Google+

Oggi è il giorno di Paolo Borsellino. Non ricordiamolo con un’intercettazione, ma con opere di bene

luglio 19, 2012 Luigi Amicone

Cosa direbbe oggi, Borsellino, se fosse ancora vivo? Starebbe qui a darsi in pasto ai corvi che lo criticavano quando era in vita e a quelli che per professione fanno i parenti delle vittime?

Oggi è il giorno della memoria di Paolo Borsellino (Palermo, 19 gennaio 1940 – Palermo, 19 luglio 1992). Onore a Borsellino. Vittima della mafia. Ma poi, domandiamoci, cosa direbbe oggi, Borsellino, se fosse ancora vivo? Starebbe qui a darsi in pasto ai corvi che lo criticavano quando era in vita e a quelli che per professione fanno i parenti delle vittime? Può sembrare dura a dirsi. Ma questa è la verità. Montano la panna del giorno della memoria per spacciare l’industria. La loro industria. Ma noi siamo vivi. E Borsellino adesso direbbe ai vivi: “Non voglio fiori, ma opere di bene”.

“Voglio che si smetta di dividersi e che si collabori ad alzare la testa all’Italia”. Questo direbbe l’eroe. Non: continuate a indagare a ritroso su quello che è successo venti, trenta, quaranta anni fa. Non: ricattare il presidente della Repubblica per farsi belli “a mamma sua” e vendere telefonate ai giornali. Non: pubblicità e aureole per sostituti procuratori che si sono buttati in politica. Direbbe, Borsellino: guardiamo all’oggi. E che c’è in questo oggi, se non lo spread che scopa via come polvere mesi di sacrifici, Imu e il resto, bruciando risparmi e gonfiando interessi su interessi ai nostri titoli di Stato?

Oggi, ci ricorderebbe Borsellino, c’è il giochino Moody’s di declassare l’Italia il giorno dell’asta dei Btp. L’insistere della corsa speculativa in zona euro. Un’Europa solo in apparenza unita nella difesa di paesi come il nostro che non vedono luci nella crisi ma “ancora un percorso di guerra”. Fattori internazionali (Siria, Iran, Al Qaeda) che potrebbero aggiungere altre serie complicazioni al nostro già complicato scenario recessivo.

Ecco, direbbe Borsellino, questo fosco quadro che sta ipotecando il futuro della nostra gente – futuro, perciò: i nostri figli! – non dovrebbe trovarci spettatori inebetiti. A leggere di quattro pirla autoccupati a inquisire il passato mentre il sistema-Paese tracolla e la mia isola viene ingoiata da un Mediterraneo di debiti.

Vendere notizie di nera con la scusa che si fa il mestiere più brutto del mondo e manco lo si fa bene. Vendere giornali sotto forma di barzellette giudiziarie. Ecco, direbbe il serio e discreto Borsellino, sono lussi che non ci possiamo più permettere. Nel parco giochi non c’è più posto per giocare a palla prigioniera e gonfiarsi di sé come mongolfiere. Siamo in lotta per la sopravvivenza. Perciò, coltello tra i denti e via. Tutti uniti a vender cara la pelle dell’ Italia.

D’altra parte, al netto delle fiammate di scontro sociale provocate dagli impopolari quanto “non negoziabili” tagli di spesa richiesti dal rischio default dei debiti sovrani, questo è il clima che mediamente si respira nel resto d’Europa. Nessuno è fermo a guardarsi l’ombelico di un passato che non passa. O a triturarsi i maroni di quel poco benessere che avanza con le campagne dei gazzettieri che vorrebbero intercettare tutto il mondo. E pensano che più intercetti, più il mondo si fa bello, pulito e sensibile alla ragion pura di Kant.

O dobbiamo vendere tutto all’Emiro del Qatar e stendergli i tappetini rossi, come incredibilmente fanno i quattro pirla (giornalisti, nel caso) impegnati a fare a pezzi il politico con lo stipendio fuori spendig review e l’imprenditore con lo scontrino fiscale fuori posto? Perché in Qatar o tra gli Emiri, quando vendono petrolio battono lo scontrino e vige l’autocontrollo della GdF musulmana? E secondo voi, mentre i nostri quattro pirla fanno un mazzo tanto alle ultime nostre imprese di Stato che fanno affari in Medio Oriente o nella profonda Africa, oliando come si deve oliare (si chiamano “commissioni”) l’apparato di paesi che non sono proprio in cima alle classifiche di trasparency international, gli altri – dico: i cinesi, gli americani, i francesi, i tedeschi, gli inglesi, gli indiani –  cosa fanno? Chiamano a testimoni giudici e procuratori della Repubblica per dimostrare che loro non danno “stecche” a nessuno per assicurarsi dighe e giacimenti petroliferi in terzo mondo? Ma dai. I nostri competitor internazionali ridono dei nostri guai e s’abbuffano di commesse. E mentre l’Italia è sempre impegnata a farsi prendere per i fondelli dai vari Economist e NYT, tutti insieme appassionatamente, i nostri competitor stanno lì con i loro affari patriottici a godersi la nostra infinita recita del rosario “questione morale” e i fucili dei nostri sostituti procuratori spianati sulle ultime grandi imprese italiane.

Oggi è il giorno di Paolo Borsellino. Ricordiamolo non con l’industria di quelli che spacciano fiori buoni a stare sottoterra. Ricordiamolo con opere di bene. Ricordiamolo con lo sguardo in avanti. Ricordiamolo, direbbe il poeta Eliot, con una mano sulla cazzuola, l’altra sulla pistola.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana