Google+

Perugia. Omofobia all’ora di Religione? Il preside e gli alunni contro l’Arcigay che ha creato un caso «sul nulla»

settembre 23, 2013 Redazione

Emblematico caso montato dall’associazione lgbt per rimettere in discussione la legge Scalfarotto. Ma la realtà è ben diversa, come raccontato da alunni e preside

Perugia. Sui siti on line ieri e sui quotidiani oggi è stata riportato un caso di omofobia che ha fatto infuriare l’Arcigay a tal punto da chiedere che in parlamento di rimetta in discussione la legge sull’omofobia. Ma il caso, in verità, mostra l’esatto contrario di quanto l’associazione lgtb vuole far intendere, e cioè che in determinati contesti basta pronunciare il termine “omosessualità” per essere tacciati di omofobia. Di più: illustra in maniera lampante quanto un “non caso” possa essere strumentalizzato solo a fini politici. Andiamo con ordine.

LA DENUNCIA DELL’ARCIGAY. L’associazione Omphalos Arcigay Arcilesbica di Perugia denuncia un caso avvenuto durante un’ora di religione al liceo classico Mariotti della città. Secondo l’associazione, l’insegnante avrebbe consegnato agli alunni un questionario in cui si chiedeva di dare un voto da 0 a 10, «in ordine di gravità», ad «alcune colpe di cui ci si può macchiare». Nell’elenco compaiono diverse diciture: «Smerciare droga, inquinare, fare la guerra, fare terrorismo, omicidio, metodi contraccettivi, aborto, esperienze prematrimoniali e infettare con l’Aids». Oltre a queste compare anche la parola «omosessualità».
Emidio Albertini, co-presidente di Omphalos, denuncia pubblicamente l’episodio con queste parole: «Che in una scuola pubblica si propinino simili esercitazioni, con evidente impatto nella sfera psico-emotiva degli alunni è veramente sbalorditivo; mentre le cronache ci raccontano tanti casi di giovani ragazzi omosessuali, che arrivano al suicidio perché si sentono soli, emarginati e derisi dai propri compagni, la scuola si mostra spesso carente nel fornire garanzia di inclusione a qualunque individuo nel gruppo classe, mancando inevitabilmente l’obiettivo fondamentale di disperdere atti di bullismo e discriminazione».
Non solo. Albertini chiama in causa il preside del liceo, chiedendogli se è possibile «accettare simili contenuti in una scuola pubblica del 2013? Ci aspettiamo una ferma censura da parte del Dirigente e un richiamo al Docente responsabile di questi metodi medioevali». Annuncia di aver presentato una denuncia all’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni del ministero per le Pari Opportunità e chiede «se è questa la libertà d’espressione che l’onorevole Verini (PD) insieme all’onorevole Gitti (SC) hanno voluto preservare con i loro emendamenti».

omofobia-copertina-espressoLA REAZIONE DI UNA STUDENTESSA. Questa la denuncia dell’Arcigay che, però, da subito, trova qualche voce contraria, proprio all’interno della stessa classe. Una studentessa del Mariotti, Camilla, spiega che «non era un compito in classe, era semplicemente un questionario “non scritto da lui” che ci ha proposto per confrontarci su certe tematiche. Prima, però, ci ha detto di non prenderlo assolutamente seriamente. Siamo alunni grandi e vaccinati e non ritengo che persone adulte siano in grado di essere traviate da un semplice questionario di confronto. Questa scuola non ci insegna a disprezzare gli omosessuali o quant’altro».
La stessa studentessa ha poi spiegato che in classe «ognuno ha dato la sua opinione sulle varie “colpe” e il professore non si è messo a criticare chi avesse dato un voto pari a 0 per l’omosessualità o l’infanticidio o l’omicidio o cose simili! Lui se ne è stato zitto ascoltando i suoi alunni confrontare i propri pareri. Siete veramente delle persone cattive, avete attaccato un professore che non aveva alcun intento oltre quello di farci confrontare».

LE PAROLE DEL PRESIDE. Ma ancora più duro con l’Arcigay è il preside dell’istituto, Vincenzo Maiolo, che, in un’intervista a un sito locale, attacca frontalmente l’associazione, fornendo gli esatti contorni della vicenda. «Al Mariotti – dice – ignoranza e omofobia non sono mai stati di casa». Il questionario «è stato proposto in una terza liceo, quindi a studenti maggiorenni, in assoluta coerenza con i programmi e le direttive ministeriali. Era stato presentato con ampia ed argomentata premessa con l’obiettivo dichiarato di avviare una riflessione su quanto fosse superato sia nel linguaggio, sia nella sua articolazione». Il questionario «era stato pubblicato su riviste specializzate di sociologia forse una decina d’anni fa, e il fatto che fosse obsoleto il docente lo ha premesso ai ragazzi. Tanto è vero che nessuno si è sentito offeso o discriminato».
«È chiaro poi che – aggiunge Maiolo – estrapolando il questionario dal contesto si può interpretare in mille modi, ma voler dare per forza un’interpretazione di un determinato tipo è pretestuoso e le deduzioni soggettive ed arbitrarie appaiono quanto mai costruite sul vuoto». Tanto è vero che, evidenzia il preside, «come alcuni studenti hanno già saggiamente commentato sulla “rete” dispiace che si tentino vuote strumentalizzazioni là dove la cultura non ha mai lasciato, e non lascerà mai, spazio a stupide discriminazioni».
Quindi, ed è qui il pesante attacco all’associazione lgtb, «ci stupisce tutta questa polemica perché in realtà la classe è tranquilla e consapevole di quello che ha fatto e che doveva fare. Dispiace la reazione di Arcigay che si basa sul nulla ed è stata assolutamente intempestiva, bastava infatti approfondire per capire che l’intenzione del docente era l’opposto di quello che si è voluto fare credere». Anzi, il dirigente scolastico si arrabbia quando dice di aver trovato «assurdo che nel momento in cui alcuni ragazzi del liceo hanno preso le parti del professore sono stati indicati come “indottrinati”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

18 Commenti

  1. Sandra scrive:

    Fra poco accuseranno qualche professore di scienze, non gli andrà giù cosa sta scritto sui libri che parlano di riproduzione e conservazione della specie. Presto anche Darwin sarà tacciato di omofobia.

  2. Fael scrive:

    Non è indottrinamento insegnare a bimbi delle elementari che un’ovetto cerca la famiglia migliore, è farli crescere intolleranti (Milano docet).
    Adesso chiedere l’opinione su vari temi inclusa l’omosessualità a una classe liceale è omofobia.
    Ogni commento è superfluo.

  3. giovanni scrive:

    Per non essere accusati di omofobia saremo costretti ha dire che i figli li porta la cicogna.

  4. H.Hesse scrive:

    Questa è l’ennesima prova che lo scopo di certe associazioni di matrice sinistroide è quello di creare quel clima da “terrore” rivoluzionario che necessita loro per tentare soffocare la reazione alle loro ideologie perverse.
    La legge cosiddetta anti-omofobia è lo strumento ideale per attuare questo disegno.

    • Franceschiello scrive:

      Questi sono davvero gli eredi di quei giacobini che più di due secoli fa instaurarono il Regime del Terrore.
      Non a caso se ne sono usciti dicendo che questi “metodi medievali” sono inaccettabili in una scuola pubblica del 2013; e allora capisci che alla base dei loro deliri c’è la vecchia e stravecchia matrice illuministica positivista: questi qui ancora credono nelle “magnifiche sorti e progressive”!

  5. Cisco scrive:

    Premesso che è sempre difficile fornire un giudizio sulla base di un semplice articolo, mi pongo due domande:
    – come e’ possibile ridurre la religione a elenco di peccati? Più che l’Arcigay sarebbe dovuto intervenire il vescovo contro questo tipo di insegnanti;
    – una volta che si prende un elenco di peccati si può naturalmente chiedere l’opinione degli studenti, ma poi nella discussione che ne esce l’insegnante (e il preside) deve prendere posizione; mi sembra invece che si voglia rimanere nel vago in nome del “volemose bene”: e’ vero o non è vero che quella è una lista di “colpe”?

  6. antonio scrive:

    la realtà è un optional…. ormai si impasta il cemento con una lavatrice, solo perché “gira”!!!

  7. Remo scrive:

    Ma se “nessuno si è sentito offeso o discriminato” com’è che la famigerata lista è arrivata all’associazione?
    Anvedi sti ricchioni che sguinzagliano spie nei corpi docente.

  8. Italo Sgrò scrive:

    Leggo nell’articolo che secondo un esponente del Partito Gaysta ci sarebbero “tanti casi” raccontati dalle cronache di ragazzi che si suicidano a causa della loro condizione omosessuale. Chissà a cosa si riferisce, perché io non ne ho ancora sentito uno. Il caso recente di Roma, ad esempio, non aveva niente a che vedere con il bullismo e l’omofobia ed è stato archiviato in una settimana.

    • beppe scrive:

      caro sgrò non ricorda la storiella dell’elefante che scappava da berlino est ” PERCHè LI CASTRAVANO I CANI?”. ecco , vallo a spiegare ai gaysti che la realtà è diversa. loro hanno in testa solo la loro ideologia e per quella sono disposti a distruggere tutta la realtà.

  9. ENzo scrive:

    NON CI INCHINEREMO MAI ALLO STRAPOTERE DI 5 POVERI IDEALISTI CHE VOGLIONO PORTARE IL CAOS. L’italia è una nazione seria che vuole la VITA e non le cazzate…la gente muore di fame, arriva a stento a fine mese, e di cosa c’è bisogno!? della legge contro l’omofobia? ma per favore, se nn vi sta bene andate via in francia, lì si dice siano “LIBERI”, sono al passo coi tempi, non medioevali come gli Italiani!

    • Norseman scrive:

      Mi viene da dire: magari davvero fossimo MEDIOEVALI! Possa ritornare seriamente il medioevo! Ritorno alla dimensione agricola e artigianale, no all’industrialismo, sì al distributivismo e al corporativismo. Una società giusta e progredita!

      • Alcofibras scrive:

        Con una mortalità infantile fantastica e una durata media della vita sotto i 40 anni, con la maggior parte della gente a sputare sangue nei campi

        Viva il Medioevo!

  10. piero scrive:

    Sono patetici, neanche si rendono conto di quanto straparlano, la chicca più divertente è stata l’uscita di quei parlamentari che hanno definito “salvavescovi” l’emendamento presentato per garantire un minimo di parvenza di libertà d’espressione.
    Ma come, ci hanno garantito in tutte le salse che non ci sarà nessunissimo pericolo di andare in galera se si hanno opinioni diverse, perchè poi chiamano “salvavescovi” quell’emendamento ? Salvarli da cosa ?
    Un vero e proprio lapsus freudiano……….. sanno benissimo quello che vogliono imporre con la legge anti-omofobia………

  11. Il Filarete scrive:

    Puntare sul senato e sui senatori perchè questa legge venga stoppata già sulle pregiudiziali. In ogni caso io dichiaro qui che non la osserverò e che farò di tutto per ottenerene l’abrogazione.
    Se in qualche ufficio pubblico qualcuno verrà a menarla con la storia di genitore 1 2 e 3, giuro che occuperò l’ufficio fino a quando la cosa non sarà risolta abolendola. Mi incatenerò.

    • giovanni scrive:

      Il Filarete procurati le catene, purtroppo per noi questi non molleranno fino a quando avremo toccato il fondo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

“Sì, bella la Turbo Levo ma ha poca escursione…” Beh, chi trovava la prima full a pedalata assistita di Specialized non abbastanza “maschia” ora ha di che ricredersi e, magari, sognare a occhi aperti. La nuova Turbo Kenevo FSR, infatti, con i suoi 180 mm di escursione (che peraltro al posteriore hanno il colore giallo […]

L'articolo Nuova Specialized Turbo Kenevo FSR proviene da RED Live.

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana