Google+

Papa Francesco, Cristo sposo e la Chiesa vedova: «Fermati, questo tuo figlio che era morto, adesso vive!»

settembre 17, 2013 Redazione

L’omelia del pontefice di stamane alla casa Santa Marta. «La nostra riconciliazione col Signore non finisce nel dialogo “Io, tu e il prete che mi dà il perdono”; finisce quando Lui ci restituisce alla nostra madre»

Papa Francesco, nell’omelia questa mattina alla Casa Santa Marta, ha paragonato la Chiesa a una donna coraggiosa che difende i suoi figli per portarli all’incontro col suo Sposo. Prendendo spunto dall’episodio evangelico tra Gesù e la vedova di Naim, il pontefice ha sottolineato che Cristo sa «patire con noi, di essere vicino alle nostre sofferenze e farle sue». La vedova dell’episodio, ha detto Francesco è «un’icona della Chiesa, perché anche la Chiesa è in un certo senso vedova, perché anche lei cerca il Signore. Questa Chiesa coraggiosa, che difende i figli, come quella vedova che andava dal giudice corrotto per difendere, difendere e alla fine ha vinto. La nostra madre Chiesa è coraggiosa! Ha quel coraggio di una donna che sa che i suoi figli sono suoi e deve difenderli e portarli all’incontro col suo Sposo».

LA CHIESA SA PIANGERE. Come una madre anche «la Chiesa – ha proseguito il Pontefice -, quando è fedele, sa piangere. Quando la Chiesa non piange, qualcosa non va bene. Piange per i suoi figli e prega! Una Chiesa che va avanti e fa crescere i suoi figli, dà loro forza e li accompagna fino all’ultimo congedo per lasciarli nelle mani del suo Sposo e che alla fine anche Lei incontrerà. Questa è la nostra madre Chiesa! Io la vedo in questa vedova, che piange. E cosa dice il Signore alla Chiesa? “Non piangere. Io sono con te, io ti accompagno, io ti aspetto là, nelle nozze, le ultime nozze, quelle dell’agnello. Fermati, questo tuo figlio che era morto, adesso vive!”».

UNA MAMMA CI DIFENDE. La Chiesa «difende i figli, ma quando vede che i figli sono morti, piange e il Signore Le dice: “Io sono con te e tuo figlio è con me”». Come ha detto al ragazzo a Naim di alzarsi dal suo letto di morte, ha aggiunto il Papa, tante volte Gesù dice anche a noi di alzarci «quando siamo morti per il peccato e andiamo a chiedere perdono». E cosa fa dunque Gesù «quando ci perdona, quando ci ridà la vita?». Ci restituisce a nostra madre: «La nostra riconciliazione col Signore non finisce nel dialogo “Io, tu e il prete che mi dà il perdono”; finisce quando Lui ci restituisce alla nostra madre. Lì finisce la riconciliazione, perché non c’è cammino di vita, non c’è perdono, non c’è riconciliazione fuori della madre Chiesa. Mi viene la voglia di chiedere al Signore la grazia di essere sempre fiduciosi di questa “mamma” che ci difende, ci insegna, ci fa crescere e ci parla il dialetto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana