Google+

«Liberate Asia Bibi»: petizione all’Onu per salvare la cristiana condannata a morte in Pakistan

marzo 16, 2012 Redazione

Asia Bibi, madre cristiana, è stata condannata nel novembre del 2009 in Pakistan per false accuse di blasfemia. Ora attende la sentenza della corte d’appello in carcere. All’Onu 50 attivisti hanno presentato una petizione per liberarla.

Cinquanta attivisti per i diritti umani e personalità politiche hanno lanciato dall’Onu una petizione al governo pakistano perché venga liberata Asia Bibi, la madre cristiana condannata a morte nel novembre 2010 per blasfemia. Chiusa in isolamento nel carcere femminile di Sheikhupura, nel Punjab, la donna aspetta la sentenza della corte d’appello. Per la sua liberazione si sono mobilitati anche il governatore del Punjab Salman Taseer e Shahbaz Bhatti, ministro per le Minoranze religiose: entrambi sono stati assassinati lo scorso anno da estremisti islamici.

A Ginevra, in Svizzera, è in corso alla sede europea della rappresentanza Onu la 19ma sessione del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite. La giornalista di France 24 Anne-Isabelle Tollet, autrice del libro “Blasfema”, in cui si racconta la storia di Asia Bibi, ha illustrato ieri la petizione. Nell’appello si ricordano anche le “colpe” di Asia Bibi, che dopo aver bevuto un bicchiere d’acqua raccolta da un pozzo di un musulmano è stata accusata di avere “infettato” la fonte. Da qui è nata una discussione con altre donne che l’avrebbero chiamata infedele chiedendole poi convertirsi. Lei ha rifiutato ed è stata accusata di avere insultato il profeta Maometto.

Pochi mesi fa, era girata la voce che Asia Bibi avesse subito maltrattamenti in cella ma la stessa donna cristiana pakistana aveva respinto queste voci, chiedendo di non diffondere falsità sul suo conto, di pregare per lei e ricordando che lei pregava anche «per chi mi ha fatto del male». Intanto, secondo quanto riferisce AsiaNews, in Pakistan un’altra giovane donna cristiana è stata accusata di blasfemia. “La polizia del distretto di Bahawalnagar, a Lahore, ha incriminato la 26enne Shamim, madre di una bambina di cinque mesi, per «insulti al profeta Maometto». Il fatto è avvenuto lo scorso 28 febbraio, ma è emerso solo ieri mentre la giovane è ancora sotto la custodia delle forze dell’ordine. Secondo la famiglia, Shamim è stata «ingiustamente accusata» perché avrebbe rifiutato di convertirsi all’islam. La resistenza opposta ha spinto un gruppo di parenti – che di recente hanno abbracciato la fede di Maometto – a denunciarla in base alla «legge nera»”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download