Google+

Nirenstein: la mia “maratona” quasi impossibile per raccontare la verità su Israele

novembre 21, 2012 Francesco Amicone

I media non dicono la verità sul conflitto fra Israele e Hamas. Mentre Israele cerca di difendere i civili, Hamas li usa come scudo o come obiettivo. Domani maratona oratoria a Roma

Non si fermano gli scontri fra israeliani e palestinesi. Da otto giorni, la striscia di Gaza governata da Hamas, continua a essere bersaglio dell’esercito israeliano, che intende fermare i razzi di Hamas che continua da anni a lanciare sul sud di Israele. Stamattina lo scoppio di una bomba su un autubus, in una zona centrale di Tel Aviv, ha fatto una decina di feriti. Un attacco terroristico che ha ricevuto la benedizione di Abu Zuhri, il portavoce di Hamas.
Per Fiamma Nirenstein, giornalista e vicepresidente della Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera dei Deputati, le felicitazioni per attacchi che colpiscono civili innocenti «fanno parte della natura terroristica di Hamas». «E c’è pure chi in occidente sposa le loro ragioni».

Il conflitto fra Hamas e Israele di questi giorni è nato dalla risposta dello Stato ebraico agli attacchi dei razzi lanciati da Gaza da parte di Hamas. Da più parti, però, è Israele a essere messo sotto accusa. Il nodo centrale di queste accuse è la sproporzionalità nella reazione agli attacchi subiti. E in effetti i dati ci dicono che, in questi anni, il numero di vittime palestinesi è dieci volte superiore a quelle israeliane.
Hamas lancia migliaia di razzi contro Israele ogni anno. Sortiscono effetti più limitati delle rappresaglie di Tsahal, l’esercito israeliano, perché Israele investe sulla sicurezza dei propri cittadini, a differenza di Hamas che usa un milione di palestinesi come scudi umani. La scarsa considerazione per le vite innocenti da parte dei terroristi, vale nei confronti dell’una e dell’altra parte. L’importante, per i terroristi, è avere della carne da macello a disposizione per continuare a fomentare la propaganda vittimistica, mantenere l’attenzione mediatica concentrata su di sé e ottenere denaro e potere.

Le strade per uscire da questo annale conflitto sembrano non aver portato da nessuna parte. Un’altra accusa che viene mossa a Israele è quella di non voler raggiungere una reale condizione di pace, per non condividere il territorio con un vero Stato palestinese. Di voler continuare a essere una forza d’occupazione.
Non è così. Piuttosto le organizzazioni palestinesi, compresa l’Olp guidata dal presidente Abu Mazen, vogliono evitare le trattative. Israele si è ritirata da Gaza nel 2005, costringendo i suoi cittadini a trasferirsi, ad abbandonare case, campi, serre. Hamas da allora lancia razzi sul suo territorio. Il fatto che i palestinesi cerchino il riconoscimento dell’Onu, senza implicarsi in un confronto con Israele, significa che da parte loro non c’è alcuna volontà a impegnarsi con i propri vicini. Perché questo? Perché trattare con Israele significherebbe riconoscerlo come interlocutore. E come si può riconoscerlo come tale, se si auspica di distruggerlo?

Sul suo (ex) blog di Repubblica.it, il matematico “impertinente” Piergiorgio Odifreddi ha pubblicato un post, che è stato poi cancellato per ordine del direttore Vittorio Zucconi, nel quale paragonava le rappresaglie di Israele a quelle del nazismo.
C’è poco da dire. Questo paragone fra Germania nazista e Israele piace molto. Un vezzo vomitevole, figlio di una coscienza sporca, che vorrebbe ridurre la portata storica e criminale del nazismo e colpevolizzare gli ebrei di oggi, attraverso l’uso abominevole dell’olocausto.

Domani, la sua associazione Summit e altre organizzeranno una maratona oratoria “Per la Verità Per Israele”, davanti a Monte Citorio. Di cosa si tratta?
È un tentativo quasi impossibile: ristabilire la verità su Israele e sul conflitto in corso, deformata dai media e dalla propaganda anti-israeliana, che si avvale della forza di molti pregiudizi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Luca Rossino scrive:

    Se gli argomenti saranno quelli esposti dalla Nierenstein in questa intervista, mi pare che il tentativo non sarà quasi impossibile, bensì completamente impossibile. Premesso infatti che Israele ha il diritto di difendersi, non vedo come pensare di avere successo mediante delle operazioni definite “chirurgiche” da Netanyahu (non so che chirurghi abbia in mente Bibi, forse li confonde con i macellai), perché il terrorismo non si combatte aizzando ancora di più i terroristi e bombardando i civili perché sono usati come scudi civili. O Israele si riprende Gaza una volta per tutte con una azione di terra (ma poi deve garantire l’ordine interno e tutelare i civili) oppure compia operazioni con reparti speciali che siano veramente chirurgiche, perché il terrorismo non si combatte con i bombardamenti, cha anzi lo rafforzano ulteriormente. Quanto al riconoscimento dello stato palestinese, Israele farebbe bene a farlo al più presto: Israele ha forse negoziato con i palestinesi la propria autodichiarazione? Neanche gli inglesi erano d’accordo, suvvia siamo seri…

    • Andrea scrive:

      Naturalmente affinche’ Israele riconosca al piu’ presto uno stato – cosidetto – palestinese e’ necessario che anche quast’ ultimo faccia altrettanto con Israele

      E finche’ ci sara’ la zozzaglia di Hamas (che nel suo statuto prevede la distruzione dello Stato d’Israele) dubito la cosa si possa fare

      Forse non si e’ capito o si fa finta di non capire che il problema non e’ affatto territoriale – questo e’ solo un pretesto –
      Il problema e’ la presenza di uno stato NON islamico all’interno dell ex impero ottomano

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana