Google+

Marijuana. Onu contro Uruguay. «Legalizzare non funziona e crea danni, soprattutto fra i giovani»

dicembre 12, 2013 Redazione

Le reazioni dell’Incb dopo il voto: «Non si tiene conto di ciò che dice la comunità scientifica. La cannabis dà dipendenza»

Uruguay. All’indomani del voto del Senato che ha approvato in via definitiva la legalizzazione di produzione, commercio e consumo della cannabis, arrivano le reazioni dure dell’International Narcotics Control Board, l’organo che contrasta il narcotraffico e la diffusione di droghe per conto delle Nazioni Unite e di cui l’Uruguay è membro. «Sono sorpreso che un corpo legislativo che ha sostenuto una legge internazionale e degli accordi abbia deciso scientemente di rompere l’appoggio legale ad un trattato condiviso universalmente e sostenuto a livello internazionale», ha detto Raymond Yans, presidente dell’Incb.

«COLPISCE ALCUNE FUNZIONI MENTALI». Il Board si basa sulla difesa della Convenzione unica sugli stupefacenti, un testo redatto nel ’61 e attivo dal ’75, «il cui scopo principale è proteggere la salute e il benessere dell’umanità», continua Yans, nel comunicato emesso dall’Incb. «La Cannabis è sottoposta al controllo della Convenzione del ’61, che chiede agli stati membri di limitare il suo uso a scopi medici e scientifici, a causa della sua potenziale capacità a dare dipendenza». Stupisce infatti come l’Uruguay si sia totalmente dimenticato dei rischi per la salute cui l’uso di marijuana porta nei consumatori, specie tra i più giovani: «Non solo dà dipendenza, ma può anche colpire alcune funzioni mentali fondamentali, il quoziente intellettivo, le performance accademiche e lavorative, e compromettere l’abilità alla guida. Fumare cannabis è più pericoloso di fumare tabacco», continua il comunicato, appoggiandosi sul giudizio della comunità scientifica, di cui il Governo si è totalmente dimenticato.

«DECISIONE CHE SPINGE I GIOVANI A PROVARE». La proposta del presidente uruguayano Mujica si basava sulla teoria secondo cui liberalizzando l’uso e il commercio di droga si sarebbe contrastato il narcotraffico, contro cui ben poco avevano fatto, a detta del Premier, anni e anni di proibizionismo. L’approvazione di ieri ha subito richiamato l’attenzione di tanti consumatori abituali di cannabis, che ieri hanno chiamato diverse ambasciate uruguayane per sapere come trasferirsi a Montevideo e dare il via al “turismo della marijuana”, tendenza che lo stesso Mujica vorrebbe contrastare concedendo la vendita degli spinelli solo alla popolazione locale.
Intanto però, è sempre l’Incb a smentire il Governo sudamericano, spiegando come lo scopo di contrastare il crimine si basi su «congetture precarie e non comprovate. Una simile decisione non protegge i giovani, piuttosto ha l’effetto perverso di incoraggiare una sperimentazione precoce, abbassando l’età del primo uso, e quindi contribuendo a problemi di sviluppo, un più veloce inizio di dipendenza e altri disordini».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Su Connottu scrive:

    Se Mujica si impegna ad accogliere tutti i tossici europei, iniziando da quelli che occupano gli scranni del parlamento di Bruxelles, io un ragionamento costi/benefici ce lo farei

  2. luca scrive:

    costa più la lotta alle droghe che le droghe sia in termini di soldi che di vite… legalizzatele

    il matrimonio gay è legale in quasi tutto il sud america

  3. ftax scrive:

    Sì, sì! Anche la lotta agli omicidi è costosa e inutile: impossibile eliminarli. Legalizziamoli!…

    • luca scrive:

      si ma l’omicidio è un delitto contro terzi invece se mi drogo non faccio male agli altri ma solo a me stesso

      • Antonio scrive:

        però la droga altera la sensorialità della persona, in pratica (confermato da consumatori di questa m…a inutile che tanto difendete) vuoi fare delle cose che non faresti mai da lucido. E se il libero e legale drogato facesse del male a qualcuno senza rendersene conto? Non basta l’alcol ed il recente aumento del consumo di alcolici a produrre zombies, rincoglioniti, balordi per le strade e nei locali? Ma c’è davvero bisogno di queste schifezze per divertirsi…

  4. Antonio scrive:

    questo relativismo pro droga fa vomitare. Ma per molti basta “pagare le tasse” e tutto diventa bello e legitimo. Questo è il vero squallore.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana