Google+

Spagna. Sindaco smantella la Via crucis del paese: «Manca di rispetto a musulmani e atei»

luglio 17, 2015 Leone Grotti

Un comitato di cittadini ha chiesto al sindaco socialista Natalia Nuñez di rimettere al loro posto le stele numerate (che per altro erano prive di croce)

via-crucis-prima-dopo-spagna-madrid

Natalia Nuñez, socialista, è appena stata eletta alla guida di Cenicientos, piccola città della provincia di Madrid. Tra i primi provvedimenti presi, in qualità di sindaco, c’è stato quello di smantellare la Via crucis che univa il paese al santuario Nuestra Señora del Roble, patrona della città.

«MANCANZA DI RISPETTO». Che cosa ha giustificato tanta furia iconoclasta? La Via crucis – a cui Nuñez si è riferita nelle interviste chiamandola «queste pietre» – rappresentava per il sindaco una «mancanza di rispetto» nei confronti dei non credenti e di coloro che «professano la religione e la cultura musulmane». Ma distruggerla non è forse una mancanza di rispetto verso i cattolici? Per il sindaco, no.

DISCRETE E GRATUITE. L’intervento è tanto più incredibile se si considera che la Via crucis era composta da piccole stele di pietra, neanche munite di croce, con sopra indicate le stazioni in numeri romani. Inoltre, la loro costruzione era appena stata finanziata dal piano culturale “Prisma” della provincia per un totale di 3.000 euro. Non erano costate niente al Comune, che però le ha distrutte a soli tre mesi dalla posa. Un comitato di cittadini ha organizzato una raccolta firme, che sono state consegnate oggi al Consiglio comunale: chiedono che la Via crucis venga rimessa al suo posto.

via-crucis-cenicientos-2015-a

«SETTARISMO». Per padre Jorge González Guadalix, sacerdote della diocesi di Madrid, si tratta di «settarismo. C’è la volontà di non rispettare e insultare i cattolici». E poi, come potrebbero offendere qualcuno? «Un musulmano non sa neanche che cosa significano. Allora sono molto più offensive le chiese e i santuari».

«FARLA FINITA CON I CATTOLICI». Il sindaco Nuñez potrebbe pensare di distruggere anche quelli, secondo padre Guadalix non siamo molto lontani da quel giorno: «La verità è che si vuole farla finita con i cattolici e con tutto ciò che richiama alla Chiesa. Questa è una vecchia aspirazione di cui la Spagna ha già sofferto e che ha lasciato frutti di tolleranza che tutti conosciamo…», conclude con sarcasmo riferendosi alle persecuzioni anticattoliche degli anni Trenta.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

36 Commenti

  1. Orazio Pecci says:

    Se per il sindaco celebrare il rito della Via Crucis (di cui quelle povere pietre erano solo un ausilio mnemonico, come i grani del rosario) è una «mancanza di rispetto» nei confronti dei non credenti e di coloro che «professano la religione e la cultura musulmane», mi chiedo cosa sarà celebrare la Messa. E quando avrà finito di eliminare le tracce di mancanza di rispetto cattolica nei confronti dei non credenti, passerà a eliminare quelle mussulmane? E dopo aver vietato i tappetini da preghiera e il ramadan, cosa toglierà di mezzo? Il capodanno cinese?

  2. Filippo81 says:

    L’esistenza stessa di Natalia Nunez è un’offesa vivente a tutta l’umanità, piuttosto.

    • Oronz says:

      Che problema hai? Fattela a casa tua la via crucis ah ah ah

      • Santapazienza says:

        Oronzo, che fa rima con……………quando ti metteranno il velo e ti saluteranno con un coltello la via crucis la farai tu….

        • Oronz says:

          Nel frattempo continuiamo a prendervi a calci nel deretano ancora per un po’ che ne dici?

          • To.ni says:

            Non ti preoccupare che intanto i musulmani che vedono i vigliacchi coraggiosi solo a togliere la Via Crucis ” in loro rispetto” le pedate nel culo al Sindaco e a quelli come te li danno meglio e di più. O pensi che all’Oronzo gli dicono bravo?
            E quando ve le daranno, meglio avvolti in una bandiera arcobaleno, gli direte pure grazie ….perché siete pure masochisti.
            Che ne dici …e bello?

            Scusa, non perdo tempo con te, per quello che vali con la m che scrivi, quindi la mia mancata replica considerala una sconfitta difronte alla tua sagacia, intelligenza, brillantezza, lungimiranza laicità evoluta, ecc . Ma tieni presente che sei Oronzo… e la rima che ti si addice è una.

          • Filippo81 says:

            ah oronz, vatte a compra’ un chilo di carote e buon divertimento……..scusa volevo dire buon appetito !

      • maurizio orefice says:

        Oronzino quando metterai la testa a posto? Rispetta le religioni altrui prima della propria. Anche se credi nell’ateismo

      • Filippo81 says:

        ah oronz, ma non ti avevo detto di andare affanc.. ? Allora vacce e no rompe …..ah ah ah CITRULLO !

  3. Giuseppe says:

    La sindaca Nunez fa esattamente quello che dice Nunzio Galantino: mi aspetto che tra poco il segretario dei vescovi italiani – adeguatamente spalleggiato da Avvenire – ci proibira’ la Via Crucis perché’ e’ “divisiva”.

    • Filippo81 says:

      Purtroppo il rischio c’è. Giuseppe.Caritas,Avvenir,ecc e buona parte del Clero arriveranno a dire che annunciare Cristo è irriverente nei confronti dei non Cristiani.Al fondo anche Cristo ha “sbagliato” a venire sulla Terra,ha “mancato di rispetto” nei confronti degli “altri”…..tanti non lo dicono ma lo pensano, sicuramente.

  4. Toni Caproni says:

    “Ma distruggerla non è forse una mancanza di rispetto verso i cattolici?”

    E che facciamo ? manchiamo di rispsetto a chi manca di rispetto?

    Allora manchiamo di rispetto a TUTTE le confessioni che non hanno simboli sparsi per strada…
    dovremmo installare le stazioni di preghiera buddhiste.. o di qualunque altra religione

    allora che facciamo ce li mettiamo tutti o nessuno?

    • Sebastiano says:

      Come far capire al troll che si autoabbina un cognome talmente qualificante che la mancanza di rispetto è “togliere” (con pseudogiustificazioni farneticanti) un simbolo esistente e non “aggiungerne” di altri senza che ci sia neppure una specifica motivazione né una altrettanto specifica richiesta?
      Sei cugggino di Oronzo? Tutto si spiegherebbe…

      • Toni Caproni says:

        Come far capire al cristiano impunito che i fedeli delle altre religioni hanno gli stessi suoi diritti?

        Se è lecito riempire le strade di simboli cristiani allora bisogna consentirlo a TUTTE le religioni… o a nessuna!
        Le richieste certo che ci sono, devono telefonare a casa tua per avere il permesso?

        • Tony Pecoroni says:

          Gli stessi tuoi diritti…….appunto nessuno deve impedire ai Cristiani di poter vivere secondo i propri convincimenti !

          • Toni Caproni says:

            I propri convincimenti hanno un limite quando abusano della liberta altrui, quando si impongono al resto della comunità, quando si manifestano in modo ambiguo e quando si manifestano impendendo agli altri di farlo.

            Le strade sono di TUTTI non solo le vostre e la scusa della liberta religiosa non serve a niente.

            • To.ni says:

              La libertà di una bestia come te non può avere la pretesa che tutti devono essere bestie al tuo pari. Tu caprone imbecille puoi essere illeggibile, inguardabile per come vuoi essere, ma non puoi pretendere che devi essere riprodotto in serie come una Barbie grazie a dei corsi proposti da gentaglia come te. Accontentati di quello che sei, ma consentì agli altri di dire: Caproni, esci dal pantano melmoso!

        • Sebastiano says:

          Imbecille, ti sei scoperto. La tua vera intenzione sarebbe infatti di vietare tutte le religioni (tranne la tua, of course).
          Ma gli articoli li leggi per intero o rispondi solo leggendo l’ultimo capoverso?
          Ho il vago sospetto che tu sia lo stesso Oronzo (e qualche altra decina di nick). Stai facendo gli straordinari, eh?

        • Filippo81 says:

          Caproni è diventato pure teologo !ah ah ah

    • Filippo81 says:

      Chi te lo impedisce, Caproni ? Metti tutti i simboli che vuoi, ma non date fastidio a noi.Se poi qualcuno è talmente permaloso e ottuso da ritenere un’offesa una Croce Cristiana,beh sono affaracci suoi,a me non me ne può frega ‘ de meno !Comunque voi atei che disprezzate tanto i Cattolici, vi assicuro che se un giorno l’Europa diventerà islamica ( gli estremi ci sono,purtroppo ) ci rimpiangerete, perche le nuove autorità non vi faranno neanche respirare se non vi convertite alla loro Religione.SVEGLIAAAA !

  5. antonio says:

    e che ne dite del parroco che invita a digiunare insieme agli islamici per la fine del ramadan ? a me fa venir voglia di andare a mangiare salamine ad una festa della lega.

    • Sebastiano says:

      Fa parte della schiera di quelli che, con l’apporto di qualche prelato disattento, si interessano sempre di più (cercando di trovare a tutti i costi i “buoni aspetti” e nascondendo quanto possibile dei “brutti”) della religione degli altri e sempre meno della propria.
      Con il sindaco di cui sopra ci si troverebbe a meraviglia, presumo che si farebbe dare una mano anche dagli Oronzo e Caproni vari per nascondere le facciate delle chiese, modificare le toponomastiche che contengono nomi di santi o simili, e idem cambiare il nome alle città. Il tutto giusto perché i musulmani (o chiunque non sia cattolico) non si sentano discriminati. Probabilmente, allo stesso tempo, appoggerebbe una campagna di raccolta fondi per la costruzione di qualche moschea, sempre giusto perché i musulmani non si sentano discriminati. E’ l’addio alla ragione, ancora prima della fede.

  6. Alèudin - preghierecorte says:

    Che frustrati questi atei; ma non dovrebbero essere persone mentalmente libere… ?

  7. Livio says:

    che tristezza, passare sullo stesso sito dall’articolo su Padre Aldo in Paraguay a questa pochezza di donna..

  8. Giannino Stoppani says:

    A me pare una “renzata”, ovvero dato che i nostri politici hanno svenduto la nostra sovranità a lor signori che oramai li comandano a bacchetta, non potendo spendere e dunque fare qualcosa di tangibilmente positivo per i cittadini, l’unico modo per avere un po’ di consenso è quello di fare operazioni di marketing politico a costo zero.
    Perciò si vedono i rottamatori in camicia bianca, le ruspe sulle magliette e lo smantellamento delle vie crucis.
    O tempora, o mores!

  9. giuliano says:

    come sempre, i vermi sono sempre rossi

  10. maboba says:

    Agli iponoici odiatori di sé,
    che disprezzano e vogliono distruggere ogni segno della tradizione storico culturale che ha formato le loro stesse menti e che ha creato queste società nelle quali con tutti i diffettacci (dove esiste la perfezione?) a tutti noi però è permesso di potersi esprimere liberamente e in cui nonostante le derive, i paradossi e le contorsioni della storia è stato eretto a sistema la difesa dei diritti e della vita di ogni persona indipendentemente dai vari credo,
    auspico che non debbano sperimentare sulle loro fragili personalità il passaggio dal confessionale alla scimitarra.

    PS. Singolare ed Indicativo il fatto che la suddetta abbia giusticato la cosa in nome dei musulmani e non, che so, di ebrei, buddisti etc.

  11. Aldo says:

    In realtà è che ha messo quei cippi che dovrebbe spiegarne il motivo. La via crucis di questo paese è una manifestazione con qualche pregio storico-culturale? Perché sono stati messi in quei punti? venivano forse rievocate in quei punti o vari episodi della via crucis? Se non c’è nulla di questo, si tratta di mera colonizzazione di spazio pubblico e bene ha il sindaco a ristabilire la situazione ex ante.

    • Sebastiano says:

      “mera colonizzazione di spazio pubblico”

      Ah Ah Ah….
      Che ridicoli, avete paura di un po’ di pietre… A quando l’abolizione delle targhe delle vie o dei nomi dei paesi che indicano santi e madonne? E per i dipinti e le sculture dei musei che farete, gli metterete la pecetta?
      La cosa più curiosa, poi, è che a coloro che dite di difendere (in questo caso i musulmani, e chissà perché non gli ebrei che sarebbero stati i più diretti interessati, ma è comprensibile: essere pro-islam è più figo, un pro-israele non può essere di sinistra) non gliene importa una pippa.

    • Filippo81 says:

      Aldo ripassa la Storia, o fai parte di quelli che credono che l’Occidente sia nato nel 1789 ?

  12. Raider says:

    La Via Crucis ha, per chi non è cristiano e non è animato dai bollenti spiriti malvagi anti-cristiani, un valore antropologico e storico-culturale inestimabile. E’ parte di quel patrimonio immateriale tutelato da eti nazioali e internazionali ‘U.N.E.S.C.O.
    E il punto è proprio questo: questa tradizione, col suo richiamo a valori identitari, anzi, per il fatto stesso che la Via Crucis costituisca di per sé un valore storico-civile, proprio, non gli va, ai laicisti-genderisti-masson-satanisti. Non gli cala. Non gli spercia, diciamo in Sicilia. E la tutela degli islamici è una scusa buona per le loro pessime pregiudiziali anti-cristiane.
    Vedete, però, se di fronte ai segni visibili anche nelle nostre città, nelle nostre strade dell’appartenenza all’Islam gli salta il ticchio di sentirsi provocati. Se gli basta l’anima di sentirsene offesi. Allora, no! Vige la libertà di culto secondo il credo politicamente corretto: e con ciò, la libertà di farsi passare a prima vista l’amore cieco della sacra laicità.

  13. CAMERATA GRAFFIGNONE says:

    Il 18 luglio ricorreva l’anniversario dell’ALZAMIENTO del 1936 quando le forze cattoliche e nazionaliste iniziavano la rivolta contro il governo socialcomunista e ateo. La Crociata vittoriosa liberò la Spagna dai rossi. Come sono già lontani i tempi della Spagna cattolica del generalissimo Franco! Oggi i rossi hanno rialzato la testa e sbavano il loro veleno contro la Chiesa! Solo la Destra difende ormai il sacro trinomio DIO-PATRIA-FAMIGLIA.

    • xyzwk says:

      Strano come in questo blog giustamente si dica peste e corna della dittatura comunista, nazista e molto meno di quella fascista (che se non altro perché vissuta direttamente dagli italiani, dovrebbe essere ben presente), ma invece si esalti il franchismo una delle dittature piů sanguinose. Sarà perché in nome di Dio, Patria famiglia si possono eliminare tutte quelle libertà che oggi, in una democrazia laica, dite di non avere e che invece avete ampiamente visto che nessuno viene ammazzato?
      Le dittature sono tutte uguali, che siano di destra o di sinistra.

      • SUSANNA ROLLI says:

        X………………………………………….k,
        “Nessuno viene ammazzato”? “Nessuno viene ammazzato”? “Nessuno viene ammazzato”??!!!!???????????.

    • Giannino Stoppani says:

      Ma quando mai!?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il 24 e il 25 marzo, se siete in zona capitale, non prendete impegni: ci sono gli Honda Days 2018 all’autodromo di Vallelunga. Si possono provare auto, moto e non solo…

L'articolo Honda Days 2018: 24 e 25 marzo, tutti a Vallelunga proviene da RED Live.

Neve, ghiaccio, temperature polari e 26 passi alpini. La terza edizione della 20Quattro Ore delle Alpi, organizzata da Audi, ha incontrato le condizioni giuste per mettere alla prova 5 equipaggi che si sono sfidati a suon di km percorsi e prove speciali ghiacciate sulle nuove RS4. C’eravamo anche noi

L'articolo 20Quattro Ore delle Alpi Audi. C’ero anch’io proviene da RED Live.

Presentata per la prima volta nel 2007, la Peugeot 308 ha subito un restyling nel giugno 2017. Dal punto di vista meccanico la novità preponderante era stata la sostituzione del cambio automatico a 6 rapporti in favore di un nuovo 8 rapporti. Un cambio più evoluto sviluppato dalla giapponese Aisin capace di rubare sulla bilancia […]

L'articolo Peugeot 308: aggiornamenti a 8 rapporti proviene da RED Live.

Più dinamica - non solo nel look - e tecnologica. Per sfidare a testa alta le rivali più pericolose del segmento. La nuova Kia Ceed è pronta per sfilare sulla passerella del Salone di Ginevra 2018

L'articolo Nuova Kia Ceed, senza apostrofo ma con più stile proviene da RED Live.

La 2ª edizione del circuito organizzato da Bosch eBike Systems, con il supporto di Trek, coinvolgerà 5 Paesi europei. I percorsi sono adatti sia agli amatori sia ai professionisti. Il via dal Bike Festival di Riva del Garda a fine aprile

L'articolo Bosch eMTB-Challenge – Da aprile a settembre – Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi