Google+

Schwortz, uno dei massimi esperti di Sindone, che non crede in Gesù ma crede nella scienza: «Qui c’è un mistero»

agosto 10, 2015 Leone Grotti

Barrie Schwortz è ebreo: «Come è stata fatta? La scienza moderna non ha una risposta. Se la gente resta scettica è perché c’è qualcosa che va oltre e non vuole mettere in discussione se stessa»

«Credo che gli scettici neghino la scienza perché, se la accettassero, dovrebbero mettersi seriamente in discussione». Barrie Schwortz è ebreo ed è uno dei massimi esperti al mondo della Sindone di Torino. Alla resurrezione di Gesù non crede, ma crede nella scienza ed è per questo che non riesce a spiegarsi il Sacro Telo.

«OLTRE LA SCIENZA». «Se la Sindone sfida le credenze più profonde di così tante persone è perché implica in modo molto forte che c’è qualcosa che va oltre la scienza», dichiara lo scienziato alla Catholic News Agency, descrivendo il Telo su cui è impressa l’immagine di un uomo morto dopo essere stato brutalmente torturato e crocifisso.

IL MISTERO. Come affermato a tempi.it da Emanuela Marinelli, sindologa di fama internazionale, «il mistero più difficile da risolvere è quello dell’origine dell’immagine umana. È certo che il lenzuolo ha avvolto un cadavere, ma è altrettanto certo che quel cadavere non è rimasto a putrefarsi nel lenzuolo. Inoltre – fatto unico e inspiegabile – ci ha lasciata impressa una specie di fotografia di se stesso».

EBREO NON PRATICANTE. Schwortz, esperto di fotografia, ha fatto parte del gruppo eterogeneo che nel 1978 ha riunito molti scienziati di diversa estrazione per studiare la Sindone. Al tempo, essendo ebreo, per quanto non praticante, non voleva partecipare perché era molto scettico sull’autenticità del Sacro Telo. Poi un cattolico, specialista della Nasa, lo convinse scherzando così: «Non pensi che Dio voglia qualcuno del suo popolo eletto nella squadra?». Schwortz si lasciò persuadere e si trovò davanti al più grande mistero mai incontrato in vita sua.

IMPOSSIBILE PER IL MEDIOEVO. L’immagine impresa sulla Sindone, infatti, è tale che solo un’esplosione potentissima di luce avrebbe potuto riprodurla «ma questo supera anche le capacità della tecnologia moderna. In nessun modo un falsario medievale avrebbe potuto creare qualcosa di questo tipo, usando tra l’altro un metodo che noi non comprendiamo ancora oggi, anche se siamo nell’era più orientata all’immagine della storia umana ».

«SCIENZA NON HA UNA RISPOSTA». Il problema della Sindone è che «la scienza moderna non ha una risposta su come possa essere stata fatta». Come è cambiata dunque la posizione dello scettico Schwortz? «Ci sono migliaia di tanti piccoli pezzetti di evidenza che, quando li si mette insieme, giocano in modo sproporzionato a favore della sua autenticità». E per combattere le teorie negazioniste di migliaia di scettici, Schwortz ha anche fondato un sito, dove riassume tutte le prove scientifiche a favore della Sindone.

METTERSI IN DISCUSSIONE. Nonostante questo, tanti credono ancora che la Sindone sia un falso: «Se una persona non negasse la scienza in questo caso, dovrebbe ripensare a se stesso e a ciò in cui crede. È molto più facile rifiutare tutto e non preoccuparsene. Così non devono combattere con le proprie credenze. Molte persone preferiscono ignorare un problema che mettersi in discussione».

«TEST DELLA FEDE». Schwortz sa che l’immagine impressa sulla Sindone parla di un uomo morto esattamente nel modo descritto dal Vangelo e sa che quell’uomo è Gesù. Ma sa anche che «si arriva ad un punto dove la scienza deve fermarsi e la gente deve decidere. La Sindone è un test della fede. La risposta alla fede non può essere un pezzo di tessuto. Ma, forse, la risposta si trova negli occhi e nei cuori di chi guarda quel pezzo di tessuto».

L’ULTIMA PERSONA AL MONDO. Lo scienziato non si è convertito al cristianesimo (ma ha ricominciato a frequentare la sinagoga) ed è per questo che la sua testimonianza fa molta impressione, ogni volta che parla al pubblico, rendendolo più credibile: «Credo di servire Dio in modo migliore in questo modo, perché sono l’ultima persona al mondo che la gente si aspetterebbe [di trovare] andando a una lezione sulla Sindone. Perché, in effetti, è la reliquia cristiana definitiva. Penso che Dio, nella sua infinita sapienza, sappia bene quello che fa e che mi abbia messo qui per una ragione».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

13 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Signor Barrie, ammiro la sua onestà, ma me vien da dire che se ci sono dei misteri questi esistono affinche’ si riesca a svelarli: con tanta, tanta buona volontà!
    Il Sacro Telo si spiega con la Resurrezione di Colui che vi venne avvolto….ma è anche -e soprattutto- una questione di Fede.
    Per molti, purtroppo, il Sacro Lino resterà un mistero non svelato….

  2. ciccio2 scrive:

    Ma se, come dice, non crede in dio, perché si rivolge a lui? Non mi sembra molto coerente…bah

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Ciccio, scusa, io capisco che è ebreo -quindi crede in Dio- ma non in Gesù Cristo -che per noi cristiani è vero Dio e vero Uomo- morto e Risorto, dal quale scaturiscono Chiesa e cristianesimo -da Cristo.

  3. Kim scrive:

    Chissà cos’è davvero questa Sindone… Sono stati fatti tanti studi e tante ricerche, scienziati, religiosi e tante altre persone ne hanno discusso e ancora ne discutono, ma per il momento una risposta definitiva non è ancora stata data. Quando è così, di fronte a un mistero che ancora è irrisolto, l’unico atteggiamento saggio è la cosiddetta “sospensione del giudizio”: cioè, non gridare al miracolo, a chissà quale manifestazione del divino (che comunque non esiste), ma accettare serenamente che per ora la scienza non ha una risposta definitiva. Nel corso della storia si sono verificati tanti fenomeni che, per le conoscenze del momento erano inspiegabili e venivano subito considerati miracoli o manifestazioni della divinità, ma che in seguito la scienza, progredendo, ha saputo capire e spiegare, riportandoli alla giusta dimensione. Un esempio è il cosiddetto “miracolo di Bolsena” del 1263: le ostie che sanguinarono. In epoca di ignoranza e di superstizione come quella medioevale, tutti gridarono al miracolo, subito, senza esitare e senza pensare che potesse esserci una spiegazione più razionale. Nel XIX la spiegazione fu trovata: si tratta di un normalissimo fenomeno determinato dall’azione del batterio Serratia Marcescens che su prodotti ricchi di amidi, fra cui le ostie, genera un pigmento di colore rosso e di consistenza gelatinosa, chiamato Prodigiosina, molto simile al sangue. Forse in futuro la scienza saprà spiegare il mistero della Sindone e avrà la risposta per i tanti quesiti ancora aperti. Di certo io non credo che si tratti di un miracolo o di una manifestazione divina perché queste cose non esistono davvero.

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Giorno, Filomena! Le campane a casa mia suonano in tutt’altro modo! Poi ci sono le Rivelazioni private -che tu non citi- ove N:S:G:C: parlava ai mistici spiegando la Sua vita terrena, con tanto di Resurrezione dai morti , per es. Beata Anna Katerina Emmerick, religiosa, monaca agostiniana tedesca. Mistica, mooolto mistica.

      • Kim scrive:

        Gentile Signora Rolli, ho già spiegato a un altro lettore di aver lasciato alla Redazione di Tempi tutti i miei dati anagrafici. Non sono la persona che lei ha nominato e questo è un equivoco che ho segnalato alla Redazione. Per il resto, Signora, io non sono interessata a fare polemiche con nessuno: lei è credente e ha le sue convinzioni, io non sono credente e ho le mie. Benissimo, per me non c’è problema. Ognuno si tenga serenamente le sue idee, ma io non sono disponibile a litigare con nessuno soltanto per una diversità di vedute. Distinti saluti.

    • Tony Caproni scrive:

      —- Quando è così, di fronte a un mistero che ancora è irrisolto, l’unico atteggiamento saggio è la cosiddetta “sospensione del giudizio”

      E allora la chiesa dovrebbe astenersi dall’ostensione e dalla venerazione.

      Inoltre non ne riconosce l’autenticita ma la definisce acheropita ovvero NON realizzata da mano umana, e quindi divina e quindi ne riconosce l’autentitictà, e invece dice che potrebbe essere un falso, ma allora non sarebbe acheropita!

      Di fornte a tanta disonestà c’è solo da stendere un un Sacro Velo…. pietoso.

  4. Tony Caproni scrive:

    «OLTRE LA SCIENZA»

    si oltre la scienza sicuramente, perche la scienza ha smesso da tanto tempo di occuparsi della Sindone avendo dimostrato che è un falso sotto ogni punto di vista sia storico, scientifico e religioso, oltre ad essere del tutto inutile.
    E’ infatti la stessa chiesa a non confermare l’autenticità del telo (ma ovviamente induce i fedeli a venerarla)!

    Se cristo fosse risorto veramente perche mai avrebbe dovuto fare …. l’esplosione di luce (ai raggi laser addirittura .. secondo i sindonologi, ovvero i DoNascimiento di turno)?

    Siamo la cinema?

    Ha avuto un momento di protagonismo? Non poteva semplicemente apparire fuori dal sepolcro?

    La Sindone è quindi una sciocchezza infantile che serve solo ad attirare la gente.
    Il cristianesimo senza i miracoli, senza le classiche forme della superstizione e delle esternazoni “mirabolanti” da guru e santoni è inesistente.

    «METTERSI IN DISCUSSIONE»

    Se voi cattolici ammetteste che la Sindone è un banale falso dovreste mettere in discussione tutta la vostra esistenza. Siete voi che non potete mettervi in discussione, neanche di fronte all’evidenza dei fatti.
    Per credere alla resurrezione di Cristo vi attacate a qualunque cosa.

    La chicca finale:
    “Lo scienziato non si è convertito al cristianesimo”

    ma come ritiene l’evento miracoloso e quindi crede di trovarsi di fornte a dio e non si converte!?
    Perchè cosi sarebbe piu credibile?

    Siete (su) un binario morto.

    • luciana scrive:

      Natuzza evolo quando le hanno chiesto se la sindone e’ il sudario di gesu ha risposto: si, ma la scienza non lo dimostrera’ mai.

      • SUSANNA ROLLI scrive:

        Grazie, Luciana, citi sante persone cristiane mistiche e come Natuzza tante altre ce ne sono, ma i vari troll non ne vogliono sapere, perchè per loro sono tutti degli imbroglioni, S.Padre Pio compreso! Vaglielo a spiegare cosa signofica vita vissuta quotidianamente nel soprannaturale!, non comprendono!

  5. SUSANNA ROLLI scrive:

    Mamma mia che bravi a costruire un falso ad arte -con i pollini incastrati tra le fibre rilevabili nella trama- che ha avvolto un cadavere di un uomo non in putrefazione..Ma che bravi questi falsificatori, non di oggi, però, ma di tanti, tanti, tanti, tanti, tanti secoli fa.
    Come fate presto voi scettici a tirare le vostre somme, sempre pronti ad infangare…Io la storia la so tutta diversamente impostata! E noi cristiani -diversamente da voi atei- ci lasciamo anche consigliare dai mistici, che hanno parlato e continuano a parlare con Dio… Tutti falsoni, come quei veggenti che cadono contemporaneamente in ginocchio e parlano senza voce con Entità Superiori? Sveglia, psicologi e psichiatri, sveglia -direste voi super super menti- non fatevi imbrogliare, fate come noi!!! I Super Kim e Super Tony!!

  6. luciana scrive:

    Natuzza evolo quando le hanno chiesto se la sindone e’ il sudario di gesu ha risposto: si, ma la scienza non lo dimostrera’ mai.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana