Google+

Le detrazioni per chi manda i figli alle paritarie? A sinistra qualcuno inizia a usare la testa

marzo 5, 2015 Redazione

Nuovo appello di esponenti del Pd a favore dell’approvazione dello sconto fiscale nella “Buona Scuola”. Lupi: «Se non passa la riforma, torniamo al decreto»

44-45_Taz&bao.indd

«È davvero arrivato il tempo di chiudere questo conflitto del Novecento: scuole statali contro private. Non esiste, non è più tra noi, ci ha fatto perdere tempo e risorse», ha detto due giorni fa l’ex ministro dell’Istruzione Luigi Berlinguer commentando in un’intervista a Repubblica (ripresa anche nel Taz&Bao del numero di Tempi in edicola da oggi) l’idea del governo Renzi di inserire nel ddl sulla “Buona Scuola” proposto al Parlamento una detrazione fiscale per le famiglie che mandano i figli alle paritarie. La misura sarebbe, secondo l’esponente del Partito democratico (che non a caso l’aveva già apertamente sostenuta il 2 marzo nel suo intervento al convegno di Treellle), in perfetta linea con la legge del 2000 che inserisce le scuole paritarie a pieno titolo nel sistema “pubblico” dell’istruzione, e che non a caso porta proprio il suo nome.

NON È POESIA. Lo stesso concetto ribadisce per l’ennesima volta anche il quotidiano Avvenire, che oggi – come annuncia il direttore Marco Tarquinio nella rubrica delle lettere – pubblica un nuovo appello da parte di un gruppo di parlamentari favorevoli all’approvazione della riforma: è la volta di 25 senatori del Pd, dopo i 44 deputati di maggioranza e la quarantina di parlamentari di Forza Italia, che tempi.it ha sintetizzato in questo articolo. Le detrazioni proposte dal governo, scrive Tarquinio, contribuirebbero in maniera determinante a superare finalmente «l’assurdità del pregiudizio anti-paritarie di coloro per i quali quando si parla di istruzione “pubblico” diventa ringhiosamente sinonimo di “statale”. Non è così ovunque, e soprattutto non lo è in questo Paese che è patria da secoli, e con particolare intensità in questo tempo di ripensamento e ripiegamento del vecchio e ormai insostenibile welfare, di un’idea e di una pratica di “privato sociale” (non profit, o profit con l’anima) davvero preziose e persino esemplari (…). Non è poesia, ma fatica quotidiana per far quadrare bilanci e rispondere alle attese di tante famiglie, purtroppo non di tutte quelle che lo vorrebbero e lo meriterebbero».

«AIUTIAMO LE FAMIGLIE». Fa eco a Tarquinio il deputato di Ncd Raffaello Vignali, che sempre ad Avvenire dichiara che l’intento della norma è proprio «dare ai poveri le opportunità che oggi hanno in ricchi, nell’interesse dei ragazzi». Conferma in un’intervista al Corriere della Sera Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture ed esponente di spicco di quel centrodestra la cui presenza nel governo Renzi – dice – ha permesso il «superamento di un grande tabù: lo scontro ideologico fra scuola statale e scuola paritaria». Spiega Lupi: «Noi aiutiamo le famiglie, non finanziamo le scuole», e non si tratta di una minoranza insignificante per il paese, poiché gli studenti che frequentano le paritarie sono «oltre un milione contro i 9 delle scuole statali». Secondo il ministro, la detrazione verrebbe a costare allo Stato «attorno ai 60-70 milioni di euro», cioè pur sempre briciole rispetto all’enorme risparmio che la presenza di questi istituti consente ai contribuenti. La misura dello sconto fiscale, spiega sempre Lupi, è condivisa da Renzi «all’interno della riforma complessiva. Martedì in Consiglio dei ministri non ci sono stati contrasti sul testo». Tanto è vero che il governo chiede al Parlamento di approvarla entro «novanta giorni. Altrimenti, c’è l’ipotesi di tornare al decreto. Ma per tutta la riforma. Renzi ha detto che non si farà un decreto solo per le assunzioni».

BASTA AMBIGUITÀ. Avvenire ha intervistato anche la senatrice del Pd Rosa Maria Di Giorgi, prima firmataria del nuovo appello pro detrazioni nonché assessore all’Educazione nella giunta fiorentina guidata proprio da Renzi: «Molti di noi – dice dando voce anche ai compagni di partito che hanno sottoscritto l’appello – ritengono che le scuole paritarie siano parte importante del sistema pubblico. Per il Pd è arrivato il momento di riconoscerlo in modo non confuso. Del resto la legge di parità è stata fatta dal ministro Luigi Berlinguer, durante i governi di centrosinistra. In questi 15 anni troppo spesso abbiamo fatto finta di dimenticarci di questo, quasi dovessimo essere imbarazzati. Ora serve che il Pd dia un segnale forte di sostegno a questo tema». Tra l’altro, aggiunge riferendosi alla sua esperienza nell’amministrazione del capoluogo toscano, «se non ci fossero state anche le materne paritarie, come assessore non avrei potuto dare risposte» adeguate «alle richieste delle famiglie per avere un posto per il proprio bambino alla scuola dell’infanzia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

16 Commenti

  1. Giu' scrive:

    Sembra che (per fortuna!!!) dopo 15 anni, la sinistra (centro) e’ stata in grado di far capire al centro destra come funziona una legge ben fatta… complimenti!!!
    Saluti

  2. Paolo Venisi scrive:

    Lo Stato aiuta e sovvenziona scuole che non sono pubbliche e non rispettano i fondamenti della Costituzione.

    I soliti appoggi politici e mafiosi che dai tempi del concordato fascista vi consentono di sopravvivere.

    Ma fino a quando?

    • jason mac lane scrive:

      “scuole che non sono pubbliche”…
      … invece si’, sono pubbliche.
      lo dice la legge 62/2000 e lo dice il buon senso.

      • Paolo Venisi scrive:

        Non ha importanza quello che dice una legge in palese contrasto con la Costituzione.

        • To_Ni scrive:

          Shuva101 …. :-)

          “Palese contrasto” ….puoi nominarti presidente della Corte Costituzionale, l’infermiere il vice.

        • Emanuele scrive:

          Caro Paolo,
          una cosa è la Costituzione, un’altra le interpretazioni fantasiose di Rodotà sul Fatto alle quali ti riferisci… Veniamo dunque alla costituzione.

          1. La Carta distingue tra statale e non statale, non tra pubblico e privato… Immagino che secondo il tuo ragionamento, anche le paritarie gestite dagli enti pubblici e regolate dalla legge 62/2000 rientrino nel patto mafioso e siano incostituzionali. Tra queste abbiamo le materne comunali e gli istituti tecnici gestiti da province e regioni… tipiche cosche vaticane.

          2. se posassi il Fatto e aprissi il dizionario capiresti che “onere” ha un significato ben diverso da quello che credi.

          3. inoltre, ti consiglio di documentarti meglio (quindi non sul Fatto) riguardo all’emendamento “senza oneri per lo stato”… gli stessi proponenti, On. Corbino e Codignola, esclusero che si dovesse interpretare come divieto di finanziamento alle scuole private. Ovviamente, lo dichiararono durante le assemblee costituenti e gli interventi sono nei verbali, non in un intervista a Tempi (li trovi sul sito del Senato).

          Quindi, prima di spendere soldi per finanziare chi vive sull’ignoranza altrui (leggasi Rodotà, Travaglio, Scalfari, etc.) ed usa la Costituzione cui sembri tenere tanto solo per vendere copie, fossi in te ci penserei due volte. ..

          • Emanuele scrive:

            Vi risparmio un po’ di fatica. ..

            “Vorrei chiarire brevemente il mio pensiero. Forse da quello che avevo in animo di dire, il collega Gronchi avrebbe capito che le sue preoccupazioni sono infondate . Perché noi non diciamo che lo Stato non potrà mai intervenire a favore degli istituti privati, diciamo solo che nessun istituto privato potrà sorgere con il diritto di aver aiuto da parte dello Stato. E’ una cosa ben diversa: si tratta della facoltà di dare o di non dare» (On. Corbino, Atti Ass. Cost., pag. 3378).

            «Si stabilisce solo che non esiste un diritto costituzionale a chiedere tale aiuto» (On. Codignola, Atti Ass. Cost., pag. 3378).

          • gipo scrive:

            Emanuele, una sola parola:
            Bravooooooooo!

    • To_Ni scrive:

      Shiva101…. il costituzionalista :-)

      come potevi trovare i fondamenti ?
      Arrivare all’art. 33 era faticoso , ti sei addormentato all’art.2 (cavolo , il 3 era importante !!!), poi un paio d’articoli li hai letto una riga si ed una no. Ti sei scocciato ed hai sfogliato per vedere se c’erano le figure … non nei hai trovato e arrabbiato sei arrivato alle firme .

      Poi sei passato a Play-boy e hai cercato lì i fondamenti.

  3. Agar scrive:

    “Le detrazioni per chi manda i figli alle paritarie? A sinistra qualcuno inizia a usare la testa”
    Speriamo che adesso inizi anche la destra ad usare la testa.
    :)

  4. Geppo scrive:

    La sinistra (non idiota) la testa l’ha sempre usata, infatti i suoi figli li manda nelle scuole private a pagamento – care, oppure direttamente in svizzera . Naturalmente in Italia i pargoli fanno sfoggio di povertà …

  5. Giovanna scrive:

    Anche i professori delle paritarie dovrebbero essere stipendiati dallo stato per mettere le scuole in effettivo stato di parità.

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova generazione della compatta francese riprende alcuni elementi stilistici della crossover C4 Cactus e può contare su possibilità di personalizzazione sconosciute al vecchio modello. Balzo generazionale quanto a infotainment e dotazioni di sicurezza.

Sono passati 30 anni dalla prima vittoria alla Grande Boucle. Per festeggiare l'evento il brand francese lancia un'edizione limitata di 200 esemplari della sua punta di diamante e un concorso fotografico sui Social

Ispirata nel design alla 911, la seconda generazione della berlina sportiva tedesca cambia tanto nell’aspetto quanto nel layout dell’abitacolo e nella meccanica. Top di gamma la Turbo da 550 cv. Debuttano il cambio PDK a 8 marce e l’assale posteriore sterzante.

Nata per le competizioni, si è evoluta attraverso cinque generazioni e 30 anni sino a divenire una berlina dal fascino unico, ideale punto d’incontro di performance e stile. Ecco la storia della BMW M3.

L’edizione speciale della city car torinese, realizzata in collaborazione con i cantieri nautici Riva, può contare su di una ricca dotazione di serie e finiture pregiate in radica e pelle. Prezzi al lancio, sia per la versione chiusa sia per la cabrio, da 17.900 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana