Google+

Ma a voi pare così normale che i montiani dicano di votare per la sinistra in Lombardia?

febbraio 18, 2013 Redazione

Pietro Ichino (numero 2 in Lombardia) dice che farà voto disgiunto e non sceglierà Albertini. E’ solo l’ultima prova dell’asse tra centro e sinistra.

Ormai non è più nemmeno una notizia: anche oggi Pietro Ichino (in foto) è tornato ad affermare che alla Regione Lombardia voterà per il candidato di centrosinistra Umberto Ambrosoli. Tutto lecito, ovvio. Ma è davvero strano che il numero 2 della lista Monti al Senato faccia esplicitamente il tifo per un suo avversario anziché per un suo compagno di partito (Gabriele Albertini).

Ichino lo ha scritto sul suo sito, insistendo sul fatto che, in fondo, tra i due sfidanti non vi sia grande differenza (“ne è, in qualche modo, conferma l’offerta di Albertini, in caso di vittoria, di un posto di rilievo nella propria giunta ad Ambrosoli. Quest’ultimo, dal canto suo, sulla Stampa di ieri ha dichiarato molto incisivamente: “io non mi sento il candidato di Bersani. La mia candidatura non nasce dalle segreterie di partito, ma da un patto civico. E poi la mia coalizione ha confini diversi, più ampi”).

Insomma, tra i due “non c’è poi così grande differenza” è il senso del ragionamento di Ichino, quindi perché disperdere il voto? Meglio fare voto disgiunto: “Tra gli elettori che domenica prossima compiranno questa stessa scelta ci sono anch’io: è una scelta che nel mio caso nasce dall’antica amicizia che mi lega alla famiglia Ambrosoli”.

Leggi anche:

I montiani votano Ambrosoli (e adesso decidete voi se chiamarlo “voto utile” o “inciucio”)

Monti-Bersani. Il modo migliore per siglare un patto segreto è farlo alla luce del sole

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. giovanna says:

    Altro che salire, si scende, altroché se si scende….si scende…si scende….

  2. Francesco says:

    con Maroni si scende si scende e poi si scava pure.

  3. francesco says:

    la cosa brutta della lega :
    Sono contro la Chiesa basta ricordarsi di come hanno trattato Tettamanzi.
    Sono contro la dottrina sociale della Chiesa:sussidiarieta ,solidarietà,bene comune.
    Hanno usato e gettato via l’esperienza di Formigoni(albertini lo difende ancora adesso,pur essendo stato tradito dal ns Roberto).
    La cosa bella della lega : che perderanno.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download