Google+

«Non vogliamo più sentire il nome di Gesù Cristo». Nigeria. Boko Haram massacra 200 cristiani in tre giorni

giugno 5, 2014 Leone Grotti

Tra domenica e martedì i terroristi hanno attaccato tre villaggi nello Stato di Borno. Hanno riunito tutti gli abitanti di Attagara davanti alla chiesa travestiti da soldati e li hanno uccisi «uno a uno»

nigeria-boko-haram-cristiani-borno«Non vogliamo più sentire il nome di Gesù Cristo» in Nigeria. Questa frase gridata da un membro di Boko Haram a gennaio, secondo Portes Ouvertes, durante uno dei molteplici attacchi che hanno sconvolto il nord del paese nell’ultimo anno, riassume perfettamente l’ideologia mortale che ha guidato gli islamisti nelle stragi di questa settimana.

CRISTIANI MASSACRATI. Secondo l’Independent in totale i terroristi hanno ucciso almeno 200 persone, in maggioranza cristiani, negli attacchi di domenica e martedì ai villaggi di Attagara, Agapalwa e Aganjara nel nord della Nigeria. Domenica scorsa Boko Haram ha attaccato la chiesa di Attagara durante la Messa uccidendo circa 20 persone. Il giorno dopo, per vendetta, alcuni giovani del villaggio hanno cercato e ucciso una trentina di miliziani islamisti. Questi sono allora tornati nel villaggio e in quelli vicini per rappresaglia massacrando al grido di «Allahu Akbar» almeno 200 persone.

«UCCISI UNO A UNO». Come dichiarato alla Bbc da Peter Biye, parlamentare di Gwoza, distretto amministrativo dell’area dove sono avvenuti gli attacchi, martedì «i membri di Boko Haram sono arrivati nel villaggio di Attagara su 200 o 300 motociclette. Hanno riunito i membri del villaggio davanti alla chiesa. Erano travestiti da soldati e li hanno ingannati, affermando che erano lì per proteggerli e salvarli. Poi all’improvviso hanno aperto il fuoco e li hanno uccisi tutti, uno a uno, raggiungendo anche quelli che si erano rifugiati nella boscaglia».

«QUESTO SANGUE VI GIUDICHERÀ». Una donna del villaggio è riuscita a scappare con uno dei suoi figli, l’altro è stato sgozzato dai terroristi, e ha raccontato a Voice of the persecuted alcuni episodi del massacro. «Un anziano prima di essere trafitto e decapitato, ha detto loro: “Se non vi pentite dell’uccisione di tanti cristiani innocenti che credono in Gesù, il loro sangue vi giudicherà”». Un altro testimone riuscito a scappare ha dichiarato: «Com’è possibile che siano riusciti a passare dai check-point dei militari senza essere fermati o arrestati? C’è una base militare vicina al nostro villaggio, nessuno è venuto ad aiutarci. Eppure l’attacco è durato sei ore».

BANDIERE DI BOKO HARAM. Secondo Biye, in realtà, «fino a qualche mese fa quell’area era protetta dai militari, ma sono stati tutti trasferiti. Non so perché. Quei villaggi erano totalmente sguarniti e alla mercé dei terroristi». Tutte le case e la chiese del villaggio e di quelli vicini sono andate distrutte. Oggi non rimane più niente, tranne una cosa, come dichiarato ancora da Biye: «I terroristi di Boko Haram hanno piantato sul terreno dei villaggi la loro bandiera».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

14 Commenti

  1. augusto says:

    Vorrei sapere da dove arrivano soldi e armi ai criminali di boko haram…….ma già immagino !

    • mike says:

      mi sa che pensiamo la stessa cosa.

      spero che un giorno boko haram e chi dietro la paghino tanto cara.

      • Menelik says:

        …e che nella paga sia compreso anche un fiume di tritolo.
        Perché è l’unica cosa che loro possono intendere.
        Ma l’esercito nigeriano è come non esistesse.

    • Menelik says:

      Ho letto che l’attuale presidente è musulmano e che è andato al potere in elezioni fortemente sospettate di brogli e robe losche.
      Ci sono molte compagnie petrolifere occidentali laggiù, che fanno i porci comodi come non gli sarebbe permesso fare a casa loro, Italia compresa.
      Mi sa tanto che i Boko Haram godano di appoggi fortissimi, e chissà che tra i loro sponsor non ci siano anche i petrolieri occidentali dietro la promessa che una volta ammazzati i cristiani, potranno continuare a fare i porci comodi come fosse roba loro.
      O c’è un governo fantoccio, o un governo sotto sotto filo Boko Haram.
      Io la penso così.

    • Andrea says:

      Guarda, da quando è iniziata la guerra in medio-oriente l’america è stata una dei principali fornitori di armi ed equipaggiamento bellico per tutti i gruppi terroristici (altrienti a chi venderebbero tutte quelle armi) ed è sempre coinvolta in tutti i conflitti, come quello attuale in ucraina. Se il mondo si trova in questa situazione posso solo incolpare gli stati uniti. Se guardiamo attentamente la sua storia l’america ha sempre avuto un’inclinazione alla guerra e ai conflitti. Saddam Hussein é stato finanziato dagli stati uniti, il 11 settembre é stato organizzato dal pentagono insieme ai terroristi, i fascisti che al momento governano l’ucraina sono stati finanziati sempre dagli stato uniti e anche i conflitti in libia poco tempo fa. Hanno sempre scatenato conflitti per poter vendere armi e petrolio. Senza la NATO e le loro manie di grandezza sarebbero solo dei lupi sdendati incapaci di ferire anche una mosca.

  2. francesco taddei says:

    ma napolitano, obama e cameron perché non armano le portaerei democratiche per difendere
    la gente perseguitata?

    • vivian says:

      non gliene frega nulla dissero che dovevano distruggere boko haram ma non vogliono farlo avrebbero tutti i mezzi per annientarli ma non gli importa i cristiani non posseggono oro e gioielli tutti i odiano perchè portiamo la verità non ci ama nessuno del mondo ma Dio si e ci vendicherà

  3. giuliano says:

    questa è una delle notizie che faranno felici persone come Filomena & co

  4. EP says:

    Dov’è Filomena?

    • Emanuele says:

      adesso salterà fuori a dire che è tutta colpa dei cristiani se quelli gli sparano addosso… «devono proprio andarci in chiesa? devono proprio essere così cristiani? »

  5. luigi pezzuto says:

    non voglio rispondere di mio, ma citare alcuni versetti bibblici: “beati voi, quando v’oltraggeranno e vi perseguiteranno e,mentendo,diranno contro di voi ogni sorta di male per cagion mia. (mat.5:11)…ancora,…”quando vi perseguiteranno in una citta`, fuggite in un’altra,…” (mat.10:23)….ancora…”…se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi…” (giov. 15:20)…ancora: “benedite quelli che vi perseguitano; benedite e non maledite” (rom.12:14)….”ma io vi dico: Amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinche`siate figliuoli del Padre vostro che e`nei cieli…” (mat.5:44)…e per finire, dicendo di mio: “ma che cristiani siamo!!!”

    • mike says:

      siamo cristiani che possono citare un passo: “beati quanti hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati”(Mt 5,6). poco prima della tua prima citazione.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download