Google+

«Mentre infuriava la guerra in Centrafrica ho visto tanti miracoli. E ho capito perché la Chiesa non è una ong»

agosto 21, 2016 Leone Grotti

Intervista a padre Federico Trinchero, priore del Carmel di Bangui, che ha ospitato fino a 10 mila profughi. «Non sono un eroe, la gente però ha apprezzato che non siamo scappati»

centrafrica-bangui-carmel-federico-trinchero

Rimini. “Zo kwe zo”, ogni uomo è un uomo. È questo il motto in sango della Repubblica centrafricana. Il concetto è semplice, sembra quasi una tautologia, ma dal 2013 quasi tutti si sono scordati che cosa significa davvero. Durante oltre due anni di sanguinosa e feroce guerra civile, cominciata il 5 dicembre di quell’anno in seguito al colpo di Stato del 24 marzo, i centrafricani si sono divisi in ribelli islamisti Seleka e milizie anti-balaka, in musulmani e animisti e cristiani. Al Carmel però, convento carmelitano nella capitale Bangui, epicentro delle violenze, non si sono mai dimenticati che ogni uomo ha pari dignità e così 12 frati si sono presi cura di 10 mila profughi, scappati dagli scontri. Il priore del Carmel, padre Federico Trinchero, che oggi al Meeting di Rimini racconterà la sua incredibile esperienza, ha parlato a tempi.it della situazione odierna del paese e dei miracoli che ha visto accadere in questi anni.

Dopo la visita di papa Francesco a novembre dell’anno scorso, il Centrafrica è lentamente uscito dalle cronache. Le violenze sono finite?
Dopo la visita del Papa ci sono stati due grandi cambiamenti. Primo: ci si spara e ci si ammazza molto di meno, questo è un dato di fatto. Ci sono ancora scontri ma circoscritti, non degenerano in violenze più ampie come prima. Resta il fatto però che i ribelli Seleka controllano ancora il 60 per cento del paese, il nord-est, la parte più ricca di risorse naturali.

E il secondo cambiamento?
Prima della visita del Papa dicevamo: non ce la faremo mai, non ne usciremo più. Ora invece diciamo: ce la possiamo fare. Abbiamo eletto un nuovo presidente, Faustin-Archange Touadéra, che ha uno stilo molto sobrio, e questo è positivo per un africano, però ci aspettavamo di più. Ora deve anche fare qualcosa.

Di che cosa ha più bisogno oggi il paese?
La prima cosa è sempre la sicurezza. Il paese non ha un esercito, la polizia la stanno formando ora, l’amministrazione è quasi inesistente. Il Centrafrica ha questo grande problema: non è un paese da ricostruire ma da costruire. Lo Stato quasi non esiste. L’aspetto positivo di questa guerra è che abbiamo capito di avere un problema: non si può andare avanti così, senza Stato, senza paese.

E poi?
Il governo deve impegnarsi nella scuola e nell’educazione, cose di cui non si è mai interessato. Ci sono anche le infrastrutture: Bangui ha 800 mila abitanti e neanche un semaforo. Mancano le strade asfaltate e ospedali decenti. Ho portato una notte un profugo malato che non riusciva più a respirare nell’ospedale migliore del paese. Dire che nella sala di rianimazione le condizioni igieniche erano arcaiche è un eufemismo. Adesso c’è il rischio colera, perché non abbiamo fogne.

Quanti profughi ospitate ora nel Carmel?
Abbiamo trovato un modus vivendi. Ora sono a 30 metri da noi, mentre prima ce li avevamo in casa. Da 10 mila sono diminuiti a tremila. Gestiamo le urgenze, chi nasce e chi muore, i problemi o i litigi, e gli aiuti delle Ong quando arrivano. Poi facciamo il nostro lavoro: noi formiamo seminaristi.

La vostra missione è cambiata?
No, anche se questa cosa all’inizio ci ha scombussolato. Ma io sono sempre stato carmelitano, prima dopo e durante. Non ho sentito una frattura. Anzi. Non potevamo che fare così. La gente ha apprezzato perché ha visto che nonostante la guerra non siamo scappati, siamo rimasti con loro. Quando ci sono grossi combattimenti ti viene chiesto se vuoi andartene. Ma tutti noi italiani non ci abbiamo neanche pensato, e non perché siamo eroi. Ci è venuto naturale restare.

centrafrica-bangui-carmel-federico-trinchero3Non c’è il rischio di trasformarsi in una ong?
No. Prima non conoscevo il mondo delle ong, che è utile ma anche pieno di punti interrogativi. C’è una grande differenza tra noi e loro. Per loro è un lavoro, hanno uno stipendio, vanno in vacanza, alle 3 del pomeriggio finiscono di lavorare e si riposano. Noi invece siamo lì 24 ore su 24 e qualsiasi cosa succeda siamo presenti lì e facciamo quel che possiamo. La gente se ne accorge e si fida molto di noi.

In tutto il paese la Chiesa ha ospitato in parrocchie e conventi decine di migliaia di profughi, cristiani e musulmani: un’accoglienza incredibile.
A noi non è sembrato niente di eccezionale. Sono gli altri ad averci detto “bravi” oppure “realizzato il Vangelo”. Noi l’abbiamo fatto e basta, senza dover ragionare chissà quanto.

Il momento più difficile?
La distribuzione del cibo a 10 mila persone. È impressionante tanto è difficile. All’inizio ci siamo scoraggiati: arrivavano gli aiuti, tre camion di roba da mangiare, un’enormità. Le ong te li scaricano davanti alla porta e ti salutano. La prima volta ci abbiamo messo tre giorni a distribuirli, poi abbiamo affinato la tecnica.

Nel buio della guerra e della violenza avete visto delle luci?
Abbiamo visto tanti miracoli. I primi giorni eravamo in 50, con tanti bambini. Non potevamo uscire dal convento ma siamo riusciti a dare da mangiare a tutti per quasi due mesi. Nessuno è morto di fame, anche grazie a un amico musulmano che ci ha donato tremila uova. Il secondo miracolo è avvenuto a Natale 2015.

Cosa è successo?
Avevamo quasi duemila bambini e volevamo fare per loro un regalo. Ci pensavamo per la prima volta, perché nel Natale del 2014 si sparava troppo e si pensava ad altro. Non avevamo però soldi per comprare niente. Il 24 dicembre, senza preavviso, una ong locale sconosciuta è arrivata con dei macchinoni e ha scaricato cinque grandi scatoloni pieni di giocattoli. Poi sono spariti, non li ho mai più rivisti. Il terzo miracolo è semplice: nessuno è mai morto al Carmel per la guerra.

Com’è oggi il rapporto con i musulmani?
Timidamente si stanno riallacciando alcuni rapporti. C’è una zona di Bangui, un’enclave dove abitano solo i musulmani, vicina a un’altra che è terra di nessuno, che i cristiani attraversano. Ma i musulmani ancora hanno paura ad uscire, non se la sentono. Al massimo si recano in centro, dove ci sono più pattuglie dell’Onu.

Si temono ancora gli attacchi di anti-balaka e Seleka? Non erano stati sciolti?
In teoria sì, in pratica no. Stanno cercando di reintegrarli nell’esercito nazionale ma è difficile. La verità è che se ci fosse lavoro questa gente non farebbe la guerra. La povertà resta il problema maggiore del Centrafrica. Siamo troppo poveri e speriamo di riuscire questa volta a imboccare la strada dello sviluppo.

I soldati dell’Onu non aiutano a bloccare i gruppi armati?
L’Onu è qui ormai da due anni con 12 mila uomini. Non fanno tantissimo, ci aspettavamo di più anche se capisco che gestire il disarmo non è facile. Già è difficile morire per il proprio paese, figuriamoci per il paese di un altro. Se non ci fossero però la situazione sarebbe peggiore.

Il titolo del Meeting è “Tu sei un bene per me”. Questa frase ha senso in Centrafrica?
La gente deve smettere di odiarsi e capire che nessuno può vivere senza l’altro e che l’altro non è mai come vorrei che fosse. I centrafricani devono capire che non esiste un Centrafrica senza cristiani o senza musulmani. Questo titolo è simile al motto del nostro paese, Zo kwe zo, ogni uomo è un uomo. A prescindere dalla sua confessione religiosa e anche dal suo peccato.

Da dove può nascere la riconciliazione dopo anni di violenza e torti, compiuti e subiti?
Rispondo con le parole del vescovo di Bangui, monsignor Nzapalainga: la prima cosa da fare è il disarmo dei cuori e della testa. Bisogna convertirsi. Se durante la guerra la Chiesa ha fatto una gran bella figura, si è anche visto che il comandamento dell’amore non è molto radicato. Come in Ruanda, che veniva portato come esempio di evangelizzazione e che poi in tre mesi sono state uccise quasi un milione di persone. E lì non c’erano i musulmani. C’è molta strada da fare. C’è bisogno di un cambiamento del cuore e della testa. Il popolo centrafricano accusa sempre gli altri, la Francia, la storia per tutto ciò che non va. E aspetta sempre aiuti dal di fuori. Ora basta dare colpa agli altri, ora tocca a ognuno di noi, a me.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. Quercia scrive:

    Domanda da ignorante. È più una proposta da uno che non è mai stato in Africa.

    Ma se avete 10 mila profughi, e c’è uno stato da costruire, perché non coinvolgere i profughi stessi?

    Concretamente, perché non formare delle squadre di profughi incaricate a costruire le strade? Le fogne? Ecc

    • Sebastiano scrive:

      Credo che sia perché per costruire ci vogliono risorse, mezzi e denari. E loro non ne hanno a sufficienza neppure per mangiare.

  2. Antonio scrive:

    A Bangui non coprono le statue della Madonna come al meeting “dei popoli” ( mi viene da ridere ) ma la portano in processione ogni giorno per avere il suo aiuto.

    • Sebastiano scrive:

      Mi verrebbe da rispondere con una cattiveria: lì, a Bangui, mica c’hanno un Galantino.
      Ma mi rendo conto che essendo una cattiveria è meglio non dirla.
      Perciò non la dico.
      Certo, l’ho pensata, ed è un male. Ma prometto che domani mi confesso.

      • Gober scrive:

        L’epicentro delle violenze è il monastero cristiano?

        Guerre causate da chi ?

        Le ong non fanno proselitismo e non hanno secondi fini.

        • Menelik scrive:

          Cosa vorresti insinuare con le ong non fanno proselitismo e non hanno secondi fini?
          Che il Carmel ha un secondo fine? Che fa proselitismo?
          Per me le ong, magari non tutte ma moltissime senz’altro, sono una manica di magnaccioni che stanno lì a fare “gli impiegati”, ecco cosa penso di loro, più o meno come le cooperative.
          Poi le guerre lì non son certo i Cristiani che le hanno scatenate.
          Nella maggior parte sono conflitti tribali, su base etnica.
          I Cristiani non c’entrano niente.
          Queste missioni sono l’unica speranza per l’Africa, altre non ne hanno.
          I magnati della finanza occidentale che stanno dietro le ong vogliono solo allungare le mani sulle risorse, portare il neocolonialismo sotto altre spoglie.
          E’ anche per quello che bisogna sostenere economicamente la nostra Chiesa qua, perché il flusso di denaro e aiuti veri tramite le opere missionarie non cessi e continui, che finora ha dato splendidi risultati.

    • andrea udt scrive:

      La statua della Madonna coperta mi sembra troppo incredibile per esser vera.

    • Raskolnikov scrive:

      Gentile Antonio lo sa cosa succede a usare troppo la testa? Che rischia di sbatterla. Però per fortuna ci sono tanti medici pronti ad aiutarci. A parte gli scherzi e gli scherni, armiamoci di intelligenza d’animo e non d’asino come fanno in molti in questi giorni e guardiamo a quello che c’è e accade. Ad esempio che una proprio una mostra del meeting ha al centro la Madonna però di certo non può urtare la sensibilità dei visitatori di altre religioni perché una mostra non sarà di certo mai visitata più di un piccolo stand. Ma in tutto questo sa qual’è la questione che a forza di andare in giro a chiedere la questua a cristiani di una parte piuttosto che dell’altra non ci rendiamo conto che stiamo generando noi per primi una guerra. Ma continua ad affidarci pure a chi dello scandalo ha fatto la propria bandiera.

      • uber scrive:

        Anche perché il famoso video è una montatura dei repubblicones, come chiarito dalla stessa Shalom.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

È un dato di fatto: la mobilità a pedalata assistita è in costante crescita. A confermarlo sono i numeri: nel 2016 in Italia sono state acquistate 124.400 e-bike, prentemente mountain bike, con un incremento del 120% rispetto allo scorso anno. In sella alla bici elettrica il divertimento raddoppia, potendo contare sull’aiuto che il motore è […]

L'articolo EICMA 2017, le e-bike scendono in pista proviene da RED Live.

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana