Google+

Poveri americani

maggio 19, 1999 Tempi

Il grafico della settimana

Se c’è un sistema economico che pare sprizzare salute da tutti i pori, è senz’altro quello degli Stati Uniti: dalla prima presidenza Reagan (1980) in poi, gli indicatori economici, occupazionali e finanziari americani hanno frantumato tutti i record, segnando alcune delle migliori performance mondiali nell’ambito dei paesi altamente industrializzati. Eppure dopo quasi vent’anni di boom produttivo e finanziario ininterrotto c’è un fenomeno di criticità sociale che non è stato nemmeno scalfito, e anzi tende impercettibilmente a peggiorare: la povertà. Alle soglie del ventunesimo secolo, quasi 36 milioni di americani sono poveri, e 14 milioni e mezzo sono estremamente poveri.

Le cose stanno nel modo seguente. Il prodotto interno lordo statunitense è cresciuto a un tasso medio del 2,9 per cento all’anno fra il 1980 e il 1990 (mentre la media italiana era del 2,4), poi a un tasso medio del 2,4 negli anni Novanta (mentre l’Italia arrancava con un misero 1 per cento). Il tasso di disoccupazione è sceso dal 6,8 per cento dell’inizio dell’era Reagan al 5,7 al momento del passaggio delle consegne a Bush, per scendere ancora al 5,3 alla fine del primo mandato di Clinton. L’indice Dow Jones alla Borsa di New York ha sfondato quest’anno la barriera dei 10.000 punti. Ma nonostante tutti questi progressi la percentuale di popolazione povera è aumentata: nel 1980 gli americani che si trovavano sotto la soglia ufficiale della povertà (che attualmente ammonta a un reddito di 16.400 dollari all’anno per una famiglia di quattro persone) erano 29,3 milioni, corrispondenti al 13 per cento della popolazione, oggi sono 35,8 milioni, corrispondenti al 13,3 per cento. Anche il tasso di povertà assoluta (pari alla metà del reddito che rappresenta la soglia ufficiale della povertà) è decisamente aumentato, passando dal 4,4 per cento del 1980 al 5,4 per cento del 1997.

Un altro indicatore significativo della persistente povertà americana riguarda il sistema sanitario: la popolazione priva di un’assicurazione sanitaria (indispensabile, nel sistema statunitense, per ricevere cure mediche gratuite) è costantemente aumentata negli undici anni fra il 1987 e il 1997 sia in cifra assoluta che in percentuale, passando da 31 a 43 milioni e dal 12,9 al 16,1 per cento. Grazie all’intervento del fondo federale di Medicare e dei fondi speciali di singoli stati e ospedali, la maggior parte degli indigenti che non possono permettersi un’assicurazione sanitaria ricevono comunque un’assistenza. Tuttavia ci sono 11,2 milioni di poveri che non riescono ad accedere nemmeno ai benefici di Medicare e di altri fondi simili.

La morale della storia? Il liberismo, la deregulation, le politiche di crescita economica non bastano, da sole, a incidere sul fenomeno della povertà. L’individualismo economico e filosofico americano produce ricchezza, ma non basta per sconfiggere la miseria.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

Le righe, si sa, rubano la scena a qualsiasi altro indumento del guardaroba e non tutti se le possono permettere. Ciò che ha fatto Rapha con questa fantasia, protagonista della nuova collezione Cross, è stato scegliere un accostamento di tonalità elegante e, soprattutto, ispirato all’abbigliamento indossato da Jeremy Powers (Rapha-Focus Team) alla conquista del titolo di campione nazionale […]

L'articolo Rapha presenta la nuova collezione Cross proviene da RED Live.

F1 2017 è un generatore virtuale di adrenalina. Un racing game emozionante e coinvolgente, completamente personalizzabile in base alle proprie esigenze. Il nuovo gioco di Codemasters affina la buona ricetta del 2016 e (ri)propone un solidissimo “simcade”, ovvero un efficace ibrido tra simulazione impietosa e arcade permissivo, immediato e profondo. Il risultato? Senza controllo di trazione […]

L'articolo F1 2017 è pura adrenalina virtuale proviene da RED Live.

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana