Google+

Suo padre è suo fratello e sua madre è sua nonna

marzo 4, 2015 Leone Grotti

L’Alta corte inglese ha permesso a un uomo di adottare il bambino concepito in vitro, con il suo sperma e un ovulo “donato”, e partorito da sua madre

fecondazione-shutterstock_129449231In Inghilterra vive un bambino di sette mesi che non potrà mai conoscere la sua mamma biologica, il cui padre biologico è anche suo fratello e la cui nonna è in realtà sua madre. L’Alta corte inglese ha permesso tutto questo per la prima volta al mondo consentendo a un uomo di adottare il bambino concepito in vitro, con il suo sperma e un ovulo “donato”, e partorito da sua madre.

DESIDERARE UN FIGLIO. Il caso è uscito ieri senza nomi su tutti i giornali inglesi. L’uomo ha circa 25 anni e vive da solo. «Da tempo» desiderava diventare papà, dopo essersi «sistemato» con casa e lavoro. E siccome non aveva una controparte femminile, ne ha parlato in famiglia per trovare una soluzione e incaricare una delle sue parenti di portare in grembo suo figlio. Una sua familiare, che avrebbe dovuto interpretare il ruolo di madre surrogata, si è ritirata dai giochi all’ultimo per problemi di salute e così la scelta è ricaduta sulla mamma.

TUTTO LEGALE? Dopo che la donna ha ottenuto il permesso dal marito, si è recata con il figlio in una clinica riconosciuta ufficialmente dall’autorità statale inglese Hfea. Nonostante l’utero in affitto sia illegale in Gran Bretagna, la clinica ha acconsentito alla procedura e così alla donna è stato impiantato l’embrione “prodotto” con lo sperma del figlio.

MATERNITÀ SURROGATA. Secondo la legge inglese, la donna che partorisce il neonato è la sua madre legale. Poiché il marito ha acconsentito all’inseminazione artificiale, inoltre, questi è stato considerato il padre legale del piccolo. Anche nel caso di maternità surrogata fatta in famiglia, o fai-da-te, è proibito consegnare il bambino al solo padre biologico. O questo si è impegnato «in una relazione familiare stabile» o non può avere la tutela legale del bambino.

SERVIZI SOCIALI D’ACCORDO. Ma il giudice Theis ha permesso lo stesso all’uomo di adottare quello che, di fatto, è suo fratello, oltre che suo figlio biologico. E questo, con l’approvazione dei servizi sociali, perché «l’adozione in questo caso rafforza il legame familiare che già lega il padre al bambino». Il neonato potrebbe fare confusione, dal momento che sua nonna è sua madre e suo fratello è suo padre, ma per il giudice non c’è pericolo perché «il padre capisce che il bambino avrà bisogno di sapere come è stato concepito e sente che utilizzerà la sicurezza della sua struttura familiare per aiutare il figlio a capire che è stato molto voluto». Ecco perché tutti sono sicuri che «i bisogni del bambino saranno soddisfatti».

NIENTE È SCONTATO. Non è chiaro quali bisogni del bambino siano stati tenuti in considerazione. Secondo l’autrice inglese di saggi sulla famiglia Jill Kirby, «se l’Hfea considera questa una procedura legale, allora è urgente una revisione della legge». Secondo l’importante ricercatrice sulla famiglia, Patricia Morgan, «questo bambino avrà molta confusione in testa. L’evidenza suggerisce ormai che più ci allontaniamo dai due genitori biologici e più danni facciamo al bambino». Un deputato laburista, Robert Fiello, ha commentato: «Questo caso solleva molti problemi. La mia più grande paura in tutto questo riguarda il potenziale danno a livello emotivo che il ragazzo svilupperà nel corso degli anni, quando cercherà di comprendere quei legami familiari che noi tutti diamo per scontati».

Foto inseminazione artificiale da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. maurizio scrive:

    Mentre procede la deforestazione dell’Amazonia con alte grida e lamenti degli ambientalisti e si ampliano sempre più i diritti degli animali,ormai quasi equiparati agli esseri umani con grande esultanza della Sig.ra Brambilla…ecco che si riduce la natalità e la popolazione invecchia(solo i musulmani fanno più figli)ecco che prosegue la forsennata e dissenata corsa al diritto ad avere un figlio…non importa come..non importa nulla considerare i suoi diritti-in primis quello di poter crescere in un ambiente educativamente consono alle sue esigenze di normalità,stabilità ed equilibrio dell’ambito familiare.Un oggetto del proprio super-ego e non una persona degna di rispetto e di cura dei propri diritto.L’adulto,il genitore é tale perché genera la vita,la dà cioè si pone al servizio ed alla formazione di essa:qui,invece,si sta rovesciando tutto..come costruire una casa sulla sabbia…quanto pensate che durerà.? Ma tanto chi se ne frega,l’importante é pensare solo a sé stessi,credersi creatori(che é diverso da genitori)mentre-per quanto ci sforziamo di violentare la natura umana-restiamo pur sempre creature cioè creati..non siamo dei ma fragili creature.Un mondo in totale stato confusionale sulla vita,la famiglia,le relazioni interpersonali con sempre più diritti e sempre meno doveri,sempre più avidi di pretese e sempre meno consapevoli e disponibili ad assumersi responsabilità…dove l’altro(chiunque sia)deve essere a mia disposizione per soffisfare i miei capricci o le mie carenze affettive.La storia si dice che sia maestra ma noi,i nostri responsabili(politici,giudici,avvocati,fini pensatori e abili incantatori di teorie strampalate,innaturali)continuano a farci rotolare nel vuoto e nella corruzione,prima dello spirito e animo umano che delle bustarelle di vario genere….cosi si é dissoluto il grande impero romano e via di seguito.Dio ci illumini e ci salvi prima che tutto vada definitivamente a rotoli!!

  2. mery scrive:

    ovviamente nessuno si azzarderà a chiedere una perizia psichiatrica al 25 enne! sono pazzi e diabolici.

  3. Marina scrive:

    povero disgraziato di un bambino. In realtà gli augurerei di non saperlo mai.

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

24 cm più lunga della berlina dalla quale deriva, la nuova Hyundai i30 Wagon punta sulla concretezza e la razionalità. Forte di un bagagliaio con una capienza massima di ben 1.650 litri, è costellata di numerosi vani portaoggetti e soluzioni “furbe” che giocano a favore dell’abitabilità. La famigliare coreana, ambiziosa al pari della “sorella” a […]

L'articolo Hyundai i30 Wagon: la guerra dello spazio proviene da RED Live.

Più grande e di conseguenza più spaziosa, la Countryman cambia nel volume (+20 centimetri di lunghezza, +3 di larghezza, +7,5 di passo) ma non nelle proporzioni, che restano equilibrate ed armoniche. All’interno trovano posto cinque passeggeri, non più costretti a stringersi, specie dietro; più che discreta la capacità del bagagliaio, che parte da 450 litri per […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper SD proviene da RED Live.

Thunder Stroke™ 111: è il cuore che muove la Springfield, un bicilindrico a V da 1.811 cc e 135 Nm di coppia massima. La stazza conta fino a un certo punto e, a fronte di una distribuzione dei pesi ottimale, i 390 kg non fanno paura. Il prezzo, invece, un po' di più: 27.290 euro.

L'articolo Prova Indian Springfield proviene da RED Live.

LIVE Uscire dal seminato, e dagli stereotipi. Ci sono auto ricercate perché “le hanno tutti” e altre che invece offrono un punto di vista differente sul concetto di auto premium. Se siete tra chi cerca qualcosa di diverso, allora potete inserire senza ombra di dubbio Volvo nel carniere dei concessionari da visitare. La casa svedese […]

L'articolo Prova Volvo V60 Cross Country proviene da RED Live.

È arrivato all’EICMA del 2015, come un fulmine a ciel sereno. Allora si chiamava City Adventure ed ebbe tutti gli occhi addosso. Guardandolo si intuiva che non sarebbe stato un concept fine a se stesso. Troppo definiti i dettagli, troppo precise le saldature, troppo belli i cerchi a raggi (con il posteriore da 15 pollici) […]

L'articolo Prova Honda X-ADV proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana