Google+

Pakistan, cristiani in fuga da Peshawar dopo l’attentato alla chiesa: «Non possiamo crescere i nostri figli qui»

giugno 3, 2014 Leone Grotti

Dopo l’attentato rivendicato dai talebani alla chiesa di Tutti i santi, che ha causato la morte di oltre 100 persone nel settembre scorso, tanti cristiani scelgono di scappare: «La discriminazione è aumentata»

pakistan-peshawar-chiesaMolti cristiani stanno scappando dalla città di Peshawar, richiedendo asilo in paesi stranieri, a causa dell’insicurezza generata dall’attentato contro la chiesa di Tutti i santi di Peshawar del 22 settembre 2013. L’attentato, nel quale persero la vita almeno 105 persone, è stato rivendicato dai talebani e aveva come scopo quello di colpire un simbolo della «cultura imperialista occidentale».

«CI HANNO PRESO TUTTO». Tra i tanti cristiani che cercano di scappare dalla città, secondo un reportage del Tribune pakistano, c’è Daniel, che ha vissuto lì 32 anni: «Tutti vogliono andarsene ormai. Anch’io ho fatto richiesta di asilo. Sono nato qui ma sono pronto ad andare dovunque: Malaysia, Australia, Regno Unito. Qualunque posto va bene».
Anche Shaan (nome di fantasia) ha fatto richiesta di asilo nel Regno Unito due mesi dopo l’attentato, ma ancora non ha ottenuto risposta: «Mi hanno promesso che mi invieranno presto il visto ma non l’hanno ancora fatto. Da tempo i non musulmani non vengono trattati bene in Pakistan, ma dopo gli attentati abbiamo pensato che era giunto il momento di andarsene». Perché? «Ci hanno preso tutto: hanno occupato le nostre scuole, i nostri collegi. Ora vogliono il resto».

pakistan-peshawar-chiesa1«DISCRIMINAZIONE AUMENTATA». Younus (nome di fantasia) ha un ottimo lavoro a Peshawar ma non vuole più restare: «Sono cresciuto qui e ho visto i giorni migliori di questa città, ma ora ci sono troppe minacce legate alla sicurezza, la discriminazione è aumentata e anche la marginalizzazione dei cristiani nella società. Non posso crescere i miei figli qui. Non riuscirebbero a sopravvivere».
C’è anche chi fa la scelta opposta. Insar Gauhar, coordinatore dei giovani della diocesi di Peshawar, ha perso i due figli nell’attentato. Anche la moglie è stata ferita. «Avevo pensato ad andarmene ma ora non lo faccio più. I miei figli sono sepolti qui», dice.

«MUSULMANI CI HANNO AIUTATO». Il vescovo Peters, pur ammettendo il fenomeno, non vuole lasciare che si diffondano allarmismi inutili: «È vero che ci sono cristiani che vogliono andarsene ma questo succede in tutto il Pakistan, non solo qui». Riconosce poi che la persecuzione a Peshawar sta aumentando, anche se molti musulmani hanno aiutato i cristiani. «La maggior parte delle persone che vive intorno alla chiesa è sciita e quindi capisce bene la nostra situazione perché anche loro sono perseguitati in Pakistan. Ci hanno mandato cibo per tre giorni dopo l’attacco. Loro aiutano a proteggere la nostra chiesa, più della polizia», afferma un membro della chiesa, Javed Iqbal.
Che poi lancia un appello perché i cristiani non cedano alla violenza: «Siamo cristiani, siamo pakistani, non possiamo lasciare il nostro paese, la nostra città, la nostra chiesa. Sono nato qui, mio padre è nato qui, mio nonno è nato qui (prima della creazione del Pakistan, ndr). Non dobbiamo andarcene».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana