Google+

Lo scontro Cina-Giappone per le isole Senkaku costa alla Nissan 400 milioni

novembre 6, 2012 Matteo Rigamonti

Il boicottaggio di Pechino sui prodotti giapponesi recherà un danno da 400 milioni di euro e 175 mila auto vendute in meno alla casa di Yokohama

Lo scontro sino-giapponese per il possesso delle isole Diaoyu-Senkaku costerà alla Nissan quasi 400 milioni di euro a fine anno. A tanto ammontano i danni per la celebre casa automobilistica di Yokohama dovuti al boicottaggio dei prodotti giapponesi in Cina, tra i quali sono finiti anche le auto, a seguito dello scontro diplomatico in atto nel mar cinese orientale. Nissan ha rivisto le sue previsioni sui ricavi di fine 2012 in Cina al ribasso di 40 miliardi di yen (pari a 390 milioni di euro) riducendole da 360 a 320 miliardi di yen. Il gruppo, pertanto, chiuderà l’anno con una perdita netta di circa 800 milioni di euro, incassando 3,1 miliardi e non 3,9 (un quinto in meno) come invece era stato inizialmente previsto.

BATOSTA. Nissan non è l’unico produttore giapponese di auto a pagare il conto delle rivalità tra il governo di Pechino e quello di Tokyo: anche Honda e Toyota, infatti, esportano auto nel paese degli odiati vicini. Ma Nissan è senza dubbio la casa automobilistica più esposta, vendendo il 27 per cento delle sue vetture in Cina, che a fine anno saranno 1 milione e 175 mila, pari a 175 mila in meno rispetto alle previsioni iniziali di 1 milione e 350 mila. A fine 2012, Nissan, le cui vendite sono già in forte calo anche in  Europa e in America, produrrà 5,3 milioni di auto, ossia 300 mila in meno di quanto si aspettava. Ottimista però il numero due di Nissan: «In Cina stiamo vedendo segnali di graduale ripresa – ha commentato Toshiyuki Shiga, Chief operating officer – i clienti infatti stanno gradualmente tornando ai concessionari».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei says:

    allora aveva ragione marx… il denaro è lasovrastruttura da cui derivano le altre?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.