Google+

Milano. L’area del Castello Sforzesco chiusa al traffico. Ma ai residenti l’idea non piace

maggio 1, 2014 Elisabetta Longo

Intervista alla promotrice del comitato che si oppone alla pedonalizzazione. «Si tratta di un’area cittadina senza attrattiva per turisti e cittadini. Si poteva sfruttare il parco Sempione o l’area interna al Castello»

«Ma si immagina quella distesa di asfalto d’agosto? Davvero c’è qualcuno che pensa che le persone andranno a passeggiare lì quest’estate? Oppure quando arriveranno le giornate invernali, con poche ore di luce?». A porre queste domande a tempi.it è Barbara Bianchi Bonomi, ideatrice del “Comitato Castello, residenti Zona 1 di Milano”. Da martedì 22 aprile l’area attorno al Castello Sforzesco è stata pedonalizzata, chiusa al traffico sette giorni su sette, con conseguenti modifiche alla viabilità della zona circostante. L’inaugurazione ufficiale avverrà l’11 maggio, e nel frattempo cominceranno a fiorire gli eventi che, a detta del Comune, daranno nuova vita alla zona.

area-castello-sforzesco

 

UNA ZONA SENZA NEGOZI NE’ BAR. «Qui non ci sono negozi, o altre strutture commerciali. Ci sono un paio di bar storici, che però a una certa ora chiudono. La zona nelle ore serali perde di attrattività, come tutto il centro di Milano, le persone si trasferiscono sui Navigli o all’Arco della Pace. Non riesco a immaginare cosa potrà escogitare il Comune per convincere le persone a rimanere in un’area per lo più ricca di studi e uffici”, continua Bianchi Bonomi, che è stata per tanti anni consigliere comunale di centrodestra nell’amministrazione di Letizia Moratti. «Dicono che vogliono valorizzare un monumento storico, il Castello Sforzesco. Ma lo fanno nel modo sbagliato. Parco Sempione è un gioiello, e lo è diventato grazie all’amministrazione Albertini, che prima lo ha fatto recintare e poi ha introdotto gli orari di apertura e chiusura, limitando così il vagabondaggio al suo interno».

OLTRE L’EXPO. Viene da chiedersi come mai il Comune non abbia pensato alla valorizzazione dei cortili del Castello Sforzesco e del Parco Sempione, sfruttando così i loro 386 mila metri quadrati verdi. «I turisti e i milanesi vanno a piedi da piazza del Duomo a via Dante, proseguono fino alla fontana sottostante al Castello Sforzesco dove scattano qualche foto, e poi, se c’è una bella giornata, si riparano al fresco dell’erba, nel cortile interno al Castello. Perché mai dovrebbero cambiare abitudine, se quello che propone il Comune è una distesa di asfalto?», chiede ancora Bianchi Bonomi. Dal 4 maggio è prevista nella nuova zona pedonale un mercatino di prodotti agricoli della Coldiretti. Poi il 10 maggio verrà inaugurato l’Expo Gate in Largo Cairoli/via Beltrami, un info point per l’esposizione del 2015, dove verranno illustrati gli eventi in città, come raggiungere i luoghi e molto altro. L’11 maggio invece vi sarà la giornata del Cyclopride, una pedalata di massa, con partenza dal Castello.

AREA DA PATTUGLIARE. Per gli eventi estivi il Comune ha istituito un bando, chiunque potrà proporre le sue idee. Il Comitato Castello contrattacca con una raccolta firme, arrivata quasi a un migliaio di adesioni: «Sistemeremo un rilevatore di pm10 in Foro Bonaparte dove è stato modificato il flusso del traffico, e un misuratore di decibel. Auto e pullman confluiscono qui, ora, con le modifiche appena fatte alla viabilità. Nei giorni scorsi, sono andata a parlare con i vigili, che qui nella nuova area pedonalizzata si stanno occupando di bloccare automobilisti disattenti o non informati, ho chiesto loro come stava andando, cosa ne pensavano. Mi hanno risposto un po’ rassegnati che dovranno pattugliare l’area giorno e notte». Un’area che secondo i piani del Comune di Milano rimarrà pedonale in maniera perenne, anche dopo Expo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.