Google+

Nigeria, attacchi anticristiani. Ma molti giovani, «dopo aver guardato in faccia la morte», scelgono di diventare preti

novembre 29, 2012 Redazione

«Nessun luogo è più sicuro» dice il cardinale di Abuja. Gli attentati si fanno sempre più frequenti, eppure non mancano i giovani che celgono la via del sacerdozio per testimoniare la propria fede

tratto da ZENIT.org – «È l’ennesima tragedia, ma stavolta è stato colpito uno dei maggiori complessi militari del Paese. È un segnale preoccupante, perché significa che nessun luogo è più sicuro». Appena due giorni dopo l’elevazione alla porpora, il cardinale John Onaiyekan, arcivescovo di Abuja, commenta ad Aiuto alla Chiesa che Soffre l’attentato avvenuto domenica scorsa nella Chiesa protestante di Sant’Andrea, interna al compound militare di Jaji, nello stato di Kaduna.

Quest’ultimo attacco solleva numerose questioni legate alla sicurezza, in primis quella dell’installazione che ospita il comando delle forze armate e l’accademia militare. I controlli all’ingresso sono stati effettuati con troppa leggerezza e il cardinale Onaiyekan non esclude che i due ordigni esplosi possano essere stati fabbricati all’interno del compound stesso.  In ogni caso il porporato auspica che quanto accaduto possa «risvegliare» il governo, inducendo le autorità a difendere più strenuamente i cittadini.

«Gli attentati anticristiani hanno cambiato il nostro modo di vivere, anche all’interno del seminario» racconta ad ACS-Italia il rettore del Seminario maggiore Good Shepherd di Kaduna, padre Joseph Salihu. Quello di domenica scorsa è solo l’ultimo di numerosi attacchi e violenze verificatisi nello stato della Nigeria centro-settentrionale, uno dei 12 stati della federazione ad aver introdotto nel 1999 la sharia anche come fonte di diritto penale. Nei fedeli cresce la paura: ogni domenica i banchi delle chiese sono sempre più spogli «e non è facile per i seminaristi e i sacerdoti portare una parola di conforto».

Lo stesso padre Salihu, lo scorso 28 ottobre, ha assistito all’esplosione di un’autobomba davanti ad una Chiesa. «Quanto sta accadendo ha effetti drammatici sulla comunità cristiana ed in modo particolare sulla comunità cattolica – racconta ad ACS – la situazione deve essere affrontata, perché sta diventando veramente grave».

Padre Salihu è preoccupato in particolare per i giovani, per i quali il fondamentalismo sembra avere una certa «attrattiva». Il basso livello di educazione e la totale mancanza di prospettive future, permette agli estremisti di reclutare nuove leve molto facilmente. Ed è indispensabile che i ragazzi ricevano un’istruzione adeguata e abbiano maggiori possibilità di trovare lavoro. «Il fondamentalismo influisce in modo determinante sulla nostra società e servono dei cambiamenti urgenti. Investire nel dialogo non basta. Lo Stato deve essere più responsabile ed intervenire in campo socio-economico. Perché sono queste difficoltà, la principale minaccia».

Non mancano però i giovani che, «dopo aver guardato in faccia la morte», scelgono la via del sacerdozio, determinati a portare la propria testimonianza di fede ai loro connazionali. «Il tragico momento vissuto dalla comunità cristiana ha influito sul numero delle vocazioni» spiega ad ACS-Italia padre Sylvester Dagin, rettore del Seminario maggiore di Saint Augustine di Jos, nello stato di Plateau. «La nostra provincia è una delle più duramente colpite dai fondamentalisti ma questo ha irrobustito la fede del nostro popolo, che mai è stata tanto forte».

In quest’area le relazioni tra cristiani e musulmani sono sempre state piuttosto cordiali, «anche grazie all’impegno e alla delicatezza dei missionari». Negli ultimi tempi, però, la situazione è degenerata e la «persecuzione cristiana è divenuta intensa». Tuttavia, fa notare padre Dagin, le violenze perpetrate dai Boko Haram non sono commesse unicamente in odio alla fede. «La crisi nigeriana sembra avere carattere puramente religioso. In realtà non mancano venature politiche».

Nel mondo un seminarista su dieci può conseguire i suoi studi grazie ad Aiuto alla Chiesa che Soffre. Nel 2011, ben 11.476 seminaristi hanno beneficiato del supporto della Fondazione pontificia che comprende: sostegno alla formazione, costruzione di nuovi seminari, aiuti e veicoli per la pastorale, finanziamento di pubblicazioni. I sacerdoti che insegnano nei seminari ricevono inoltre le intenzioni di Sante Messe e celebrano i cicli di Messe Gregoriane richieste dai benefattori ACS di tutto il mondo per i propri cari. Spesso queste offerte costituiscono l’unico “stipendio” percepito dai professori.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana