Google+

Pakistan, un’altra cristiana rapita e costretta a sposarsi da islamica. Più di mille casi ogni anno

aprile 30, 2016 Benedetta Frigerio

Laveeza ha 23 anni ed è stata obbligata a diventare la moglie del suo sequestratore. La polizia si è mossa solo dopo l’interessamento di una Ong e di un pastore

pakistan-donna-ansa

Continuano a moltiplicarsi paurosamente in Pakistan i casi di sequestro di donne cristiane e di altre minoranze religiose, donne che vengono poi costrette a convertirsi all’islam e a sposarsi. È un fenomeno che da anni colpisce le fasce più deboli del paese, nel disinteresse pressoché totale delle autorità. L’avvocato Mushtaq Gill, leader della Ong Legal Evangelical Association Development, dice di essere venuto a conoscenza di cinque casi solo in aprile e solo nel distretto di Kasur (regione del Punjab), l’ultimo dei quali riguarda Laveeza Bibi, una 23enne che abitava in questa provincia con la sua famiglia: rapita il 14 aprile da due musulmani armati che hanno fatto irruzione in casa sua, la ragazza è stata obbligata a diventare la moglie di Muhammad Talib, uno dei suoi sequestratori.

SENZA DIRITTI. A denunciare l’episodio è stato il padre di Laveeza, Sarwar Masih, che tramite l’organizzazione dell’avvocato Gill, specializzata nell’assistenza ai cristiani perseguitati del Pakistan, si è rivolto alla polizia locale. Gli agenti, inizialmente restii a registrare il fatto, si sono convinti ad avviare il procedimento legale e a formulare la denuncia contro Talib solo dopo l’intervento di un pastore cristiano, Saleem Masih. Alle giovani donne rapite come Laveeza Bibi, spiega l’avvocato Gill, molte volte «è negata del tutto la tutela legale dei diritti individuali». Le forze dell’ordine e il sistema della giustizia infatti ignorano quando non assecondano i soprusi di questo tipo.

I PRECEDENTI. Prima del caso di Laveeza era divenuta nota la vicenda di Saima Bibi, seguita sempre dall’avvocato Gill. Rapita ad appena 15 anni mentre si trovava sola in casa, la giovanissima cristiana è stata costretta a firmare la conversione all’islam e a sposare un musulmano di nome Tanvir. L’adolescente, residente a sua volta nel distretto di Kasur, abitava nello stesso villaggio in cui il 4 novembre del 2014 due coniugi cristiani accusati ingiustamente di blasfemia furono gettati in una fornace da una folla di musulmani fanatizzati e bruciati vivi.

AUTORITÀ CONNIVENTI. Per cercare di porre un freno agli abusi nei confronti delle donne la Aurat Foundation, organizzazione di Islamabad che si batte per la libertà e la democrazia in Pakistan, ha promosso una proposta di legge contro le conversioni forzate simile a quella presentata nel 2012 dalla Commissione nazionale per le minoranze del Pakistan. Entrambe le iniziative però sono fallite, e nel 2015 il governo pakistano, tramite il ministero per gli Affari religiosi e il Consiglio dell’ideologia islamica, ha rivendicato esplicitamente la propria contrarietà a iniziative legislative in materia. E così a chi difende i diritti delle minoranze del paese non resta che continuare a denunciare davanti al mondo le oltre mille conversioni forzate che avvengono ogni anno in Pakistan, senza contare i casi mai denunciati.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Ma te l’ha suggerito il Puffo Tontolone o ci sei arrivato da solo?

    • Filippo81 scrive:

      caro sebastiano è inutile perdere tempo co sto soggetto dai mille pseudonimi, non è che ci fa , è PROPRIO COSI’, per cui si può solo compatirlo e lasciarlo stare,povero sficato che è!

      • Filippo81 scrive:

        taci,scimmia parlante !ah ah ah

        • Filippo81 scrive:

          Frate’,scherzi a parte, la tua condizione diventa più grave di giorno in giorno, buona fortuna.

        • Menelik scrive:

          La nuova sinistra è orientata a Wall Street mattina, pomeriggio, sera e notte.
          In quanto alla vecchia sinistra….be’, se vanno in Russia la popolazione li lincia, deve intervenire la polizia a salvarli.
          E la nuova di sinistra, è ultra-capitalista, la borghesia più borghese che c’è.
          Vedi, che sei fuori dal mondo?
          Se sei un matusalemme da falce-e-martello, anche un cieco può vedere che la Storia vi ha girato le spalle.
          E per salvarsi, si sono messi con la borghesia liberista delle multinazionali del neocolonialismo americano, lo stesso che ha favorito l’ascesa dell’isis e che vuole imporre il controllo della popolazione con la scusa dell’incremento demografico e del cambiamento climatico…..allungare le mani sul mondo, ma non ci riusciranno; la Storia vi si rivolterà contro un’altra volta.
          (Altro che “noi siamo dalla parte giusta della Storia…ahahahah. Questa espressione fa il paio con “mission accomplished” al tempo in cui gli Americani erano in Iraq, e si è vista come è andata a finire).

          • underwater scrive:

            Non ci interessa sapere cosa voti, così come non ci interessano gli epiteti con i quali speri, troll nazilefeboislamico, di entrare nel segreto delle nostre coscienze pensando di aver capito al volo cosa pensiamo e cosa votiamo.

  2. EquesFidus scrive:

    Quelle terre, affinché fioriscano e conoscano la pace, vanno liberate; e vanno liberate dall’Islam, ideologia totalitaria che si spaccia per religione e che niente ha da invidiare al nazismo ed al comunismo.

    • Menelik scrive:

      Infatti erano moltissimi gli imam e altre autorità dei paesi islamici a parteggiare per i nazisti negli anni della II guerra.
      Tra islamismo e nazismo c’è sempre stata simpatia.

    • underwater scrive:

      Sei l ultimo titolato a difendere il beato, poiché per te chi lo ha beatificato era privo della grazia di stato.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana