Google+

Pakistan, storia di Fouzia e di tante altre come lei. Rapite, violentate e costrette a convertirsi all’islam

luglio 28, 2015 Benedetta Frigerio

Il caso della 25enne, madre di tre figli e rapita dal suo “padrone”, fa luce su un fenomeno assai diffuso nel paese. E che coinvolge molte minorenni

Pakistan

Rapita e costretta a convertirsi all’islam. È la storia di Fouzia, pakistana di 25 anni, madre di tre figli, e di altre migliaia di sue connazionali. Il rapimento è avvenuto il 23 luglio scorso nella regione del Punjab, a Pattoki, per mano di Muhammad Nazir, musulmano di 55 anni, padre di otto figli, e proprietario dei terreni dove i familiari della vittima lavoravano come braccianti.

CRISTIANE E INDU’. Nonostante l’uomo avesse minacciato ripercussioni sulla figlia nel caso di un’eventuale denuncia, la famiglia di Fouzia ha deciso di non arrendersi e di rivolgersi a un avvocato cristiano, Sardar Mushtaq Gill, che ha convinto la madre a sporgere denuncia. Il caso ha gettato luce su un fenomeno molto più ampio che coinvolge migliaia di donne, in maggioranza minorenni.
La Aurat Foundation, Ong che difende i diritti delle donne pakistane, nei giorni scorsi ha pubblicato un rapporto allarmante sulla “conversione forza all’islam”, spiegando che le vittime sono sopratutto cristiane e indù. Nel documento si legge che ogni anno sono circa mille le ragazze, anche minorenni, che vengono rapite, convertite con minacce e sposate oppure date in moglie a terzi, mentre le ultime cifre risalenti al 2013 parlavano una media di settecento casi all’anno.

LA “CONVERSIONE”. L’Aurat Foundation ha sottolineato anche il fatto che spesso, dopo la denuncia delle vittime, seguono le controdenunce dei rapitoriche li accusano di mentire. Non è raro il caso, infatti, di donne rapite che, poi, una volta interrogate, dichiarano di essersi convertite di loro spontanea volontà. «Le ragazze – dice il rapporto – restano in custodia dei rapitori e subiscono traumi e violenze di ogni tipo» e a loro si dice «che ormai sono musulmane e che se cambiano religione la punizione per gli apostati è la morte». In questo modo i giudici accettano in silenzio la prassi.
La Ong pakistana ha quindi sottolineato che «tali casi mancano di serie indagini che provino questo fenomeno e il meccanismo che si instaura», motivo per cui ha avanzato una proposta di legge che vieta esplicitamente la pratica. Infatti, anche se Gill ha dichiarato all’agenzia Fides che il caso di Fouzia potrebbe risolversi, dato che la donna era già sposata con un altro uomo, non sempre la vittima «sottoposta a violenza sessuale, prostituzione forzata, abusi domestici o venduta per il traffico di esseri umani», torna alla famiglia d’origine.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Faccio sempre piu’ fatica a leggere simili notizie nel 2015. Poi penso che in tanti si strappano le vesti per difendere i diritti, diritti, diritti (anche degli animali,certo, ci sono anche loro!). Ma la libertà religiosa e la sopraffazione di certi sedicenti uomini di Dio, sono tutelate e controllate? No?!?, come no! Non è possibile che noi si stia sempre a braccia aperte per costruire ponti e sullo stesso pianeta -un po’ più in là, certo, ma il pianeta e la galassia son sempre quelli- succedono fatti irripetibili e REALMENTE ACCADUTI (perchè salta sempre su qualcuno che è una bufala). Io posso pregare nel mio piccolo, ma non posso andare in Pakistan: chi si deve occupare della giustizia e del rispetto degli esseri umani a prescindere? E l’ O.N.U?

    • lisa scrive:

      L’Onu. Ancora c’è chi crede alla favola di una organizzazione a maggioranza composta da paesi musulmani di stampo teocratico. Bah.

  2. Sebastiano scrive:

    … e Amnesy Internescional?

    • Sebastiano scrive:

      Opperbacco, non mi ero accorto che erano impegnati a proporre la prostituzione come diritto. Pensa te, due piccioni con una fava: e così le donne pakistane non romperanno più i maroni…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana