Google+

Siria. «Mio figlio poteva morire nella scuola colpita a Damasco. I ribelli vogliono uccidere i cristiani» Video

novembre 12, 2013 Leone Grotti

Intervista a Samaan Daoud, cristiano di Damasco che ha rischiato di perdere il figlio nella scuola colpita dai colpi di mortaio dei ribelli: «Non è più una guerra pro o contro Assad, bisogna mandare via gli stranieri dal paese»

«Oggi nessuno ha mandato i suoi ragazzi nelle scuole cristiane. Anch’io non ho mandato i miei figli ma dobbiamo continuare a vivere: la forza della vita è più forte di quella della morte, l’amore è più forte dell’odio». Samaan Daoud, cristiano di Damasco, racconta così a tempi.it la paura della gente dopo che i ribelli hanno sparato ieri colpi di mortaio dalla periferia colpendo tre scuole e due chiese nel quartiere cristiano della capitale, uccidendo in tutto nove persone tra cui cinque bambini.

«MIO FIGLIO POTEVA MORIRE». «Anche mio figlio poteva essere ucciso – continua Samaan – Mia moglie è corsa a prenderlo dopo che insieme ai suoi compagni allo scoppiare dei mortai è scappato nei rifugi con grande paura. E mentre andava a prenderlo è caduto un altro colpo vicino alla scuola delle suore di Lourdes, proprio quella che è stata colpita anche un mese fa».
Anche il figlio più grande di Samaan ha rischiato la vita poco tempo fa: «Lui va in un’altra scuola e per tornare a casa deve passare dalla piazza centrale di Bab Touma, che si trova nel centro storico. Mentre stava per entrare in piazza, è caduto un colpo di mortaio. Ci siamo spaventati moltissimo ma questa volta è andata bene. Non sappiamo però come andrà la prossima».

 «CE L’HANNO CON I CRISTIANI». Ad attaccare scuole e uccidere i bambini sono stati i ribelli, che si trovano ad appena un chilometro dal quartiere cristiano di Damasco e da lì sparano per colpire i cristiani. «Ce l’hanno con noi da quando il Papa ha chiamato tutto il mondo alla preghiera e al digiuno. Il primo risultato si è visto a Maloula, poi a Sadad, dove abbiamo trovato 45 corpi di cristiani uccisi in fosse comuni». Questa, continua Samaan, «è attualmente una guerra annunciata contro i cristiani. Hollande si è detto preoccupato pochi giorni fa e ha chiesto ai cristiani di venire via dal paese. Io non so se c’è una strategia per svuotare il Medio Oriente della nostra presenza e cancellare così l’identità cristiana ma questo è sbagliato».

«VIA GLI STRANIERI». Samaan resterà con la sua famiglia a Damasco e riprenderà a mandare i figli a scuola: «Loro vogliono che i nostri ragazzi si nascondano ma noi ci teniamo a educarli. La vita deve continuare. I ribelli sparano in una zona pacifica, dove non si combatte, dove vive gente che non ha nessuna colpa. Ma questa ormai non è più una guerra di chi sta con o contro Assad: ci sono 25 mila stranieri che combattono nel nostro paese. La questione non è più la democrazia: noi dobbiamo mandare via gli stranieri dalla Siria».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Fabio S. P. Iacono scrive:

    Per la primavera araba in Siria è già pieno inverno.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana