Google+

Siria. Islamisti uccidono e crocifiggono un uomo in piazza: «Giudichiamo le persone secondo la sharia»

marzo 24, 2014 Leone Grotti

L’uomo è stato accusato di aver derubato e ucciso un musulmano. Per questo i miliziani gli hanno prima sparato in testa e poi l’hanno appeso a una croce di legno posta in piazza, dove resterà fino a martedì

siria-islam-crocifissione-raqqa-cristianiUn uomo è stato ucciso sabato e poi crocifisso in Siria, a Raqqa, dagli uomini dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isil). La città è stata trasformata da tempo ormai in un califfato islamico e a tutti gli abitanti, musulmani e cristiani, è stata imposta la sharia.

UCCISO E CROCIFISSO. L’uomo è stato accusato di aver derubato e ucciso un musulmano. Per questo i miliziani gli hanno prima sparato in testa e poi l’hanno appeso a una croce di legno posta in piazza, dove resterà fino a martedì mattina. Sopra la sua testa in un cartello si legge: «Questo criminale ha ucciso e derubato un uomo musulmano».

NEL NOME DELLA SHARIA. La notizia è stata riportata da fonti locali all’agenzia di stampa curda Ara news. L’Isil hanno avvisato tutti i cittadini di non tirarlo giù dalla croce fino a martedì mattina. Prima di ucciderlo, l’Isil ha letto davanti ai presenti in piazza questo messaggio: «Giudichiamo le persone e le puniamo secondo la sharia, che ci guida nel portare la responsabilità di preservare i genuini insegnamenti dell’islam».

«VIETATO PORTARE LA CROCE». Gli islamisti, da quando hanno preso Raqqa, dopo aver distrutto chiese e croci e bruciato Bibbie, hanno imposto regole precise a tutta la popolazione: i cristiani, se non vogliono essere uccisi o convertirsi all’islam, devono versare all’emiro 13 grammi d’oro puro come tributo umiliante. Tutte le donne sono obbligate a portare il velo integrale, fumare è vietato, ascoltare la musica è vietato, così come «portare la croce o altri simboli legati alla Bibbia nei mercati e nelle piazze dove ci siano dei musulmani».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

16 Commenti

  1. Ellas scrive:

    Ho visto delle foto di Raqqa terribili. Fanno un vero massacro indiscriminato, laggiù. E se ne parla?

  2. michele scrive:

    È inutile che tolgano le croci, se poi Cristo riappare nei poveretti che ne condividono la modalità di martirio. Guardate la foto, sembra uno dei due ladroni. La scritta, le piaghe, i panni.

  3. michele scrive:

    È inutile che tolgano le croci, se poi Cristo riappare nei poveretti che ne condividono la modalità di martirio.

  4. Daniele Ridolfi scrive:

    Di tutto ciò dobbiamo dire “grazie” ad Obama.
    Se in Siria il potere fosse ancora saldamente nelle mani di Assad, la libertà religiosa sarebbe ancora garantita e non assisteremmo a ciò che sta accadendo, cioè ad esecuzioni sommarie in piazza decise non dal Codice Penale ma dalla Sharia islamica.
    Ma siccome per Obama il “nemico” è Assad, ora la Siria è stata privata del suo legittimo Presidente (Assad, appunto) ed è stata data in mano ai fondamentalisti islamici che applicano “la loro legge” (pubbliche esecuzioni incluse…).

    • Augusto scrive:

      Sono d’accordo con Daniele Ridolfi

    • Cisco scrive:

      Daniele, di questi fatti bisogna “ringraziare” i terroristi dell’Isi, Obama ed Europa avevano inizialmente chiesto riforme, che Assad non ha dato. Vorrei precisare anche l’angioletto Assad finanzia Hama ed Hezbollah, che in quanto “sharia” non sono secondi a nessuno. Assad padre aveva secolarizzato il paese perché – essendo della minoranza alawita – doveva farsi alleato di tutte le altre minoranze che erano contro i fratelli musulmani, non certo perché era un benefattore laico e amico dei cristiani. E ha massacrato migliaia di sunniti suoi concittadini.

    • diabolik scrive:

      Assad avrà mille difetti e colpe ma spero che riesca a liquidare del tutto le milizie islamiste appoggiate da occidentali e arabi, in caso contrario saranno guai per tutti !

  5. Livio scrive:

    In effetti non fanno nient’altro che applicare la legge islamica. Il che dice tutto sulla “bontà” di questa ideologia.

  6. Nicola Zossolo scrive:

    Non può essere vero…. non posso crederci…. Perché si ppermette una simile barbarie?? Perché i Cristiani non si ribellano? Siamo ben oltre porgere l’altra guancia…. qui è argomento di guerra santa.. di crociata contro gli assassini!!!

    • Ellas scrive:

      E poi Nicola? Si darà di nuovo addosso ai cristiani come per le crociate.

      Comunque mi pare che in Siria ci siano dei gruppi di cristiani che combattono per i loro villaggi. E armati.

      Ti consiglio di sfogliare questo:

      http://oraprosiria.blogspot.it/

      Neanche la dhimmitudine sarebbe accettabile: non con protettori del genere.

  7. mike scrive:

    di certo sarebbe bene che nessuno le sparasse grosse come hai fatto tu.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con 113 cavalli, peso di poco superiore ai 220 kg in ordine di marcia e motore bicilindrico Testastretta 11° da 937 cc si candida a protagonista tra le enduro stradali

Evoluzione in chiave moderna delle monovolume e wagon medie, le SUV a due ruote motrici sono un fenomeno in costante crescita. Apprezzate per comfort, abitabilità e design, non temono le insidie della giungla urbana. Ecco i migliori modelli.

Le evoluzioni ricevute dalla KTM 1290 Super Duke R 2017 vanno nella direzione di una maggiore sportività. The beast 2.0 vuole essere ancora più efficace ma non ha perso la sua versatilità. E se le metti un po’ di power parts…

Ecco qualche spunto per trascorrere questo fine settimana. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

La nuova protagonista del monomarca Ferrari adotta il medesimo V8 3.9 biturbo da 670 cv della 488 GTB, dalla quale deriva, adattato nell’erogazione. Ai rapporti ravvicinati del cambio si accompagna un’aerodinamica profondamente rivista in ottica racing.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana