Google+

Leggere Gherardo Colombo per capire perché la giustizia va riscritta adesso

febbraio 12, 2012 Luigi Amicone

«Dunque la Seconda Repubblica è semplicemente figlia della Prima. Il debito pubblico che ancora scontiamo continua a essere il frutto prodotto in quarant’anni da quel sistema là». Così in un’intervista al Corriere l’ex pm liquida sessant’anni di storia patria. Pubblichiamo l’editoriale sul numero 06/2012 di Tempi.

Pubblichiamo l’editoriale sul numero 06/2012 di Tempi.

«Dunque la Seconda Repubblica è semplicemente figlia della Prima. Ma la madre non era meglio: il debito pubblico che tuttora scontiamo continua a essere il frutto prodotto in quarant’anni da quel sistema là». Così Gherardo Colombo apre la sua seconda importante intervista al Corriere della Sera (la prima contribuì a bloccare la Bicamerale D’Alema-Berlusconi) in cui viene a sintesi una colta visione di sessant’anni di storia patria. Dunque il famoso ex pm, oggi capo dell’editrice Garzanti e missionario per conto della Legge nelle scuole italiane (pare che faccia qualcosa come 500 conferenze l’anno), resta convinto che c’è un male sistemico di cui sono responsabili tutti: politici, imprenditori, comuni cittadini.

Eccetto loro, naturalmente, magistrati della razza purissima Colombo&C. In effetti, prima del 1992, per non sapere e non vedere quello che seppero e videro poi, dal “mariuolo Chiesa” in avanti, in quale sistema planetario vivevano i “purissimi”? E così, anche vicende colossali come la sfida tra mondo libero e totalitarismi, tra Dc di De Gasperi e Pci di Togliatti, l’Italia del boom e del centrosinistra, Chiesa, ’68, Br, Moro, Berlinguer, tutto sarebbe riconducibile a «quel sistema là». Come «semplicemente figlia di quel sistema là» sarebbe la Repubblica dopo “Mani pulite”. Il che, oltre a riproporre il tema dell’accecamento ideologico, suggerisce un motivo in più, al governo Monti, per sfruttare la porta aperta dalla responsabilità civile dei magistrati e realizzare un’ampia e condivisa riforma della giustizia.

Una riforma che, finalmente, cancelli l’anomalia tutta italiana di un potere giudiziario che tende a rappresentarsi come garante, superiore agli altri organi costituzionali, moralmente legittimato ad agire in supplenza e, più spesso, in contrasto ai rappresentanti del popolo eletti in Parlamento.
Twitter: @LuigiAmicone

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.