Google+

Mani pulite: «Il progetto politico ce l’aveva Borrelli, non Occhetto»

febbraio 22, 2012 Carlo Candiani

«In quegli anni la stampa fu di complemento all’accusa. Si instaurò un rapporto di corruzione organica tra i grandi editori dei giornali e la magistratura inquirente». Intervista a Frank Cimini, tra i pochi giornalisti che in quegli anni ebbero il coraggio di uscire fuori dal coro.

Mani Pulite, vent’anni dopo. Si è molto ragionato in questi giorni sul ruolo della magistratura e su quello della politica. Le responsabilità dell’una e dell’altra, cosa è cambiato in quattro lustri e cosa è rimasto identico. Sotto un cono d’ombra è rimasto il terzo fattore che decretò il successo di quella stagione: il ruolo della stampa. Tempi.it ha chiesto un giudizio sulla vicenda a Frank Cimini, giornalista di cronaca giudiziaria, veterano del Palazzo di giustizia milanese, uno dei primi cronisti a “uscire dal coro” sin dai tempi di Tangentopoli.
«La stampa – spiega Cimini a tempi.it – fu di complemento all’accusa. Per Mani Pulite, il dato in più rispetto al passato, fu il ruolo degli editori dei giornali che si salvarono appoggiando mediaticamente l’inchiesta. Io penso che ci fu, in quell’ambito, un rapporto di corruzione organica tra i grandi editori dei giornali e la magistratura inquirente. L’unico grande editore che fu indagato, alla fine, è stato Berlusconi. Indagato in quanto imprenditore che poi decise di fare politica.

Pochi ricordano il clima di quegli anni e l’euforia della stampa a ogni avviso di garanzia.
Intendiamoci. L’interessato appoggio mediatico al pool era anche “aiutato” dall’esistenza di una classe politica corrotta. I politici avevano tirato troppo la corda nell’incassare tangenti e gli imprenditori si ribellarono al sistema.

Perché scoppiò Tangentopoli?
Non solo perché crollò il Muro di Berlino, ma per l’eredità degli avvenimenti degli anni Settanta. Nel contrasto alla sovversione interna, che molti chiamano impropriamente terrorismo, la politica della Prima Repubblica fece uno degli errori più gravi di tutta la sua storia: delegò la soluzione del problema alla magistratura e quest’ultima tolse le castagne dal fuoco alla politica. Una volta che l’arco dei partiti si indebolì, la magistratura saltò al collo degli eletti e disse loro: “Ora vogliamo governare noi il Paese”. In buona sostanza, il progetto politico ce l’aveva Borrelli, non Occhetto! 

Intervistato da tempi.it, Marco Damilano, giornalista dell’Espresso, ha affermato che la stampa non fece altro che fare da cassa di risonanza ad un sentimento popolare che era già realtà.
Questo è senz’altro un aspetto. Ripeto: la corruzione era ormai a livelli non certo fisiologici, però il motivo per cui la magistratura si muove in quel preciso momento è perché aveva colto la progressiva mancanza di autorevolezza politica nei confronti degli elettori. Le notizie di reato si conoscono già da prima del 1992, solo che i magistrati se ne “sbattevano” tranquillamente. Sono stato chiaro?

È cambiato qualcosa nei rapporti tra magistratura e giornali?
C’è ancora una sinergia tra i grandi giornali e la magistratura. Le vedete le celebrazioni di questi giorni, no? Se loro la mettono in questo modo, io, invece, penso che l’unico modo serio, anche se paradossale, di celebrare quella stagione, sarebbe quello di mettere una targa d’oro nella Procura di Milano con le parole intercettate a Pacini Battaglia: “Di Pietro e Lucibello mi hanno sbancato”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana