Google+

Quando dall’utero in affitto esce il bambino “sbagliato”. L’Australia fa i conti con le conseguenze tremende della maternità surrogata

ottobre 20, 2014 Benedetta Frigerio

Dopo il caso di Gammy continuano a emergere storie di figli concepiti da australiani in India e in Thailandia e abbandonati là perché non corrispondevano ai desideri dei genitori committenti

Dopo aver cercato in tutti modi di concepire un figlio, avevano creduto di esserci finalmente riusciti, grazie all’utero di una donna indiana preso in affitto. Sono rimasti sconvolti, però, quando hanno scoperto che il Dna del neonato in realtà non corrispondeva in nulla al loro.

TRE DNA “SBAGLIATI”. È solo uno di una serie di casi controversi di fecondazione in vitro che coinvolgono cittadini australiani, emersi recentemente grazie a un rapporto sulla maternità surrogata redatto dalla procura generale di Canberra, che indaga sul tema già dal 2012. Stando a quanto riportano i giornali locali, l'”incidente” appena descritto non rappresenta l’eccezione, anzi rivela uno dei tanti irrisolvibili problemi intrinseci alla maternità surrogata. Dalla stessa indagine sono emersi infatti almeno altri due casi analoghi che hanno interessato australiani: quello di un cittadino che ha scoperto di non avere alcun legame genetico con le due gemelle “commissionate” tramite utero in affitto in India, sempre a causa di un errore nella procedura di fecondazione; e un terzo caso di una coppia che ha preso in custodia un bambino nato in India da una mamma surrogata, per scoprire però poi che il suo patrimonio genetico era totalmente estraneo.

IL MASCHIETTO SCARTATO. Difficile credere che sia sufficiente il perfezionamento delle procedure a risolvere tutte le contraddizioni della maternità surrogata. Per restare in Australia, qualche giorno fa Abc ha raccontato la vicenda di due coniugi che nel 2012 hanno avuto due gemelli, un maschio e una femmina, da una madre surrogata indiana, e che però avrebbero deciso portare a casa con sé solo la femminuccia, dal momento che un figlio maschio lo avevano già. Secondo il Times of India Diana Bryant, giudice capo del tribunale della Famiglia australiano, ha confermato il fatto spiegando che l’ambasciata a suo tempo aveva cercato di convincere la coppia a portare via entrambi i bambini, ma alla fine non aveva potuto rifiutare la richiesta di registrare la cittadinanza australiana solo per la femmina.

IL PRECEDENTE PIÙ FAMOSO. Come sanno i lettori di tempi.it, a far tornare il tema del “commercio dei figli” in primo piano ne dibattito pubblico australiano è stata un’altra storia simile alle precedenti, emersa a inizio agosto: quella del piccolo Gammy, concepito in Thailandia per volontà di una coppia australiana, David e Wendy Farnell, tramite l’utero in affitto di una ragazza ventunenne, poi abbandonato perché affetto dalla sindrome di Down (qui la nostra ricostruzione della vicenda). Anche in quel caso, i due aspiranti genitori hanno deciso di portare a casa solo il gemello sano. Così, dopo anni di maternità surrogata legale e dopo chissà quanti altri “incidenti” come questi, l’India e la Thailandia tentano di arginare gli scandalo proponendo regole più rigide. Improbabile che bastino a controllare tutte le conseguenze sgradite di una pratica che ha come unico limite il desiderio dei genitori.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. beppe scrive:

    quando il figlio è considerato un investimento, un acquisto a colpo sicuro, ogni piccolo difetto fa scattare il rigetto. qualcuno sta già confondendo i bambini con le scarpe di zalando. e non sono urla di gioia. aspettiamo i commenti dei TENERONI.

  2. Toni scrive:

    Considero l’Australia come una sorta di sfera magica che consente di accedere al nostro futuro. Lì succederà tutto prima. Comprese quelle cose che alcuni considerano “ipotesi astratte”. Ci sono fratelli che si vogliono sposare? In Australia succederà per prima.

    • beppe scrive:

      CARO TONI, io mi accontenterei di poter SPOSARE la mia cara zia con cui vivo 24 ore al giorno – escluse le 8 ore del mio lavoro e potere un giorno avere almeno una briciola della sua pensione. ma questo non sarà mai possibile, neanche se la portassi a casablanca a cambiare i connotati.

  3. Sebastiano scrive:

    @Fabio Flx: sei per caso parente di qualche struzzo?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana