Google+

Scola arriva in regione Lombardia, i grillini lasciano l’aula. Bello «confrontarsi» barricati in ufficio

febbraio 4, 2014 Emmanuele Michela

Nove consiglieri pentastellati hanno protestato contro la visita del cardinale di Milano al consiglio regionale. Cattaneo (Ncd): «La vera laicità, a differenza del laicismo, è aperta all’ascolto di chiunque»

scola_regione_lombardiaSono stati di parola i nove consiglieri del Movimento 5 Stelle. E quando questa mattina l’arcivescovo di Milano Angelo Scola è entrato nell’aula del consiglio regionale lombardo per la sua lezione sul “Nuovo Umanesimo” (qui alcuni passaggi), gli eletti pentastellati si sono alzati dai loro scranni e sono sgattaiolati fuori dalla sala, mentre i colleghi si sono alzati in piedi ad applaudire l’arrivo del prelato. La protesta dei grillini si è quindi svolta come avevano annunciato. Solo alla fine della mattinata sono rientrati in sala per andare a porgere il loro saluto al cardinale, con un gesto che, invece era tutt’altro che previsto.

TUTTO COME ANNUNCIATO. I nove consiglieri una volta usciti si sono legati al braccio un bavaglio bianco, segno della protesta che sta interessando i loro compagni di partito in parlamento. Il motivo della loro uscita, avevano spiegato nei giorni scorsi, era protestare contro l’invito che il presidente del consiglio regionale Raffaele Cattaneo aveva rivolto al cardinale: non ammettevano che venisse offerto spazio all’uscita pubblica di un religioso nelle sale di quella che, dicono, dovrebbe essere un’istituzione laica. E le parole con cui il presidente dell’assemblea ha aperto il suo saluto a Scola erano proprio indirizzate, in maniera elegante, alla protesta dei 5 Stelle: «Mi è ben chiaro qual è la distinzione di compiti e di responsabilità che ciascuno di noi deve svolgere nella piena autonomia delle rispettive sfere. È ben chiaro a tutti noi che questa assemblea legislativa, che tra poco ascolterà la sua parola, è una istituzione laica e nessuno rincorre confessionalismi fuori luogo e fuori tempo. Voglio tranquillizzare a questo riguardo i colleghi che hanno sollevato preoccupazioni infondate». E ha proseguito: «La vera laicità, a differenza del laicismo che ne rappresenta l’involuzione regressiva sul piano culturale e politico, è aperta all’ascolto della parola e del contributo di chiunque».

L’INCONTRO DOPO LA LEZIONE. Fuori programma è stato invece quanto accaduto al rientro dei nove consiglieri del Movimento 5 Stelle in aula, una volta che Scola ha terminato la sua lezione. Prima si sono fermati davanti alle telecamere e ai fotografi per posare coi segni della loro protesta. Poi, però si sono messi in fila anche loro per salutare l’arcivescovo, assieme agli altri membri del consiglio. Forse è stato un gesto di riconoscimento dell’autorità del cardinale, forse un modo per ringraziarlo per la lezione equilibrata e di spessore che ha saputo offrire, o forse semplice educazione.
«Gli abbiamo detto che lo abbiamo ascoltato dal nostro ufficio», è quanto riferisce Paola Macchi, portavoce del gruppo: già nei giorni scorsi avevano spiegato che la loro non era semplice rivalità nei confronti della Chiesa, ma soltanto un’iniziativa per ribadire il valore della laicità dello Stato. Per questo hanno comunque seguito a loro modo l’evento. «Noi non siamo contro la Chiesa, la rispettiamo come rispettiamo tutte le religioni, ma ci teniamo che venga salvaguardato un luogo come questo in uno Stato laico». Scola ha ascoltato le loro parole, rispondendo in maniera cordiale a quanto gli veniva chiesto. Chiude la Macchi: «Ci ha ringraziato molto perché siamo andati a parlargli di persona e a spiegargli le nostre posizioni. Noi siamo sempre disposti a confrontarci in maniera civile». Barricati in ufficio, ovviamente.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

37 Commenti

  1. malta scrive:

    che arroganza

  2. Bifocale scrive:

    Ripeto che mi sfugge il motivo per il quale in uno Stato laico e non teocratico rappresentanti del clero debbano essere invitati a parlare in sedi istituzionali, nelle quali dovrebbe essere rappresentata l’Italia tutta, non solo quella cattolica e filoclericale. Chi vuole ascoltare le “lezioni” del cardinale puo’ farlo dove e quando vuole, senza alcuna limitazione della propria liberta’ di culto, le occasioni non mancano certo ma non sarebbe meglio se la Regione Lombardia spendesse le ore di lavoro dei consiglieri regionali per affrontare e risolvere i problemi dei cittadini invece di essere pagati (con soldi pubblici) per ascolare le prediche del potente cardinalone di turno? Infine, scusate, ma trovo semplicemente grottesco che espoinenti del clero vadano in giro a spiegare al resto del mondo che cosa sia “la vera laicità”…

    • Giannino Stoppani scrive:

      Bifocale, se il motivo ti sfugge… rincorrilo!

    • easy scrive:

      Grottesco è ciò che scrivi: come se il Papa non potesse parlare di matrimonio perché non è sposato o parlare di figli perché non ne ha……ti consiglio di iniziare a pensare e giudicare con la tua testa e non elencando una serie di luoghi comuni…..è molto più divertente sai?

      • filomena scrive:

        In effetti la chiesa anche questa volta ha perso una buona occasione per tacere e stare fuori dalle istituzioni laiche. Chi vuole sentire la morale cattolica si può accomodare in chiesa

        • Sergio scrive:

          Ecco il punto: la morale Cattolica. Eppure, se rendessimo a Dio ciò che è di Dio, il mondo sarebbe un posto migliore. Lasciamo pure a Cesare ciò che alla fine chiede: il denaro, (di chi è l’immagine sul denaro?) ma diamo a Dio il primo posto nella nostra vita: allora il mondo cambia. Il mondo e chi appartiene al mondo, invece, ama Cesare (con il suo potere) e rifiuta Dio. Nella nostra epoca questo si chiama laicità.

          Gli mandarono però alcuni farisei ed erodiani per coglierlo in fallo nel discorso. E venuti, quelli gli dissero: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e non ti curi di nessuno; infatti non guardi in faccia agli uomini, ma secondo verità insegni la via di Dio. È lecito o no dare il tributo a Cesare? Lo dobbiamo dare o no?». Ma egli, conoscendo la loro ipocrisia, disse: «Perché mi tentate? Portatemi un denaro perché io lo veda». Ed essi glielo portarono. Allora disse loro: «Di chi è questa immagine e l’iscrizione?». Gli risposero: «Di Cesare». Gesù disse loro: «Rendete a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio». E rimasero ammirati di lui.

        • Cisco scrive:

          Filomena anche chi vuole ascoltare la morale “laica” può farlo partecipando alle sedute delle logge del Grande Oriente o chiedendo asilo presso la redazione di Repubblica o MicroMega. La differenza del cristianesimo sta proprio nella disponibilità a dialogare con tutti senza pregiudizi e nel dovere di testimoniare pubblicamente la propria fede. Capisco che a qualcuno roda il fegato, ma la laicità e’ basata sul rispetto reciproco, anche delle diverse religioni che abitano lo spazio sociale. Altrimenti con lo stesso criterio dovremmo invitare la Lunacek a parlare solo negli Arcigay o al Muccassassina. Anche perché di vaccate ne spara parecchie.

  3. Giuseppe scrive:

    La Chiesa Cattolica e basata sul vangelo anche quando incontravano Gesu Gli INDEMONIATI scappavano.E i FARISEI lo cacciavano. SCEGLIETE VOI a quale di questi due personaggi fate parte.

    • filomena scrive:

      Siamo tutti farisei….

      • VivalItalia scrive:

        Filomena quale nick usavi in precedenza o forse contemporanea su ste pagine…?

        • filomena scrive:

          Sempre e solo filomena

          • VivalItalia scrive:

            Te posso fa naltra domanda?
            Perché te piace venì a fa polemica?
            ..E per favo non attacà la lagna della libbera espressione!
            Grazie

            • filomena scrive:

              Perché siete talmente fuori dalla realtà che non si può prendervi sul serio.

              • VivalItalia scrive:

                Cioè ce stai addi che vieni qua a cazzeggiare??

                Un altro punto in comune con Luca..

                gratta gratta e scoprimo che:
                fai pure te la ricercatrice,
                tieni due lauree,
                sei benestante,
                non sai un ca*zo de storia,
                te vedi e legi e magni solo robba che schifi
                E che 3 post su 4 te son censurati…

                Pietoso

              • Chris scrive:

                @Filomena. sono talmente tanto aperti al confronto che qui, se non la pensi come loro, subito ti tacciano di multinick, clonano il nome come hanno fatto con me e insultano. Entrando nel merito dell’articolo, anch’io la penso come te: massimo rispetto per la religione e per i credenti, ma non dovrebbero invadere le istituzioni laiche, anche perché la società è composta anche da persone di diverso credo religioso: buddisti, islamici e atei ecc..

                • Fran'cesco scrive:

                  Qui sono talmente aperti che tutti possono scrivere (magari non bestemmiare neh?), e quindi “clonare” un nome lo potrebbe fare anche mio figlio di 5 anni.
                  (l’hanno fatto anche a me, ovvio)

                  Quando il Dalai Lama ha parlato al Comune di Milano vi siete indignati tanto?

                  • Chris scrive:

                    No.
                    1. tanto per cominciare il Dalai Lama è un Nobel per la Pace.
                    2. è un ospite straniero ed è giusto accoglierlo perché siamo persone civili.
                    3. non è nelle intenzioni del Dalai Lama interferire con la politica italiana. (qualora lo facesse: fuori dalle palle)

                • Anonimo scrive:

                  Sai Filomena, siccome voi che avete conferito il cervello all’ammasso ragionate tutti allo stesso modo, ricorrendo alle stesse due o tre argomentazioni ed esprimendole sempre coi soliti due o tre slogan imparati a pappagallo, allora chi tra noi è ottimista pensa ci sia un somaro solo con tanti nickname, mentre chi è pessimista pensa che il mondo sia pieno di somari.
                  Chi avrà ragione? Ai posteri l’ardua sentenza.

            • luca scrive:

              viva che preferiresti? stare a dirvi tra di voi che uomini buoni e santi che siete? o avere noi che vi diciamo che c’è chi non la pensa come voi?
              cmq, io di questa storia ne so poco, e posso dire che l’unica cosa che mi da fastidio è che sono sempre loro a venire a fare lezioni a noi e mai il contrario… anche nei corsi di catechesi che ho fatto, stavamo sempre e solo ad ascoltare. in tutto l’ambaran cattolico non esiste un vero momento dedicato al dialogo… per voi il dialogo è un prete che parla e voi che ascoltate… certo che così il confronto…

              • VivalItalia scrive:

                Luchino non passà ala versione “Erfintotonto”.
                Cte leggi Tempi, te leggi ke tante esperienze di Chiesa in dialogolo e te metti a parla sempre e solo dellesperienza tua (confutabbille solo da te) generalizzandola??

                Sai cche te servirebbe ad aprirte le vedute?
                Leggiti “la vita di Don Giussani” di Savorana, Rizzoli 25 euri.

                So 1300 pp ma se scrivi un po meno qqua en du settimane ja fai!!

  4. Anonimo scrive:

    EVVAI i grillini non si smentiscono mai. leggete alcuni passaggi del discorso del Cardinale, parole che trovano un’ampio riscontro nell’attualità. Leggete non fermatevi a ciò che dicono i grillini e magari gli andate dietro come pecore appoggiando ogni singola parola che esce dalla loro bocca.
    anche gli stessi grillini, non seguite pedissequamente ciò che dice grillo sul suo blog, certo se leggete solo quello è ovvio che pensiate che sia verità assoluta, leggete 7 – 8 giornali diversi ogni giorno e guardate come è trattato lo stesso argomento e poi traete le vostre conclusioni.
    Un saluto a tutti 😀

  5. Giuseppe scrive:

    Ognuno e libero di fare
    la sua scelta. L ingnorantità
    e il peccato peggiore Dell Essere
    Umano. Nel vangelo ci sono molti
    Altri tipi di personaggi perversi come
    Esempio ERODE.

  6. luigi lupo scrive:

    Tempi ironizza sui grillini che non si sono “confrontati” con il Cardinale.
    Forse mi sbaglio ma ci si confronta non ascoltando un discorso ma partecipando ad un dibattito. Il Cardinale ha tenuto un discorso e non è stato aperto nessun dibattito, quindi di quale “confronto” state parlando?

  7. luca scrive:

    e non sei felice di sentire altre campane?

  8. Terrùn scrive:

    Se andate a leggere attentamete quello che ha detto il Cardinale vi accorgerete sicuramente che ha tirato anche le orecchie a voi di Tempi che avete appoggiato Maroni in campagna elettorale, infatti quando ha parlato dell’integrazione e di una società multietnica e multirazziale è stato cotestato dai consiglieri leghisti del presidente Maroni.
    Il discorso del Cardinale dovrebbe essere preso nella sua totalità da uno che crede e non essere diviso in più parti e estrapolare quello che a me interessa e mi fa comodo in questo momento storico e politico

  9. Fran'cesco scrive:

    Terrun, se non votavamo Maroni ci trovavamo Ambrosoli. Hai presente? Certo, avrei preferito qualcun’altro… male minore…

  10. luigi lupo scrive:

    Certo che Maroni è meglio di Ambrosoli, ha promesso di riportare in Lombardia 17 miliardi di tasse e con quelli non farci pagare più bollo auto e ticket sanitari. Secondo me avanzano soldi anche per spumante e gnocca gratis per tutti.

  11. Terrùn scrive:

    Questo è il solito alibi infatti lo usano tutti vedi Casini trattato a pesci anzi a sterco in faccia da tutti i Berluscones e afFINI alla fine ha scelto Berlusconi ( il male minore ) così tutti i lanciatori di sterco ora saranno costretti a votare Casini e a digerire lo sterco lanciato con un bel MALOX.

    TEMPI=CASINI

  12. Fran'cesco scrive:

    Non e’ un alibi, era meglio Ambrosoli?

  13. Terrùn scrive:

    Io ho votato Albertini da voi proposto (il direttore di Tempi è stato uno dei primi fimatari della Lista Albertini) prima di prendere ordini dal vostro capo e messia signor B.

    Io non ho scelto il MALOX MINORE, votando Maroni, che aveva affossato la regione meglio amministrata negli ultimi 20 anni.
    Infatti dopo essersi accomodato sulla poltrona con la sua ramazza si è posto parte civile nel processo a carico del ex governatore Formigoni.

  14. Fran'cesco scrive:

    Si, mi trovi d’accordo. Anch’io ero x Albertini, ma nel ballottaggio a 2 mi e’ toccato scegliere x Marrroni.

  15. francesco scrive:

    ma non c’era nessun ballottaggio,turno unico.
    il male minore è solo un’alibi per non stare di fronte all’ideale
    (e poi tra Ambrosoli e Maroni non so chi era il male minore visto cosa sta facendo Maroni.)
    Un alibi usato per accomandarsi accucciati sotto il tavolo del padrone di turno.
    Cattocomunisti o cattoberlusconiani sempre tradimento è

  16. Terrùn scrive:

    TEMPI = CASSINI= CATTOCOMUNISTI=CATTOBERLUSCONIANI=CATTOLEGHISTI
    PER UN MALOX MINORE
    MA SENZA LIBERTA’ e DIGNITA’

  17. Fran'cesco scrive:

    Hai ragione, per “ballottaggio” intendevo o uno o l’altro. Se davo il voto ad Albertini i comunisti eleggevano Ambrosoli.
    A giudicare da come si comportano i cattolici nel PD, su argomenti chiave, direi che e’ meglio Maroni.
    Che almeno e’ a favore del buono scuola, tanto per dirne una. E che non apre il registro, per dirne un’altra

  18. filomena scrive:

    “Gnocca gratis” non e esattamente un linguaggio da bravo cattolico osservante….ahiai
    Peccato mortale.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana