Google+

San Patrignano: «Chiudono il Cocoricò ma il parlamento legalizza le droghe “leggere”. Che senso ha?»

agosto 6, 2015 Daniele Guarneri

«O diciamo no a ogni tipo di droga o non avremo nessuna credibilità. Che tolleranza zero è se si legalizza lo spaccio di marijuana?». Intervista a Osvaldo Petris (San Patrignano)

«Le 450 nuove droghe immesse sul mercato negli ultimi quattro anni e il 50 per cento degli adolescenti che hanno assunto droghe “leggere” nel corso del 2014 descrivono un problema che non si risolve condannando esclusivamente le discoteche». La lettera di San Patrignano pubblicata ieri sul Corriere della Sera è lapidaria: invece di cercare capri espiatori bisogna fare qualcosa di serio. La decisione del questore di Rimini di chiudere il Cocoricò di Riccione per quattro mesi, in seguito alla morte del 16enne Lamberto Lucaccioni per una pasticca di ecstasy, da sola non può bastare. «Stiamo assistendo a un processo di normalizzazione. Quando hai 218 parlamentari che promuovono queste droghe, fai fatica a spiegare ai giovani che invece è sbagliatissimo fumarsi una canna», dichiara a tempi.it Osvaldo Petris, membro del comitato di gestione di San Patrignano.

Fanno paura i numeri che avete indicato nella vostra lettera al Corriere.
Denunciano un pericoloso percorso ormai cominciato da diversi anni: quello della normalizzazione che porta questi ragazzi e ormai anche ragazzini a non avere riferimenti chiari e quindi a minimizzare l’utilizzo della marijuana. Farsi una canna è diventato normale. Questo porta alla inconsapevolezza del pericolo, alla inconsapevolezza di cosa significa andare a cercare risposte ed emozioni in qualcosa di artificiale che è nocivo a livello fisico, e che rischia di portarti via la vita. È disarmante vedere i ragazzi che invece di sviluppare i propri talenti, invece di cercare le emozioni vere della vita, hanno bisogno di andare a cercare nell’evasione e nello sballo le risposte che sembrano farli stare meglio.

Come si fa a spiegare a un ragazzino che la marijuana si può usare e la cocaina no?
Le do un dato molto significativo: tutti i ragazzi che sono passati da San Patrignano in 35 anni di storia, tutti, hanno cominciato dalle canne e poi, chi più chi meno, sono passati alle droghe “pesanti”. Non è scontato il passaggio, ma è un dato terribile il fatto che tutti i nostri ragazzi abbiano fatto questo percorso. Sto parlando di oltre 25 mila testimonianze. Vogliono farci credere che farsi una canna non provoca nulla. E invece, quanti si fumano l’erba e poi si sbattono sul divano a non far nulla, a perdere tempo, non studiano, perdono entusiasmo per tutto, hanno poche relazioni, iniziano ad andare male a scuola e poi l’abbandonano? Poco alla volta, iniziano a vivere in funzione di una sostanza che è l’unica cosa che apparentemente li fa stare bene.

Il Governo ha voluto dare un segnale forte con la chiusura del Cocoricò: tolleranza zero.
Massimo rispetto per la legalità, per il questore, per tutti. A ognuno la sua parte. Ma il problema è più ampio e non si risolve chiudendo una discoteca. Per noi la vera strategia è quella della prevenzione, è quella di trasmettere ai giovani quanto è bella la vita, quali sono i veri valori, che non c’è bisogno di qualcosa di artificiale per essere felici. Lo scorso 26 giugno, in occasione della giornata mondiale contro la droga, abbiamo organizzato un evento proprio insieme al Cocoricò. E siamo riusciti a dimostrare che i ragazzi si possono divertire con i migliori dj internazionali, con la musica anche forte, ma senza bisogno di una goccia di alcool, senza bisogno di nessuna droga, e addirittura senza nemmeno le sigarette, perché a San Patrignano non si fuma. Tre ore e mezza di verità. I ragazzi si sono divertiti, i dj sono rimasti entusiasti. Si possono vivere, si devono vivere emozioni vere senza il bisogno di qualcosa di artificiale.

Quindi qual è il vostro suggerimento?
Io ho parlato direttamente con i dirigenti del Cocoricò e di altre discoteche. Bisogna unire le forze e dare degli strumenti ai gestori di questi locali per poter essere protagonisti nella lotta alle droghe. Tutte le parti coinvolte devono essere unite per frenare questo processo di normalizzazione. Ma ripeto, è difficile se dall’altra parte ci sono proposte di legge come quella che abbiamo citato prima. I ragazzi devono imparare ad affrontare la realtà, non a scappare. Questo darebbe loro sensazioni mille volte più positive rispetto a quelle che si creano artificialmente.

Che tipo di strumenti?
Paolo Sisto e Renato Brunetta erano stati promotori nel 2014 di un disegno di legge che prevedeva il «divieto di avvicinamento ai locali per chi abbia consumato o spacciato droghe e la possibilità per i gestori di assoldare figure riconosciute dall’ordinamento giuridico in grado di svolgere attività di prevenzione e controllo, in collaborazione con le forze dell’ordine». Questo è uno di quegli strumenti che può aiutare tutti quelli che sono coinvolti nella lotta all’uso delle droghe. La strada è questa. Ma siamo a metà del 2015 e quella di Sisto-Brunetta è rimasta solo una proposta.

Però non possiamo nasconderci il fatto che molte discoteche chiudono gli occhi davanti allo spaccio fuori o dentro i loro locali.
Certamente in tutte le situazioni si può trovare del marcio, è un dato di fatto. È proprio l’unione delle forze che lo fa emergere e lo combatte. In tutti i campi: nella politica, nella società, negli stadi, ovunque si può trovare qualcosa di sbagliato. Ma questo sbagliato va combattuto insieme, prima per farlo emergere e poi per combatterlo. Altrimenti nessuno dice niente e il problema viene a galla solo quando succedono le tragedie. Bisogna essere categorici: o diciamo no a ogni tipo di droga o non saremo mai ritenuti credibili davanti ai giovani. Che tolleranza zero è se si legalizza lo spaccio della marijuana?

«C’è necessità una volta per tutte di progetti seri di prevenzione, strutturati e di lungo periodo», avete scritto nella lettera al Corriere. WeFree è uno di questi?
Certamente. WeFree è un progetto che portiamo avanti da anni dove i nostri ragazzi raccontano la loro esperienza a circa 50 mila studenti ogni anno. Ne nascono dialoghi che spesso e volentieri portano a riflessioni davvero interessanti. Lo abbiamo scritto nella lettera: dobbiamo rimboccarci le maniche, offrire opportunità culturali, formative, di sport, di arte e di lavoro ai giovani. Bisogna contrastare la dispersione scolastica, la disoccupazione, favorire il recupero e l’integrazione attraverso progetti seri. È, d’altronde, anche una questione educativa. La prossima campagna che faremo si chiama proprio “Fermami prima”, come se i nostri giovani ci chiedessero di essere fermati prima di ammazzarsi.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

16 Commenti

  1. Davide scrive:

    Con l’erba non si muore… con le merde sintetiche si
    Innanzitutto bisognerebbe iniziare a fare della vera informazione e smetterla con la classica disinformazione italia

    • Antonio scrive:

      meglio non usarne nessuno di quegli escrementi. Ma possibile che non sappiate divertirvi senza robaccia che sballa il cervello. Poi addirittura pretenderla come diritto inalienabile… sono i segni del degrado e della perdita di ogni dignità e decenza che avanzano inesorabili. Orde di cialtroni che sbavano che vogliono quello schifo di spinello,manco fosse l’aria. Ma riprendetevi, serve gente seria e sveglia, soprattutto adesso. E non balordi emuli degli straccioni sessantottini.

  2. “I ragazzi devono imparare ad affrontare la realtà, non a scappare. Questo darebbe loro sensazioni mille volte più positive rispetto a quelle che si creano artificialmente.”

    Fine della discussione.

  3. Giannino Stoppani scrive:

    Ogni volta che qualcuno parla di droga su questo giornale si scatena il SERT per spiegare agli ignoranti che la droga fa bene, anzi meglio.
    E tutti ci crediamo, come no.

    • zapotec scrive:

      perche’ non vieni a commentare via facebook insieme al tuo amico to.ni? con nome e cognome,dai !

      • Giannino Stoppani scrive:

        Non ci vengo perché è bene stare alla larga dalla gente come te.
        Immagino poi che “Zapotec” sia il tuo vero nome e cognome, eh?!

        • Emanuele scrive:

          LOL

        • camerata joe scrive:

          Il sionismo e’ la peggiore droga

        • Q.B. scrive:

          @ Toni e Giannino.

          Ricevere certe attenzioni da parte degli squadristi rosa é una medaglia al valore.

          Ma significa anche che sono nervosi. Il loro tempo é quasi scaduto e lo sentono allora ringhiano contro i più visibili nelle file del nemico.

          Onore a voi.

          • giovanna scrive:

            Mah, questa cosa di invitare su facebook, per farsi suonare ben bene ,l’ha fatta più volte anche il nostro multi-nick-horror preferito !
            Quello che , solo per limitarci agli ultimi giorni, è intervenuto come Xyzwk, Daniele, Luca, Pirro, Sandro, Gelsomina, Gargamella, Lady, Pallo !
            Curiosa sta cosa di facebook,, oltre al fatto che Zapotec indubbiamente non si presenta come l’ultimo arrivato: cita toni che nemmeno partecipa qui !

            Certo che l’effetto che fa la calata del Sert è un po’ come quando calava il Gay pride o quando calavano le horror-femministe multiple ( Filomena, lena, elena, ena, diamante, isabella, eloisa, mirella ….)……quell’effetto un po’ da fuori di testa e più o meno vagamente minaccioso.
            Comunque le calate del gay-pride e delle horror-femministe multiple si sono ridotte notevolmente, chissà se il Sert invece persisterà ?

  4. Iskandar92 scrive:

    Un tempo a Roma per tenere buono il popolino si dava “panem et circenses” ora i politicanti si sono impratichiti: hanno ammaestrato il popolo a godersi i circenses mente muore di fare!
    E quale miglior passatempo per l’italica gioventù dello spinello libero che placa i bollenti spiriti a rischio di esplodere visto il disastro in cui è sprofondato il paese? Qualcuno aggiungerà che si aprono le magnifiche e progressive sorti del business!
    Ma facciamo un ragionamento serio tutti insieme: vi pare strano che qualche mese fa s’inserì anche la prostituzione e il commercio di stupefacenti nel conteggio del Pil e ora si propone di legalizzarli? Mi pare ovvio che nel momento in cui li si inserisce dal Pil per ottenere un miglioramento delle prestazioni economiche del paese era ovvio che poi si doveva legalizzarli altrimenti come si fa a tassarli e quindi costruire su di essi politiche di bilancio??
    Evidentemente per qualcuno sarà questa la “new economy” con cui si rilancerà il paese! L’assurdità di questa teoria è però che nel momento in cui si legalizzerà cioè si TASSERÀ questa attività, diminuirà il rendimento degli operatori in questo mercato almeno per quanto riguarda la prostituzione. Sulla droga è possibile che ci siano margini per chi aprirà coffee show in stile olandese.
    Poi un giorno qualcuno comincerà a dire che in fondo neanche la cocaina è poi così “pesante” poi toccherà all’eroina ecc ecc
    E sapete come finirà? Come con il tabacco: a un certo punto i costi sanitari e sociali risulteranno superiori agli introiti e cominceranno campagne anti-droga e divieti in vari luoghi come attualmente per il fumo.
    Fu vera gloria?

  5. Antonio scrive:

    spaventose le levate di scudi in difesa di quella immondizia per scarti di centro sociale. Una cosa piu’ degradante, che imbruttisce e rimbambisce piu’ della droga (peesante, leggera che sia) non la potevate difendere. Ma le campagne contro la droga, l’informazione impartita nelle scuole non hanno trasmesso nulla? orde di cialtroni che sbraitano, che vogliono la marjjjaaaaa, ma non vi fate schifo…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana