mi pare… prendi pure sto renzi, senza spina dorsale.. si, forse, ma , chissà, forse un unione, forse un registro, ma vaff*****o ti ci hanno messo i gay dove sei e come fa sempre la sinistra ora si ritira…
          io la sinistra la schifo in tantissimi sensi e non voto più da anni.
          se la nostra destra fosse più europea e aperta almeno per i matrimoni gay io la voterei subito. guarda in paesi come l’inghilterra, dove la destra ha creato, promosso e fatto passare il matrimonio gay…
          per l’economicamente e spesso per il sociale la destra alla sinistra gli da una pista, solo che qui in italia se vuole governare ha bisogno dei cattolici

        • domenico b. scrive:

          comunque, Luca, ti voglio chiedere: se cambi il senso delle mie parole adesso su un sito che lascia spazio a tutte le opinioni, cosa succederà a me quando sarà approvata la legge contro l’omofobia e ripeterò le stesse cose? Mi porterete in tribunale come un criminale che incita all’odio?…. povera italia….

          • luca scrive:

            domenico, mettiamola così, se non istighi violenza, non ti accanisci contro una sola persona e non fai propaganda d’odio non vedo proprio perchè tu non possa parlare di tutto ciò che vuoi.
            nessuna legge ti impedirà mai di dire che tu non vuoi amici gay, che tu non ne condividi la mentalità e lo stile di vita (anche se guarda che mentalità e stili di vita dei gay sono così vari che coprono tutti quelli possibili), etc.
            la legge non serve a far dire a te che non sei pro-matrimonio gay!

            • domenico b. scrive:

              come mai i commenti vengono pubblicati con molto ritardo? Luca, non avrò mai la certezza che un giudice non possa interpretare male una mia opinione. Chi dovrà decidere se io non istigo violenza, non faccio propaganda d’odio, ecc.?

  4. domenico b. scrive:

    abbiamo politici che non servono assolutamente a niente… anzi, servono solo ai gay

    • luca scrive:

      mi sembra che a noi gay servano a ben poco se nel resto del mondo occidentale il matrimonio gay esiste da anni e qui no… mi sa che non servono a nessuno e basta allora

  5. notalebani scrive:

    Scusate, ma come si fa a lamentarsi su questo giornale per la troppa attenzione che viene data ai problemi Gay?
    Nessunaltro giornale, ci dedica tanto spazio come Tempi.
    Certo che sarebbe meglio parlare di disoccupazione, corruzione, malapolitica, problemi che interessano 60 milioni di persone, piuttosto che parlare dei Gay che sono peraltro una piccola minoranza.
    Ma chi ha fatto più danni a questo povero Paese, una pletora di politicanti eterosessuali e amanti della Famiglia di giorno e puttanieri di sera o qualche giovanotto o signorina gay?

    • giovanna scrive:

      Senti bellino , forse ti sei perso il confronto con un tizio che si lamentava perché sul sito di tempi c’erano stati 40 articoli su tematica gay in due mesi. Ebbene in un nanosecondo è venuto fuori che su repubblica, c’erano stati 40 articoli a tematica gay in dieci GIORNI ! Voglio dire, questa lamentela, che esce fuori periodicamente, è un’ennesima riprova del totalitarismo gay: si DEVE parlare sempre e comunque della causa gay, e conseguente affossamento della famiglia, in tutti i quotidiani e settimanali e mensili possibili e immaginabili, ma guai a chi affronta la questione da un punto di vista contrario all’ideologia gay. Cioè, dopo il bombardamento continuo, veramente assillante, da parte del 99,99% dei media ( qualche coraggioso provi a sfogliare, come me dal dentista , un qualsiasi numero di qualsiasi mese dell’ultimo anno di vanity fair o donna moderna , credo i settimanali più letti in Italia, e mi dica se c’è scampo ! e non c’è solo un articolo, bensì parecchi ogni settimana !) c’è ancora qualcuno che si meraviglia che non tutti, non ancora, si siano assoggettati al verbo gay. Poi, mi sembra veramente di una miopia e grettezza uniche credere che affrontare il totalitarismo gay, che vuole affossare in un colpo solo la famiglia e la donna e l’uomo e il bambino ( leggere a proposito l’editoriale del direttore Amicone ) , voglia dire avercela con un gay o un omosessuale: il gay è un puro strumento del relativismo. Ma ormai si è capito , il gay che scrive su Tempi passa il tempo a contemplare il suo ombelico, della società, delle mamme, dei bambini, del futuro, se ne frega.

      • luca scrive:

        giovanna/viviana/moderatrice… la repubblica, purtroppo, non dedica neanche un 10% della spazio che tempi dedica alle tematiche gay.
        poi c’è chi come te posta solo su questo tema!

      • Claudia scrive:

        Giovanna certo che cominciare una risposta con “senti bellino” e’ proprio da brava educata cattolica, rispettosa degli altri! Un bel bagnetto di umilta’ come presupposto per iniziare bene l’anno nuovo le farebbe bene.

        • giovanna scrive:

          Cara Claudia o chi cappero sei veramente , semplicemente non mi va di ripetere dei nomi che suonano come insulti: è una cosa di bassissima lega, tentata più volte anche in passato. Per cui uso altri appellattivi, non offensivi. O preferivi che chiamassi il bellino: Nocretini?
          E poi, da dove lo deduci il fatto che sono cattolica e che cosa c’entra nel merito della questione discussa col bellino ? Non credo occorra essere cattolica per constatare l’ammorbamento che impazza su tutti i giornali sui presunti diritti gay , tra cui quello di comprare bambini, e il conseguente e più che legittimo inpegno di Tempi nel contrastarlo.
          Per quanto riguarda il bagno di umiltà che dovrei fare, hai ragione, ma già lo faccio tutti i giorni parlando con gente di questo livello umano e culturale ! :-)

    • Giannino Stoppani scrive:

      Naturalmente col termine “neotalebani” ti riferisci a quelli che fondano la propria ideologia sull’odio personale e l’invidia classista, e che, con la doppia morale tipica degli ipocriti, son pronti a indignarsi a comando e salutare con sincero entusiasmo a tutte, ma proprio tutte, le “conquiste di civiltà” che i loro caporioni indicano loro come tali, avendo abbandonato ogni capacità critica il giorno in cui hanno conferito il cervello all’ammasso del “partito” di turno.
      Sicché questi “trinariciuti” che un tempo hanno plaudito i carri armati sovietici che schiacciavano la testa a quelli che osavano sollevarla da sotto il tallone della dittatura, che poi hanno gioito e gioiscono dell’infamia dell’aborto legalizzato e sdoganato come “diritto” di uccidere l’essere più indifeso e innocente, oggi, in nome della stessa ideologia perversa e pervertitrice che ha causato l’ecatombe del novecento, promuovono il disfacimento della famiglia minando le basi dell’istituzione del matrimonio.
      Sbagli però a prendertela con Tempi quando vi compaiono articoli che evidenziano le malefatte di questi utili idioti complici di ogni abominio, visto che il dibattito politico sulla questione gay l’ha rilanciato nientemeno che il neo segretario di un partito che mi pare abbia ben poco da spartire con Amicone e soci.
      E’ stato infatti Renzino spendaccino, il simpatico pupazzo dei poteri forti, che invece di pensare a come cercare di alleggerire l’insostenibile peso della crisi e delle tasse sulla schiena degli italiani, ha pensato bene di farsi promotore a gratis delle pretese dei gay.
      O forse non hai fatto abbastanza attenzione alle rassegne stampa e la cosa ti è sfuggita?

    • domenico b. scrive:

      io non mi lamento di questo giornale, ma dei nostri governanti che usano i gay per distoglierci dai nostri reali problemi

  6. no8permille scrive:

    Lui non segue la moda, segue “la voce” che ha nella testa. Ci mancava solo il fratello del mago Otelma a dire stupidaggini.

  7. notalebani scrive:

    Ciao bellina (con 2 elle mi raccomando!) , so che oltre la fobia dei Gay avete anche quella per Repubblica. E per il Corriere, la Stampa, … insomma, tutti quei giornalacci che formerebbero il 99,99% del’ informazione Italiana! Ma non sarà un pò troppo il 99,99%? Se ti leggono quelli di Il Giornale, Libero, i tre canali Mediaset, si offendono! Se poi ti legge quel signore che li paga, avrebbe ben motivo di incazzarsi.

    Io non mi sono assoggettato al verbo Gay. Sono orgogliosamente etero e non mi è mai nemmeno passato per la testa di “provare” le loro abitudini sessuali.
    Però il rispetto umano è un’ altra cosa.
    Se devo fare la lista delle priorità delle cose che non vanno in Italia, ci metto 100 altre cose prima delle “gaiezze”.
    Parli di chi vorrebbe affossare le Famiglie, ma secondo te, quante famiglie sono state affossate da svolazzanti Gay, piuttosto che da seriosi ma pimpanti etero tutti focolare di giorno (con inclusa la Messa la Domenica) e marchettari la sera, oppure allegre Madri di famiglia un pò birichine col collega d’ ufficio?
    Ma non puzzano un pochino di ipocrisia ste cosette qua?

    Se Papa Francesco è arrivato a dire: “Ma chi sono io per giudicare?”, a me viene da chiedervi: “Ma chi siete VOI per giudicare?”

    • giovanna scrive:

      Senti bellino, mi sa che di fobie ce n’hai parecchie tu: prova a rileggerti !
      Certo che il contraddittorio ti da fastidio assai, dici un mucchio di stupidaggini e poi non vuoi nemmeno essere contraddetto, il solito che se la canta e se la suona ! e poi, via col solito menare il can per l’aia.
      Datti una calmata, va .
      ( e quando non sei più paonazzo, prova a leggere tutte le altre decine di articoli di Tempi, quelli che hai saltato a piè pari, fiondandoti su gay e Berlusconi : ti consiglio la serie dei “Te Deum”, bellissimi e commoventi , di Ben Weasel, Amicone, Corradi, Claire Ly, Miriano, Saladino….solleva lo sguardo !)

      • giovanna scrive:

        Ho un commento in moderazione, intanto , bellino, devo ammettere che forse repubblica, corriere, il fatto quotidiano, la Stampa, il messaggero, donna moderna, l’espresso, vanity fair, ma tutti tutti i femminili, direi, più tutta tutta la tv ( vabbè, tvsat no, magari ) non saranno il 99,9 % dei media, magari saranno il 90% , ma bisogna essere proprio in malafede per non accorgersi del bombardamento sulla tematica gay che subiamo giorno e notte, ovunque e sempre.
        E di sicuro Tempi e Avvenire ( raramente, molto raramente, il Giornale e Libero, mi sembra ) fanno un’opera giusta e meritoria a porsi fuori dal coro e rispondere per le rime.
        O se Renzi tira fuori l’agenda gay, come i cavoli a merenda, si dovrebbe stare tutti zitti ?
        ( prima volta che leggo di un uomo che si dichiara “orgogliosamente “etero” : di solito ci si dichiara orgogliosamente UOMINI !)

        • luca scrive:

          giovanna / viviana / moderatrice ci sarà un bombardamento ma perchè siamo vergognosamente indietro rispetto all’occidente e voi cattolici continuate a puntare i piedi… le senti le bombe? sai cosa significa? che le vostre folli ideologie stanno crollando. forse in italia non crolleranno mai, ma ormai anche noi siamo una voce!

          certo che tu cmq pubblichi solo su tematiche gay, quindi mi sembra evidente che ti interessa solo questo argomento.

          leggiti i commenti sui discorsi del papa 1 o 2, leggi quelli nelle tematiche gay 40/50

        • notalebani scrive:

          Giovanna, orgogliosamente UOMINI dobbiamo esserlo TUTTI, senza distinzione.
          Essere orgogliosamente etero non toglie a Luca il diritto di sentirsi orgogliosamente Gay, così come io sono orgogliosamente Uomo e tu Donna.
          Se siamo civili, i diritti dell’ uno non devono scalfire minimamente i diritti del’ altro.
          Ho anche detto che, per me, quello che per voi è il problema dei problemi, per me non lo è, mentre sento come problemi che soffocano questo Paese la corruzione, la delinquenza, la malapolitica, la crisi economica, ma pure quella dei valori, umiliati da modelli di Società basati sulla finzione, sul’ apparenza, sul mito del più forte, più spesso del più furbo.
          Occupiamoci di queste cose finalmente!
          Che qualsiasi essere umano possa godere degli stessi diritti, dovrebbe essere dato per scontato da qualsiasi persona civile e non oggetto di speculazioni politiche o pseudoreligiose..

          • Giannino Stoppani scrive:

            Cosa avrà da sentirsi tanto “orgoglioso” uno che spaccia la menzogna per verità, i capricci per diritti, la perversione per civiltà e l’asservimento dei deboli per libertà?

            • leo aletti scrive:

              On.Roccella, verità a tutto campo avanti così, non fare compromessi come è stato fatto sulla legge 40 (fertizzazione in provetta) o come si voleva fare coi DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) per introdurre l’eutanasia. Buon lavoro e buon anno.

          • giovanna scrive:

            Il fatto è che io sono donna, non sono “etero”, mentre tu non si sa cosa sei ! Si sente puzza di mistificazione lontano un miglio !E un omosessuale è un uomo , non una sottospecie da ghettizzare fino all’assurdo. E un uomo sa riconoscere la differenza tra una coppia uomo-donna o dello stesso sesso, anche se a lui non è dato vivere la prima opzione.

      • luca scrive:

        no giovanna/viviana/moderatrice e chissà quant’altro.
        le fobie le hai proprio tu, fidati.
        e poi che sono ste confidenze?”bellini”, ma con chi pensi di parlare?

    • Charlie scrive:

      Papa Francesco non ha mai sostenuto che per la Chiesa Cattolica i rapporti sessuali tra persone dello stesso sesso siano diventati leciti.
      Anzi, in tutta la sua storia di Vescovo risulta proprio il contrario e da Sommo Pontefice non si è rimangiato proprio nulla.
      Da Papa ha solo detto che il giudizio ultimo sul comportamento di un o una omosessuale – per assolverlo/la o condannarlo/la – spetta solo a Dio.
      E la stessa cosa che succederà con tutti gli uomini e le donne venuti/e a questo mondo alla fine della loro vita terrena.
      Quindi chi parla di omofobia della Chiesa dice il falso, a prescindere che lo sappia o no.
      La Chiesa è sempre stata durissima col peccato, ma ricca di misericordia con i peccatori, sapendo che Dio sa applicare bene sia la Giustizia sia la Misericordia.
      Con omo od etero.
      Operazione che non riesce mai facile ai mortali.

  8. notalebni scrive:

    Giovanna, orgogliosamente UOMINI dobbiamo esserlo TUTTI, senza distinzione.
    Essere orgogliosamente etero non toglie a Luca il diritto di sentirsi orgogliosamente Gay, così come io sono orgogliosamente Uomo e tu Donna.
    Se siamo civili, i diritti dell’ uno non devono scalfire minimamente i diritti del’ altro.
    Ho anche detto che, per me, quello che per voi è il problema dei problemi, per me non lo è, mentre sento come problemi che soffocano questo Paese la corruzione, la delinquenza, la malapolitica, la crisi economica, ma pure quella dei valori, umiliati da modelli di Società basati sulla finzione, sul’ apparenza, sul mito del più forte, più spesso del più furbo.
    Occupiamoci di queste cose finalmente!
    Che qualsiasi essere umano possa godere degli stessi diritti, dovrebbe essere dato per scontato da qualsiasi persona civile e non oggetto di speculazioni politiche o pseudoreligiose.

    • giovanni scrive:

      Scusa ancora, bellino: certo che ci vuole una bella faccia tosta a dire e anche ridire che il problema dei gay è per “noi” il “problema dei problemi “! Quando anche un bambino di 5 anni dove si gira vede propaganda gay, giustappunto voler dare dei diritti che non sono propri delle coppie dello stesso sesso , inutili e dannosi per tutti, quando la gente crepa di disoccupazione e crisi.Capisco che ti farebbe comodo, per come la vedi tu, che si stesse tutti zitti e buoni.
      E ti renderai conto da solo quanto sia assurdo sostenere che situazioni completamente diverse debbano godere degli stessi diritti: non sarai a favore del diritto dei pedofili o degli incestuosi o dei poligami di sposarsi? D’altra parte, che male ci sarebbe, “i diritti dell’ uno non devono scalfire minimamente i diritti dell’ altro”, vero? Cioè, voglio dirlo bene, perché in giro non c’è gente molto perspicace, è ovvio o straovvio che alcuni diritti , concernenti il matrimonio, che da millenni, per irrilevanti motivi antropologici, storici, filosofici , biologici, fisiologici, culturali ecc ecc , siano da attribuire solo ed esclusivamente alla coppia uomo-donna. Almeno finché da due uomini o due donne non potrà nascere un bambino ( comprarlo non vale !).
      E anche se il metodo del dare dell’omofobo e dell’incivile pare stia funzionando ( addirittura accusare l’interlocutore di essere fissato, un altro apice di malafede), e capisco che non essendoci argomenti è l’unica via che possa funzionare, nonostante questo il matrimonio sarà sempre e solo per la coppia uomo e donna,e anche se si riuscirà a ribaltare per legge questa semplice ed evidente realtà, ci sarà sempre qualcuno, più di qualcuno, che dirà che il re è nudo.

      • giovanna scrive:

        Naturalmente la risposta al bellino , che era in moderazione ed è apparsa il giorno dopo, l’ho scritta io, ho sbagliato l’ultima vocale: con tutti questi troll che girano mi avranno contagiato ! Scusate.

  9. Federica scrive:

    Basta tutto questo allinearsi all’ Europa che è’ stata ed è’ un fallimento economico e morale. Tra breve ci chiederanno anche di liberalizzare la droga e la prostituzione come in Olanda Dove la passeggiata con dei bambini per mano e’ imbarazzante.
    Le persone omosessuali devono essere rispettate come uomini e donne e ogni violenza deve essere abolita, ma la famiglia e’ e rimane uomo e donna , padre e madre.!!!!!
    Le adozioni non devono essere pensabili perché’ si metterebbero anime pure in ambienti sessualmente equivoci e imbarazzanti per un bambino che ha il diritto di avere una situazione sana.
    Non capisco perché’ tante adozioni a famiglie etero che da anni le hanno richieste non sono state ancora deliberate mentre invece si opta per qualcosa di innaturale.
    Bisogna al contrario , costituire delle associazioni che aiutino gli omosessuali e non legalizzare o incentivare il loro problema o disordine sessuale.

    • luca scrive:

      federica, liberalizzare la droga sarebbe un enorme bene, ma non voglio entrare nel merito. cmq guarda che in olanda la prostituzione si conduce in quartieri ben specifici quindi la tua passeggiata è molto più imbarazzante qui dove ti puoi imbattere in succinte professioniste ovunque… in olanda se non vai appositamente in certi posti non ti ci imbatti.
      federica, il disordine sessuale evidentemente ce l’hai tu. una che dopo 50 anni che l’omosessualità è stata tolta dall’albo delle malattie in tutto il mondo ne parla ancora come di una malattia…. è malata.
      non capisco come si faccia a lasciare a gente come te crescere i propri figli… sei visibilmente malata ed essere fertile non ti rende sicuramente idonea a crescere una prole… vai di prozac

  10. Federica scrive:

    Nel mio post di prima ho dimenticato l’affitto di uteri, ma ci si rende conto di quello,che stanno proponendo in Europa!!!
    Ma sono delle assurdità’ , invece di aiutare un madre che economicamente non riesce a mantenere o a potersi creare una famiglia gli si offrono soldi in cambio di una vita e ne abbiamo esempi già’ collaudati nel mondo della musica o del cinema!
    Quindi dove è’ questa civiltà’ che il mondo gay tanto acclama, invece di aiutare una persona nel bisogno gli si compra ciò’ che È’ la sua vita perché’ loro giustamente non possono avere.
    Ma stiamo sognando , anzi stiamo,vivendo un incubo.

    • luca scrive:

      federica hai dimenticato di parlare dell’amore del papa, della fame del mondo e del fatto che non esistono più le mezze stagioni. ora che hai palesato tutta la tua mediocrità torna pure a recitare vacuamente il tuo rosario di plastica

  11. beppe scrive:

    ultimissime: il PAPA in una chiaccjhierata coi gesuiti ha detto che le famiglie omosessuali pongono nuove sfide all’evangelizzazione. bisognerà dire che Dio è DUE VOLTE PADRE? e nei prossimi anni il magistero lo studieremo leggendo le interviste del papa?

    • domenico b. scrive:

      quello che dice il papa verrà al solito strumentalizzato. il papa certamente non cambia né il catechismo, né il magistero, né soprattutto le Sacre Scritture. Casomai si pone il problema di come parlare di Dio in un mondo che cambia

    • luca scrive:

      Beppe io non ho nessuna amore e trasporto per il papa ma non ha detto nulla pro e nulla contro i gay, ha solo detto di non allontanare i figli dei gay dalla chiesa… mi sembra una buona mossa sotto tutti i punti di vista no?
      ti sta solo dicendo che se tu ai figli di coppie gay gli rompi troppo riguardo la loro famiglia dopodiché questi non crederanno mai più nella chiesa.

    • domenico b. scrive:

      quello che dice il papa verrà al solito strumentalizzato. Il papa certamente non cambia né il catechismo, né il magistero, né certamente le Sacre Scritture. Casomai si pone il problema di come parlare di Dio in un mondo che cambia.

  12. Remo scrive:

    Ogni situazione di peccato istituzionalizzato pone nuove sfide pastorali. Il Papa si riferiva ai bambini che purtroppo sono vittime della follia ideologica genderista. È necessario condannare fermamente la pratica omosessuale e il cosiddetto “matrimonio omosessuale”, però i bambini sono vittime innocenti e vanno comunque accuditi anche personalmente. Se gli adulti che li hanno in casa compiono scelte riprovevoli ma poi, poniamo, chiedono il battesimo per i poveri bambini cUil stanno facendo del male privandoli programmaticamente di una situazione familiare adeguato, dovremo negarlo? Penso che il papa si riferisse a questa situazione.

    • luca scrive:

      remo ma non ti vergogni a parlare dei gay in questa maniera? se usassi un tono del genere in questo sito verso i cattolici sarei bannato a vita: follia ideologica, cosiddetto “matrimonio omosessuale”, scelte riprovevoli, condannare fortemente e peccato istituzionalizzato. oh, ma come ti permetti? ma vergognati per quello che hai scritto.
      cmq di quello che intendeva il papa non hai capito nulla… anzi proprio l’opposto. il papa intendeva esattamente che se ad un bambino in una coppia gay fai discorsi come quello che hai fatto te come cristiano lo perdi di sicuro per sempre. quello poi la chiesa non vorrà vederla neanche in fotografia. neanche quello che ti dice il papa capisci, ma che cristiano può essere uno che non capisce la sua religione?

      • Remo scrive:

        Ho scritto “cosiddetto matrimonio” perché il matrimonio è solo tra uomo e donna, lo dice la legge morale naturale e lo conferma il Catechismo della Chiesa Cattolica, che io rileggo sempre per essere sicuro di “capire la mia religione”, come tu dici. Anche Papa Francesco, a scanso di equivoci, ha ribadito di rifarsi a quel testo. Così posso tranquillamente continuare a dire che gli atti omosessuali sono un grave peccato, contraddicono la legge morale naturale (come ti permetti tu di dire che non sono un peccato, vuoi forse scandalizzare i piccoli e traviare il prossimo?), così posso e devo continuare a dire che i cosiddetti “matrimoni omosessuali” (come ti permetti di dire che sono la stessa cosa del matrimonio vero?) istituzionalizzano il peccato, sono una “struttura di peccato”, come insegna la dottrina sociale della Chiesa, che io rileggo perché ci tengo a capire bene la religione cattolica e la morale naturale, e inserire i poveri bambini dentro una struttura di peccato significa, commettere una grave ingiustizia nei loro confronti al solo scopo di soddisfare un capriccio derivante daalla insana adesione a una follia ideologica.

        • luca scrive:

          remo gli esaltati come te rafforzano solo la mia causa… è ovvio che dopo avere letto te uno si fa un idea non proprio positiva dei cattolici. continua così che mi favorisci solamente.

          poi sopratutto continua a gridare “i bambini, qualcuno pensi ai bambini” perchè in questo già nei simpsons c’è un personaggio che vi fa il verso quindi torna tutto buono come prova della vostra demenza

          • Remo scrive:

            No Luca, l’esaltato sei tu, credimi, accecato dal manierismo e incapace di liberartene. Mi hai detto che nono conosco la mia religione e io ti ho risposto, e lo confermo, che la conosco dal Catechismo della Chiesa Cattolica, mica dai manualletti dell’ Arcigay. Adesso poi mi citi i Simpsons…beh, allora siamo alla frutta…

        • luca scrive:

          certo remo che povero papa, quello dice “mi raccomando non fate scappare i figli di gay dalla chiesa” e tu capisci tutto il contrario… quello dice A e gente come te capisce B… deve essere veramente santo se vi sopporta

          • Remo scrive:

            Certo, Luca, Papà Francesco è un grande santo a doversi sorbire voi omosessualisti che gli volete far dire qualcosa di diverso da quello che insegna il Catechismo della Chiesa Cattolica, quando lui, poveretto, non fa altro che ripetere che si rifà al Catechismo della Chiesa Cattolica. Siete davvero perfidi, voi omosessualisti, oltre che ignoranti.

  13. Filippo Antonione scrive:

    La cattofobia di Luca è davvero spaventosa, fa paura. Spero di non incontrarlo da vicino perché avrei volta paura.

    • luca scrive:

      a filippo leggiti remo e vedi cos’è l’omofobia!
      la differenza tra la mia antipatia per voi e il vostro odio per me è che io non appoggerei mai una legge che limitasse le vostre scelte, anzi… mentre voi sostenete e promuovete l’idea che la legge debba continuare a limitare le mie.

      poi non è possibile che chiunque sia a conoscenza di un minimo di storia della chiesa e se la ricordi è contro di voi, guarda che l’inquisizione non me la sono inventata io, e se me la ricordo non è per cristianofobia ma solo perchè non sono un asino come te

      • Filippo Antonione scrive:

        Sì, Luca, ho letto Remo e non trovo in quello che scrive traccia di omofobia, mentre in te vedo molta, molta cattofobia e molto molto fanatismo. Ti temo.

  14. angelo scrive:

    Le sinistre periodicamente tirano fuori le loro fesserie, che diventano tormentoni infiniti, non perchè siano prioritarie, ma perchè loro le issano come bandiera per sottolineare la loro “diversità” e “novità”.
    Adesso tirano fuori la storia delle unioni civili e dei matromoni gay, come se fosse la cosa più importante del mondo. Ma domani si inventeranno qualcosaltro. Magari il diritto a girare col seno nudo, o lo spinello libero, o le puttane che devono pagare le tasse, o le lattine di coca cola che devono essere tolte dai dispenser, o quelli che sciano fuori pista, inquinando la neve con la sciolina.
    Sono alla continua ricerca del sol dell’ avvenir…. Ma siccome piove sempre, non sanno cosa inventarsi.

    • luca scrive:

      angelo di una cosa puoi star sicuro quello smidollato di renzi una legge per le unioni civili non la fa neanche se viene miracolato… già si vede, tiepido, tiepido sulle sue posizioni mentre voialtri almeno siete belli incalliti fino al midollo… ma quando la spunta quella salciccia di renzi

  15. Massimo scrive:

    Mi permetto, umilmente, di presentare ai Lettori di Tempi questo testo, un’illuminante discussione della evoluzione del matrimonio (anche omosessuale). Buona lettura.

    http://www.amazon.com/Marriage-Likeness-Same-Sex-Unions/dp/0002555085

  16. Federica scrive:

    Caro Luca sei un sterico che cerca di ipnotizzare gente sana, quando il malato,sei tu. La omosessualità’ e’ una malattia che uccide l’anima e la coscienza che hai dentro ti urla tutti i giorni e tu lo sai. Cerchi di convincerai che quello che fai e’ bene quando anche tu stesso sai che è’ male, sei come quei giocatori di azzardo che non riescono a smettere e giocano tutti i giorni quasi autopunendosi . Tu sei in questo sito combattendo con tuttimsumcio’ che è’ indifendibile , inammissibile , innaturale e che ora vuole anche tirare dentro bambini innocenti!
    Attenzione sei completamente fuori strada in questa vita …… E ne abbiamo una sola quindi non la buttare in sesso che non ha senso!

    • luca scrive:

      federica continua così, rivelati per l’invasata fondamentalista che sei… più voi siete fondamentalisti più probabilità ho io che lo stato smetta di darvi retta! continua così…
      poi con i bambini, i bambini, qualcuno pensi ai bambini… in pieno la moglie del reverendo lovejoy dei simpsons… sei un mito, tanto svitata da perdere ogni speranza di credibilità

  17. Massimo scrive:

    Luca, ma la tua formazione è tutta basata sui Simpsons? Vedo che sei ferratissimo. Per il resto vedo in te solo fanatismo, integralismo e un certo fascismo.

  18. Federica scrive:

    Luca le tue fonti attendibili e ispiratorie sono i simpson , topolino, paperino bla bla bla.
    Non conosco i personaggi dei simpson e ne vado fiera visto chi li vede.
    Ti mancano proprio le basi per argomentare e purtroppo anche le basi morali.

    • Edo scrive:

      Da amante dei Simpson, non ho nessun problema a dar ragione a Luca sul reverendo Lovejoy e sua moglie, protestanti e perbenisti, ma falsi e freddi. Quello che Luca dimentica di dire è che i Simpson sono una famiglia formata, com’è naturale che sia, da un padre uomo, una madre donna e tre figli, un maschio e due femmine.
      I Simpson, dunque, rappresentano in maniera concreta ed efficace l’unica vera famiglia esistente da sempre sulla faccia della terra e difendono la famiglia fondata sul matrimonio, sulla fedeltà tra i coniugi (uomo e donna naturalmente) e sull’amore verso i figli. Luca, però, non vi dirà mai tutto ciò, chissà perché.

      • luca scrive:

        Edo nei simpsons ci sono ben 2 matrimoni gay!

        ps
        è un tv show non è una legge fisica o della natura

        • Edo scrive:

          Luca, ti riferisci alla puntata dal titolo “Gay, un invito a nozze” (stagione 16, episodio 10), in cui Homer, scoprendo che ogni matrimonio viene pagato 200 dollari per cerimonia, si fa ordinare sacerdote via internet e inizia a celebrare matrimoni, senza porsi alcun problema su chi (o cosa) siano i contraenti del matrimonio? Ti riferisci a questa? A parte la banalità e l’ironia con cui il tema viene trattato, allora che problema c’è? Chiama un tuo amico, si faccia nominare sacerdote e ti sposi con chi vuoi tu.
          In secondo luogo, quante puntate ci sono dei Simpson? 500? In quante di queste si parla di gay e “matrimonio” gay? Una, due se va bene, e in tutte le altre 498 si vede solo la famiglia Simpson (padre, madre e figli), quindi mi ripeto: i Simpson, dunque, rappresentano in maniera concreta ed efficace l’unica vera famiglia esistente da sempre sulla faccia della terra e difendono la famiglia fondata sul matrimonio, sulla fedeltà tra i coniugi (uomo e donna naturalmente) e sull’amore verso i figli.

    • luca scrive:

      I bambini, qualcuno pensi ai bambini!

      • Filippo Antonione scrive:

        Sì, Luca, ho letto Remo e non trovo in quello che scrive traccia di omofobia, mentre in te vedo molta, molta cattofobia e molto molto fanatismo. Ti temo.Vi divertite molto sulla pelle dei bambini, eh stronzata?

  19. Federica scrive:

    Non ci posso credere ma devo dire che la lettura che ha fatto Luca sulla dichiarazione del Papa , se l’hanno riportata in modo giusto, e’ esatta secondo me. È cioè che per evitare che i bambini di future famiglie di genitori 1 e 2, si allontanino o addirittura che non si avvicinino mai alla Chiesa ed alla lettura del Vangelo ha solo preso in considerazione una corsa ai ripari.

    Caro Luca vedo che gli occhi c’è li hai aperti ora visto,che ti piace stare in mezzo a noi obsoleti cristiani perché’ non aprì i veri occhi che svegliano il tuo cuore e capisci che se si cede ai matrimoni gay e’ solo,l’ inizio di una catastrofe sociale che colpirebbe al cuore e cioè’ la famiglia sulla quale si basa qualsiasi creazione di vita.
    Non a caso,la Sacra Famiglia e’ formata da Padre e Madre e non da genitore 1 e 2.
    Ma tu infondo lo sai , perché’ avvolte le tue critiche mi sembrano costruite e non sentite.

    • luca scrive:

      federica sono 2000 anni che voi cattolici andate ad annunciare la fine del mondo ad ogni minimo cambiamento nella società: da divorzio, alle donne che vanno a scuola alla messa non più in latino. ogni volta siete pronti ad annunciare catastrofi e rovine, che puntualmente non arrivano.
      non preoccuparti se io sono felice non finisce il mondo, stai tranquilla!

      ps
      non si giudica una legge in base ad eventuali, ipotetiche altre leggi che questa può incoraggiare. non si nega ai neri il diritto di sedersi dove vogliono in autobus perchè hai paura che un giorno ti chiedano un autobus tutto loro…

      • Giannino Stoppani scrive:

        Luca, guarda che ti sbagli coi testimoni di geova.
        Sono loro che, almeno fino a qualche tempo fa, predicavano che la fine del mondo era imminente.
        Noi cristiani crediamo che il Salvatore tornerà sulla Terra, ma non sappiamo né l’ora né il giorno.
        Perché non ti informi meglio sulle faccende che vuoi criticare?

  20. Federica scrive:

    Ho diversi amici a Firenze, che mi hanno confermato che Renzi oltre ad essere un sindaco fantasma quindi pagato da noi contribuenti senza presenziare a lavoro , e’ stato incapace di effettuare qualcosa del suo programma o a rispondere alle necessità’ del Paese…… Mi domando ma se non riesce con una realtà’ come Firenze come farà’ con l’ Italia?
    Inoltre uno che dovrà’ essere leader di Paese G 8 a 38 anni senza aver mai lavorato un solo giorno senza mai aver guadagnato un solo euro ma sempre a ricasco,del partito da quando aveva 18 anni come farà’?
    Inoltre il periodo non è’ dei più’ semplici vista la crisi e il deficit.

    Fosse stato un imprenditore genio , un avvocato ispirato, un commercialista di fama mondiale che può’ creare soluzioni, un operaio che ha creato il suo io , un ditta impiego, ecc.
    Un professore che ha pubblicato libri, un giornalista da etica ferrea, ecc ecc.
    Ma questo mi sembra un cazzaro che non ha nemmeno esperienza lavorativa e vuole mettersi alla guida di uno dei Paesi più importanti del mondo?!
    Ti credo che distoglie l’attenzione e la centralizza su gay, posti di lavoro ipotetici…….

    • luca scrive:

      federica io renzi lo odio, perchè è stato eletto con i voti dei gay e stai sicura che farà solo un tiepido tentativo per le unioni gay… renzi non ci darà mai le unioni gay.
      io semplicemente non voto… cmq se il tuo imprenditore genio è uno che ha fatto la sua fortuna “magnando” con Craxi non posso dire che condivido le tue idee politiche.
      a me l’idea di un giovane politico piace, solo non è renzi un buon politico. i politici di destra almeno i gay li odiano veramente e fino in fondo e ostacolano in tutti i modi la nostra felicità. non fanno finta come a sinistra di tenerci ai gay e una volta che hanno i voti ti dicono “sono altre le urgenze”, e grazie in un paese ci saranno sempre altre urgenze, ma certe lotte si dovrebbero portare avanti a prescindere.

  21. Federica scrive:

    Luca voi non siete neri, che sono persone come noi, voi siete sessualmente disordinati e quindi dannosi per il prossimo specie per i bambini

  22. Edo scrive:

    Comunque, nella conversazione con i Gesuiti il Papa non ha affermato che sono le “famiglie omosessuali” a porre nuove sfide all’evangelizzazione, ma “le situazioni che viviamo oggi”.
    Il passo completo lo trovate qui

    h**p://www.laciviltacattolica.it/articoli_download/extra/SVEGLIATE_IL_MONDO.pdf

  23. Luca scrive:

    Dovete scusarmi. Io sono uno sciocchino che non fa altro che guardare i simpson e si permette di scherzare sulle sofferenze inflitte ai bambini dai peccati degli adulti. Perdonatemi.

    • Laura scrive:

      Effettivamente ti diverti a fare lo sciocchino perchè ti aiuta a sentirti vivo e ti galvanizza un po’.
      Ma sei pure alla ricerca di un cammino di conversione e questo è quello che conta nella tua storia.
      Ti auguro un anno sereno.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana