Google+

Magnifica presenza, strani incontri a Monteverde

marzo 14, 2012 Paola D'Antuono

Uscirà il 16 marzo il nuovo progetto di Ferzan Ozpetek. Elio Germano interpreta un timido ragazzo siciliano che in una vecchia casa di Roma incontrerà strane presenze venute dal passato. Ma niente paura, non vedrete nemmeno una goccia di sangue.

Una delle qualità più apprezzabili in un regista è la sua capacità di cambiare registro, virare su toni diversi dai precendenti lavori e stupire i prevenuti, che si aspettano sempre che il film in uscita sia praticamente identico al precedente. La produzione di Fernan Ozpetek negli anni ha abituato gli spettatori a riconoscere le tematiche più care al regista che spesso ritornano nelle sue pellicole: l’amore che non è mai come sembra ed è spesso omosessuale, le musiche arabeggianti che ricordano le sue origini, i personaggi dalla stazza grossa e ingombrante e dal sarcasmo innato e le vecchie glorie del passato cinematografico che l’Italia troppo spesso dimentica. Attorno ai suoi capisaldi, Ozpetek si muove con disinvoltura anche nel suo ultimo lavoro, Magnifica presenza, in uscita venerdi 16 marzo. Una pellicola originale, che abbandona la realtà che il regista ha spesso raccontato per immergersi in un mondo inesplorato, popolato da entità di dubbia provenienza.

Il protagonista è Pietro, un ragazzo siciliano che migra a Roma con il sogno di fare l’attore. La sua professione è fare i cornetti la notte, assieme ad alcuni colleghi stranieri con cui è difficile parlare. È un tipo solitario e molto timido e ha l’ossessione di mettere sempre tutto in ordine. Un giorno finalmente riesce a trovare la casa dei suoi sogni a Monteverde, un appartamento antico e un po’ decandente che non convince la cugina Maria, ma che a lui sembra bellissima. Con l’entusiasmo di chi ha finalmente raggiunto il sogno d’indipendenza Pietro comincia a dedicarsi anima e corpo alla ristrutturazione della casa, ma già dalla prima notte si rende conto di non essere solo. Pochi giorni dopo il suo arrivo, gli ospiti inattesi si presentano: sono alcuni componenti della compagnia teatrale Apollonio, elegantissimi ed educati, ma sembrano provenire da un’altra epoca. La faccenda si complica ulteriormente quando Pietro capisce che a vedere queste stravaganti presenze è solo lui.

Il passato colpisce anche l’Italia, dopo le curiose incursioni notturne negli anni Venti di Owen Wilson in Midnight in Paris. Elio Germano (Pietro) fa i conti con otto attori degli anni 40, belli, eleganti, perfettamente truccati e ignari di essere morti. E lentamente, superato il terrore iniziale, scopre in loro quegli amici e quei confidenti che non ha mai avuto, un’umanità che lo ascolta e gli dedica attenzione. Tra gli interpreti figurano Margherita Buy, che con Ozpetek ha lavorato in più di una occasione, Beppe Fiorello (nel ruolo che sarebbe dovuto essere di Colin Firth, il quale dopo l’Oscar per Il discorso del Re è stato sommerso d’impegni e ha dovuto rinunciare) e una Vittoria Puccini bellissima, che nei modi e nell’abbigliamento ricorda la grazia di Greta Garbo (a cui accenna in una battuta). Il regista italo-turco non crea fantasmi spaventosi, sporchi di sangue e assetati di creature umane, ma vira sui toni della commedia e dell’inverosimile nel momento esatto in cui lo spettatore sarebbe tentato di mettersi le mani davanti agli occhi. E, come da buona abitudine, il cineasta chiede aiuto alla scenografia e alle musiche per guidare l’occhio di chi guarda nei meandri di questa casa spettrale, custode di un segreto solo all’apparenza già del tutto svelato. E all’interno delle pareti di quest’abitazione della vecchia Roma, il passato e il presente s’incontrano e si confrontano, si aiutano e si svelano, e la moltitudine di umanità chiassosa ma sofferente prende per mano la solitudine di un ragazzo troppo timido e lo guida verso lo svelamento di se stesso.

Twitter: @paoladant

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Lamar Furlone scrive:

    I simply want to say I am just new to blogs and truly liked this web-site. Most likely I’m planning to bookmark your site . You absolutely come with terrific well written articles. Regards for revealing your website page.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana