Google+

Quanto si guadagna a diventare jihadista ai tempi dello Stato islamico, il gruppo terrorista «più ricco di sempre»

agosto 31, 2014 Matteo Rigamonti

Secondo Bloomberg il patrimonio dell’Is ammonta a circa 2 miliardi di dollari. Al Qaeda, per abbattere le Torri gemelle, aveva speso un milione. «Se continuate a dormire i terroristi arriveranno fin sotto le vostre case»

«Se continuate a dormire i terroristi arriveranno fin sotto le vostre case». Così, a Rimini, il vescovo ausiliare di Baghdad dei caldei Shlemon Warduni, in un’intervista al Quotidiano Meeting, ha motivato l’urgenza di un intervento da parte dei Paesi Occidentali in Iraq, dove prosegue l’avanzata incontrastata dei jihadisti dello Stato Islamico, definiti «esaltati che praticano il male». «Non intervenire in maniera netta per salvare vite umane è immorale», ha aggiunto.
Secondo diversi analisti interpellati dall’agenzia Bloomberg, lo Stato islamico (Is) disporrebbe di un patrimonio «pari a circa 2 miliardi di dollari» tra soldi e proprietà. E guadagna «qualcosa come 2 milioni di dollari al giorno dalle vendite di petrolio greggio, pagato “cash” o in beni barattati». Per fare un paragone, prosegue Bloomberg, «gli attacchi di Al Qaeda dell’11 settembre sono costati solo 1 milione di dollari».

I TERRORISTI PIU’ RICCHI DI SEMPRE. I proventi del petrolio (come si vede nella tabella qui sotto) provengono direttamente dai giacimenti e dalle due raffinerie conquistate dall’Is in Iraq, oltre che dai sei giacimenti in Siria. Per un totale di circa 8 mila barili prodotti al giorno, che sono venduti sul mercato nero «tra i 25 e i 60 dollari l’uno», come spiega Luay al-Khatteeb, analista della Brookings Insitution di Doha. Mentre il prezzo del greggio sul mercato legale è quotato a Londra per oltre 102 dollari al barile. Una bella differenza. Si capisce come mai Matthew Levitt, direttore intelligenze e antiterrorismo al Washington Institute, ha detto che «lo Stato islamico è probabilmente il gruppo terroristico più ricco mai conosciuto».

isis-raffinerie-petrolio

IL RACKET DEI TAGLIAGOLE. Come riportato sempre da Bloomberg, solo negli ultimi anni, il gruppo del Califfo Ibrahim, come si fa chiamare il capo dei terroristi dell’Isis Abu Bakr al-Baghdadi, avrebbe «raccolto 10 milioni di dollari o forse più, grazie al solo pagamento dei riscatti degli ostaggi». Mentre il 5 per cento del patrimonio dell’Is, si dice, proviene da “donazioni” di privati residenti in Qatar, ma anche Arabia Saudita, Kuwait ed Emirati Arabi. Anche se, come scrive il Corriere della Sera, «c’è chi crede che lo sforzo degli sceicchi sia maggiore».
Cifre alle quali vanno sommati i proventi del racket: come il pedaggio di 200 dollari a veicolo per transitare sui territori controllati dall’Is, i 420 milioni di dollari rubati nelle banche di Baghdad, i guadagni della vendita illegale di importanti manoscritti e reperti archeologici saccheggiati nelle chiese e nei conventi distrutti e i depositi di grano catturati. Da ultimo, non dimentichiamo la tratta di giovani donne, per lo più cristiane e yazide, che, quando non sono direttamente stuprate dai guerriglieri (come nel caso delle 600 poverette, denunciate dalla deputata yazida Vian Dakhil in un’intervista a Repubblica), sono vendute sul mercato come schiave.

UNA PRECISA CONTABILITA’. Fonti Usa rivelano che, mentre la paga di un jihadista ai tempi di Al Qaeda era di soli 40-50 dollari al mese, sotto il Califfato si prendono fino a 400 dollari al mese, più i contributi per la moglie e i figli, e 800 dollari per i jihadisti stranieri, quelli che provengono da altri paesi come anche l’Italia e l’Inghilterra. Numeri impressionanti, controllati assiduamente dal pignolo Al Baghdadi, che ha imposto ai gruppi locali dell’Is un contributo del 20 per cento del denaro rubato o estorto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. MarcoL says:

    “… Mentre il 5 per cento del patrimonio dell’Is, si dice, proviene da “donazioni” di privati residenti in Qatar, ma anche Arabia Saudita, Kuwait ed Emirati Arabi …”

    Fai bene a scriverlo caro Matteo Rigamonti, ma ti sei dimenticato di aggiungere che questi paesi del Golvo di fede sunnita sono cani al guinzaglio di USA ed Israele, questi ultimi impegnati a ridimensionare nell’area il potere militare sciita di Assad, Hezbollah ed Iran.

    Infatti adesso che l’IS è diventato un pò troppo forte e minaccia anche i paesi del Golfo, il Re Abdullah di Arabia gli si è rivoltato contro. Come spesso accade creare mostri è semplice. Controllarli è difficile. Serve il bastone.

  2. Piero says:

    E quanto si guadagna ad esserne complici?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi