Google+

Manifestano in silenzio contro il matrimonio gay seduti vicino al Parlamento francese: arrestati 67 giovani

aprile 15, 2013 Leone Grotti

Il senatore francese che manifestava insieme a loro: «Questa è repressione politica, in quella piazza manifestano tutti. Nessuno è mai stato arrestato».

Sono stati rilasciati ieri sera i 67 giovani sostenitori della Manif Pour Tous contro la legge sul matrimonio gay che dall’una di notte di ieri sono stati detenuti in un commissariato di Parigi. I giovani francesi, riuniti nel gruppo Camping Pour Tous, avevano deciso di protestare sedendosi in totale silenzio vicino al Parlamento francese. Insieme a loro, c’era anche il senatore Pozzo di Borgo. Secondo un comunicato della Manif Pour Tous uscito ieri pomeriggio «non hanno fatto niente che giustifichi la loro detenzione da oltre 12 ore. La democrazia e la libertà di espressione sono di nuovo minacciati. La Francia è evidentemente governata da un gruppo che usa metodi da regime di polizia». Il loro caso ricorda quello di Franck Talleu, fermato e  multato solo perché portava la maglia con il logo di una famiglia.

«È UN ABUSO». I giovani hanno rischiato secondo gli avvocati un anno di prigione e 15 mila euro di ammenda per «non essersi dispersi dopo l’avviso» della polizia, anche se non turbavano in nessun modo la quiete pubblica manifestando da seduti in totale silenzio. Uno degli avvocati ha dichiarato riguardo all’arresto: «Si tratta di una reazione sproporzionata. È un abuso, un’intimidazione che ha come obiettivo quello di sradicare alla radice ogni tipo di protesta». Un altro avvocato: «In 20 anni di lavoro non ho mai visto niente del genere».

«REPRESSIONE POLITICA». Il senatore Pozzo di Borgo, che non è stato arrestato insieme ai giovani, ha dichiarato ieri: «Apprendo che i giovani che sono stati arrestati sotto i miei occhi nonostante fossero calmi e pacifici sono ancora in detenzione. In piazza Edouard Herriot [dove si trovavano, ndr] tutti i giorni ci sono manifestazioni rumorose di sindacati, di stranieri di ogni tipo, di associazioni diverse e mai nessuno è stato arrestato. Loro, che stavano in silenzio, li hanno subito portati via». Conclude Pozzo di Borgo: «Questa è repressione politica».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

39 Commenti

  1. brescia2011 scrive:

    E dire che si rifanno a: diritti per tutti!!!

  2. giuliano scrive:

    il solo fatto di essere stati arrestati perché dimostravano prova il regime antidemocratico dello stato. Le dimostrazioni di piazza sono sempre state fatte, rumorose e non. Vanno represse solo quando sfociano in attui di guerriglia (molotov, spranghe, ecc..) ma di questa tipologia sono specialisti i manifestanti di sinistra che non vengono mai arrestati

  3. Valentina scrive:

    Caro Maurizio, il paragone tra questi manifestanti e i nazisti mi pare molto azzeccato…mi hai fatto riflettere. Sì perché questi omofobi sono scesi in piazza con spranghe e fucili per mettere a morte gli omosessuali, calpestando i loro diritti più elementari. Già…

  4. viccrep scrive:

    quando manifestano i gay con i loro cortei chiassosi e pieni di odio e di delazione, non succede nulla perché essi sostengono la menzogna.
    Quando i cittadini nel silenzio e con una maglietta senza scritte, vengono arrestati, la menzogna ha bisogno di questi gesti soprattutto quando diventa legge.
    I francesi sani si mettano la maglietta e in milioni si mettano davanti alle istituzioni e facciano crollare questo governo

    • Alessandra scrive:

      Io direi che devi informarti meglio sulle vicende, prima di scrivere cagate.
      Ah, vorrei informarti che gli omosessuali e tutti coloro che sono a favore dei pari diritti, quando manifestano, non cercano di togliere diritti ad altri e non odiano nessuno. Al contrario, i bei bigottoni che manifestano odiano altre persone e vuole negare loro dei diritti. Direi che c’è una bella differenza, te cosa dici?
      Punto due: vai ad informarti meglio sulle notizie, invece di leggere Tempi.it che fa leggermente cagare come “sito”. I tipi dell’articolo hanno manifestato in tutti i modi possibili, e tra questi non sono compresi “modi pacifici” e “silenziosamente”. Informatevi, prima di credere alla prima roba che trovate su internet. Pecore.

      • Pecorone scrive:

        Non sarebbe più facile ed educato Linkarci un po’ di verità piuttosto che insultare???

        Segnalaci un po’ di siti in cui si parla di questi fatti. Indicaci i siti in cui vengono evidenziati “tutti i modi possibili non pacifici e non silenzioni” in cui avrebbero manifestato questi arrestati.

  5. Fabio scrive:

    Premesso che rispetto gli omossessuali in quanto tali, ma mi sembra evidente che il matrimonio è cosa da etrosessuali. Infatti solo da due eterosessuali può nascere una nuova vita. “matri – monio” infatti significa il diritto-dovere (munus) della madre (mater). E’ evidente dunque che il matrimonio gay è esso stesso omofobo perchè riproduce la sitazione di un rapporto eterosessuale dove la natura vuole che ci sia un padre e una madre. Chi ha detto che i gay devono stare in due per fare famiglia? potrebbero essere in tre, cinque, sette, otto, diecimila… o no? Chi lo vieta?

    • Quercia scrive:

      Infatti nei paesi “civili” già ci sono cause giudiziarie per la “regolarizzazione” dei “nuclei poliamorosi”.
      In Italia sfrutteranno l’articolo della costituzione che tutela le famiglie numerose per sostenere che de Gasperi voleva tutelare i poligami e in realtà pure lui lo era. Tanto quell’articolo è stato completamente dimenticato dai politici di destra e di sinistra.

      Chiaramente è sarcastico il mio intervento, ma è una previsione per nulla infondata.

  6. Michele scrive:

    Aiutiamo i francesi nella resistenza pacifica per la famiglia naturale, importiamo il maggio ’13 che sta nascendo in Europa. Quando arrivano magliette e spillette?

    • Olga scrive:

      Il novantanove per cento di questi giovani manifestanti prova una fortissima pulsione erotica verso individui dello stesso sesso. Per questo motivo cercano di barare con gli altri e con se’ stessi andando a manifestare contro i matrimoni gay. Ipocrisia a 360 gradi. La chiamo sindrome della tamaro, secondo cui i cattolici froci non sono omosessuali ma diversamente eterosessuali.

      • giovanna scrive:

        Risposta seria: Olga, non vedo proprio cosa abbia a che fare il matrimonio gay con le pulsioni sessuali, dato che esse oggi si possono soddisfare liberamente in ogni modo e nel plauso generale.
        Invece, quando si parla di matrimonio, si parla di bambini, del fatto che non possano essere giocattoli in mano a due uomini o due donne, giocattoli che si comprano e si affittano.
        Ma certo, capisco che per te , che campi d’istinti, dal commento che fai, almeno si capisce questo,siano discorsi superflui e fastidiosi.
        Risposta ancora più seria: che ti sei fumata? Oppure: che ti sei fumato?

        • Olga scrive:

          Io non campo d’istinti, sono i campi che sono distinti. I coltivatori ci tengono a tenere separate le loro proprietà. Per questo utilizzano le recinzioni. Per questo devo essere agile per poterle scavalcare quando vado a raccogliere la mariagiovanna di cui sono avida e che pretendo fumare solo di prima qualità. Tu non fumi giovanna? Eppure giovanna d’arco fumava sul rogo. Il contadino che abbrustoliva la pannocchia sulle capriole di fumo che emanava si’ tanto generosamente il tronco di giovanna d’arco era l’avo del villico che coltiva la mariagiovanna che fumo io. Il cerchio si chiude. Corsi e ricorsi della storia, storie di nemesi concentriche come le bucce di una cipolla. Toh, di nuovo l’agricoltura. La conferma. Tutto e’ possibile dire e dimostrare, e’ puro esercizio di stile. Quando il materiale a disposizione e’ costituito interamente a e solamente da cazzate, e’ lo stile che fa la differenza.

          • Paolo scrive:

            E che stile, compiaciuto e indulegente allo stesso tempo, complimenti davvero!!!
            Però In quanto a meteriale a disposizione e cazzate non so cosa ne penserebbe Giovanna D’Arco dell’indiscutibile asserzione: “il novantanove per cento di questi giovani manifestanti prova una fortissima pulsione erotica verso individui dello stesso sesso”. Ma sono certo che tu la risposta la conosci già benissimo; in quanto avanguardia e martire del moderno pensiero illuminato (e solo una Chiesa ipocrita poteva poi farla Santa) non potrebbe che essere d’accordo con te e con tutta la moderna scienza che senza ombra di dubbio alcuno ha dimostrato ciò.
            Ah Olga, ma femme l’piacè………..(perdona lo stile)

          • Su Connottu scrive:

            Olgo,
            perchè non ammetti che la mariagiovanna che ti stai fumando te la sei coltivata da solo?
            Sullo stile hai ragione, solo che tu sei uno di quei pochi casi che fanno eccezione:
            il tuo stile fa così schifo che le cazzate che scrivi ne guadagnano in riconoscibilità.

            • Olga scrive:

              Il mio stile si adegua al pubblico. Si può esercitare anche uno stile schifoso. Dipende dal tema trattato e dagli interlocutori. Vai a leggere la risposta che diede William Butler Yeats ad una persona che gli chiese perché declamasse i versi di Omero in un determinato modo.

              • Su Connottu scrive:

                Olga, tu concimi eccessivamente la mariagiovanna che poi ti fumi.
                Tu qui non hai un pubblico, non sei a teatro e lo stile con cui scrivi è tua personale esclusiva produzione, per non parlare delle citazioni fuori luogo e ridicole, se fatte da te.
                Compra la roba da chi la sa confezionare, a furia di fartela da solo ti stai intossicando.

                • Olga scrive:

                  Il pubblico c’è sempre, quando trovi qualcuno che ti legge e ti risponde. E non essere maleducato, parli con una suora. Suor Olga. P.S.: voglio il mio fottutissimo motorino.

          • giovanna scrive:

            Non ti buttare giù, Olga ,quelle scrivi saranno pure cazzate, ma sono divertenti !
            ( c’avevo azzeccato con la faccenda del fumo, ma in effetti non era difficile !)

            • Olga scrive:

              Grazie cara, ci incontreremo e fumeremo il bong insieme. Poi tireremo il popper. Infine MI COMPRERAI IL MOTORINO.

              • Carcano 91 scrive:

                E che ci fai col motorino?
                Ah, ho capito, ti serve per andare al SERT!

                • Gmtubini scrive:

                  Più che il motorino, caro Olga, ti servirebbe una tastiera nuova, di quelle con i caratteri già accentati, così potresti “trollare” con più disinvoltura, ovvero senza che anche un bischero come il sottoscritto ti riconosca alla prima occhiata anche se cambi cento volte nickname.

                  • H.Hesse scrive:

                    Caro GMTubini, non so quanto ti consolerà, ma non sei l’unico “bischero” qui.
                    Il furbacchione senza accenti l’ho beccato anch’io l’altro giorno.

                  • Olga scrive:

                    Bravo Carcano 91, bella battuta, simpatica e divertente.

      • Giacomo scrive:

        Ok Olga, ma il carcere?

      • domenico scrive:

        è come dire che chi fa una manifestazione contro i razzisti sia segretamente razzista…
        “Per questo motivo cercano di barare con gli altri e con se’ stessi andando a manifestare contro…” i razzisti…
        Il ragionamento non fa una piega cara Olga.

  7. Paolo Delfini scrive:

    E’ dittatura!

    • ragnar scrive:

      No, si chiama diversamente democrazia. Bisogna essere politicamente corretti.

      • paolo delfini scrive:

        Ragnar ha ragione, bisogna dire diversamente democrazia, anche perche’ i sostenitori ,francesi e non,del liberalprogresso non tollerano dissidenze.

  8. Fabio scrive:

    Io vorrei sposare il mio gatto. Spero di non dover subire discriminazioni in merito.
    L’uomo sarà anche un animale evoluto (ho qualche dubbio in merito…) , e mi auguro quindi che superate le differenze di genere si potrà superare anche le differenze tra specie.

  9. domenico scrive:

    manifestazione nella stessa identica piazza ove si chiedeva la inseminazione artificiale anche per gli omosessuali:
    http://4.bp.blogspot.com/-K3VSDVe_UEY/UNCZJqnFMWI/AAAAAAAAJW4/CBF7CJfIdzo/s1600/IMG_3908.JPG

    Arrestati? nessuno ovviamente.

  10. Filarete scrive:

    I mostri si stanno impadronendo della nostra civiltà, con i mezzi che la civiltà tollerante mette a loro disposizione. Occorre prepararsi, organizzarsi ed armarsi per una lotta che sarà lunga e difficile.
    Dovremmo organizzare una forte ribellione civile in tutta Europa contro l’imposizione poliziesca della perversione sessuale e del suo riconoscimento civile e legale.
    Esclusione sociale totale, divieto assoluto dell’uso di termini eufemistici per descrivere loro e i loro vizi. I finocchi tornino nelle fogne da dove sono venuti.
    Cure obbligatorie in campi di rieducazione per riformarli al rispetto della natura. Tasse feroci sul celibato.

    • Quercia scrive:

      Secondo me sbagli di brutto.
      Chi sei tu per insultare un’altra persona, dicendo che dovrebbero tornare nelle fogne oppure sperare che vengano rinchiusi in campi di rieducazione (stile gulag)???

  11. Su Connottu scrive:

    Come a Teheran

  12. Michele scrive:

    I fermati sono stati rilasciati dopo 15 ore in caserma ed e’ stato riconosciuto l’abuso di potere della polizia. Il potere socialista sta tremando. Spero con questi tremino i relativisti gender del pianeta. Lasciamo stare le Olghe/Olghi e disturbatori vari, evitiamo toni violenti dei Filarete e prepariamoci a combattere pacificamente gli abusi del politicamente corretto. Ad esempio se potessimo avere le spillette ManifPourTous le potremmo mettere al lavoro tutti i giorni e poporre a tutti. Nessuno potrebbe togliercele senza fare un abuso. Facciamo valere il nostro diritto di liberta’ di pensiero. Durera’ anni, non illudiamoci

  13. marco scrive:

    Questo è il blog giusto per tutti coloro che vogliono capire qualcosa su questo argomento. Trovo quasi difficile discutere con te (cosa che io in realtà vorrei… haha). Avete sicuramente dato nuova vita a un tema di cui si è parlato per anni. Grandi cose, semplicemente fantastico!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con 113 cavalli, peso di poco superiore ai 220 kg in ordine di marcia e motore bicilindrico Testastretta 11° da 937 cc si candida a protagonista tra le enduro stradali

Evoluzione in chiave moderna delle monovolume e wagon medie, le SUV a due ruote motrici sono un fenomeno in costante crescita. Apprezzate per comfort, abitabilità e design, non temono le insidie della giungla urbana. Ecco i migliori modelli.

Le evoluzioni ricevute dalla KTM 1290 Super Duke R 2017 vanno nella direzione di una maggiore sportività. The beast 2.0 vuole essere ancora più efficace ma non ha perso la sua versatilità. E se le metti un po’ di power parts…

Ecco qualche spunto per trascorrere questo fine settimana. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

La nuova protagonista del monomarca Ferrari adotta il medesimo V8 3.9 biturbo da 670 cv della 488 GTB, dalla quale deriva, adattato nell’erogazione. Ai rapporti ravvicinati del cambio si accompagna un’aerodinamica profondamente rivista in ottica racing.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana