Google+

Maya Angelou, icona liberal del mondo americano ma non solo: «Non abortire fu la scelta migliore della mia vita»

giugno 2, 2014 Benedetta Frigerio

Tranviera, cameriera, ballerina, cantante, scrittrice: Maya Angelou è morta a 86 anni, nella vita ha fatto di tutto ma la cosa migliore fu «tenere quel bambino» a 16 anni

È morta nei giorni scorsi a 86 anni una delle donne più conosciute degli Stati Uniti d’America: la poetessa, attrice e ballerina Maya Angelou, icona del mondo liberal, nata nel 1928 a Saint Louis in Missouri. Cresciuta nei sobborghi afroamericani, ha lavorato come tranviera e girato fra bar e locali prestando servizio come cameriera, cantante e ballerina.
Diventata famosa, è stata evocata ogni volta che c’era da sponsorizzare la lotta contro la povertà, i diritti civili, la razza, la parità della donna. E fu immortalata al fianco di Malcolm X, Martin Luther King, Hillary Clinton e Barack Obama, che di lei ha detto: «È stata una delle luci più splendenti dei nostri tempi».

PROTEGGERE LA VITA. Angelou, in realtà, non è così facilmente inquadrabile. Nel 2013, in un’intervista rilasciata al Time, la scrittrice difese il diritto al porto d’armi, parlando con disinvoltura di quando impugnò la pistola in casa sua urlando contro i ladri e mettendoli in fuga. E anche se la sinistra non ama parlarne, Angelou nel 1990 si schierò a difesa della vita a 360 gradi: «Noi abbiamo il dovere di proteggere la vita, che oggi è minacciata dalla guerra, dall’aborto, dalla povertà, dal razzismo, dalla corsa alle armi, dalla pena di morte e dall’eutanasia».

«C’ERA QUALCUNO DENTRO DI ME». In un racconto autobiografico apparso nel 2001 sulla rivista Family Circle, Angelou racconta poi di «quando avevo 16 anni e un ragazzo al liceo mi suscitò interesse, così feci sesso con lui – solo una volta». Ma quando uscì dalla stanza, Angelou si scoprì delusa: «È tutto qui quello che c’è in questo (il sesso)? Mio Dio, non lo farò mai più!». Ancora ragazzina, scoprì di essere incinta: «Andai dal ragazzo e gli chiesi aiuto, ma lui disse che non era il suo bambino. Ebbi paura, ero a pezzi. Allora, se avevi i soldi c’erano alcune ragazze che abortivano, ma io non potevo nemmeno pensare a un’idea simile. Oh, no. No. Sapevo che c’era qualcuno dentro di me. Così decisi di tenere il bambino».

«NON HA SENSO ROVINARE TRE VITE». Molto importante fu l’appoggio della madre: «Non dimenticherò mai quello che disse: “Ora dimmi, ami questo ragazzo?” Dissi di no. “Lui ti Ama?”. Dissi di no. “Comunque non ha senso rovinare tre vite. Avremo il nostro bambino!”». Scrive Angelou: «Vi assicuro che la decisione migliore che abbia mai preso fu tenere quel bambino! Sì, assolutamente. Guy fu una delizia sin dall’inizio, così buono, così luminoso, non riesco a immaginare la mia vita senza di lui».

LA GRAZIA DI UN FIGLIO. La scrittrice non fu mai lasciata sola: «A 17 anni trovai lavoro come cuoca e poi come cameriera in una discoteca. Affittai una stanza con un angolo cottura», ma la madre le disse: «“Ricordati di questo: puoi sempre tornare a casa”. Tenne la porta sempre aperta. E ogni volta che la vita mi feriva, andavo a casa per un paio di settimane».
Angelou non si è mai pentita della sua scelta, per cui ha dovuto «lottare, certo», ma «Guy era circondato dall’amore, dall’allegria e da un sacco di buona lettura e poesia. Mio figlio ha tirato fuori il meglio di me e ha reso grande la mia vita. Qualunque cosa gli sia mancata, oggi è un grande padre. Una volta gli chiesero cosa volesse dire crescere all’ombra di Maya Angelou e lui disse: “Ho sempre pensato di essere cresciuto nella sua luce”. Anni dopo mi sposai, volevo altri figli, ma non riuscivo a concepire. Non è meraviglioso avere avuto un figlio a 16 anni? Dio grazie!».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. beppe scrive:

    ecco un luminoso esempio del metodo della sinistra: oscurare tutto ciò che nell’esperienza concreta , faticosa ma meravigliosa della vita contrasta l’ideologia. per questo non sopporto i loro testimonials, le loro icone fasulle. sono solo mistificazione, facce di cartone con il niente alle spalle.

    • beppe scrive:

      ovviamente ho letto con profonda commozione le parole di maya, della madre e del figlio.

  2. Bifocale scrive:

    Maya Angelour, grandissima persona, era anche una forte sostenitrice dell’uguaglianza matrimoniale e nel 2009 fece un forte appello ai senatori dello Stato di New York a favore dell’accesso al matrimonio per le coppie omosessuali. Per quanto riguarda la sua scelta di non abortire è assolutamente legittima. Essere pro-choice significa semplicemente dare alle donne il diritto di scelta, non certo di imporre niente.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana