Google+

«L’è campà cume un pirla, l’è mòrt cume un re. Grazie». Storia della Maddalena Grassi

marzo 6, 2017 Leone Grotti

La fondazione laica di diritto privato nata 26 anni fa oggi assiste oltre 1.800 malati cronici. Tra le persone che assisteva a domicilio c’era anche Fabiano Antoniani

fondazione-maddalena-grassi«Signore, finalmente mi hai ascoltata!». È quello che ha pensato nel 1991 Matilde Grassi, ex sindaco di Concorezzo e presidentessa dell’Azione Cattolica classe 1927, quando le venne proposto di finanziare una giovane opera per assistere i malati a domicilio. La fibrosi cistica si era da poco portata via sua nipote, Maddalena, appena 19 anni, e Matilde voleva fare qualcosa per ricordarla. Tra i diversi progetti che le vennero proposti, scelse proprio quello di Luciano Riboldi e altri amici, ricordandosi di come un drappello di giovani medici si erano presi cura di Matilde assistendola a casa gratuitamente, fuori dall’orario ospedaliero.

MADDALENA GRASSI. Così è nata la Maddalena Grassi, fondazione laica di diritto privato senza scopo di lucro, che oggi si prende cura con grande professionalità di oltre 1.800 malati cronici, tra cui 120 bambini con patologie gravi o gravissime, ed entra ogni giorno in più di 700 case di Milano e provincia per l’assistenza a domicilio. Ma nel 1991 sembrava impossibile mettere in piedi un’opera del genere, anche piccola, e i fondatori, che da dipendenti di tre diversi ospedali milanesi avevano cominciato a seguire gratuitamente a casa i pazienti dimessi senza assistenza adeguata sul territorio, non esitano a parlare di Provvidenza .

LA CASA, LA CURA. La nascita e lo sviluppo di un’opera del genere, che nei suoi 26 anni di vita si è già presa cura di decine di migliaia di malati, tra i quali quel Fabiano Antoniani che ha scelto il suicidio assistito in Svizzera, è stata raccontata in un bel libro editato da Itaca dal titolo La casa, la cura. Ti ho incontrato per sempre (pp. 139, 12,50€). Nel prezzo è compreso anche un prezioso dvd, un docufilm di Paolo Lipari con interviste a operatori e familiari girate presso il domicilio di alcuni pazienti e nelle sedi di Vigevano, Seveso e Concorezzo.

AIDS E STATO VEGETATIVO. Perché la Maddalena Grassi non è solo assistenza domiciliare. Negli anni ha aperto tre case per malati di Aids, due comunità per malati psichiatrici e una struttura per malati in stato di minima coscienza e stato vegetativo. La fondazione è accreditata presso il servizio sanitario nazionale, fattura 20 milioni l’anno e reinveste tutti gli utili per migliorare costantemente la qualità dei servizi.

MUSCOLI E CUORE. Ma questi sono i muscoli, mentre come dice il direttore generale Alessandro Pirola, uno dei fondatori, la cosa più importante è il «cuore». E questo lo descrive bene nella prefazione del libro monsignor Paolo Martinelli. La Maddalena Grassi non è solo una fondazione profetica, perché ha intuito negli anni 90 che con lo sviluppo della tecnologia medica il problema della sanità sarebbe stato quella della cronicità e di migliaia e migliaia di pazienti che necessitano di assistenza domiciliare qualificata, è anche un’esperienza che «sa guardare il bisogno di salute, che segna la persona inferma, nell’orizzonte più ampio della condivisione del desiderio di salvezza e felicità».

«L’È MÒRT CUME UN RE». E non sono i numeri (o non solo) a dimostrare quanto questo approccio sia adeguato ed efficace, ma un esempio raccontato nel testo dallo stesso Pirola. «Ricordo l’incontro avuto con il papà milanese di un ragazzo morto giovane in una delle nostre case dopo una vita dissennata; scendeva le scale lasciando la camera in cui il figlio era appena spirato e abbracciandomi mi disse: “L’è campà cume un pirla, l’è mòrt cume un re. Grazie”».  L’episodio è incredibilmente simile a quello ben più famoso raccontato da santa Teresa di Calcutta, alla quale un uomo raccolto per strada disse: «Ho vissuto come un animale nelle strade, ma adesso morirò come un angelo, amato e curato».

Foto @ Fondazione Maddalena Grassi

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Evolvere senza stravolgere può essere considerato il pensiero che ha portato alla nascita della V2-R. Rispetto alla V1-R, infatti, non sono molte le differenze che si percepiscono a un primo sguardo ma si tratta tuttavia di interventi mirati a renderla attuale e migliorarne le prestazioni. DNA IMMUTATO Punti fermi del nuovo progetto sono quelli che […]

L'articolo Nuova Colnago V2-R, cuore racing proviene da RED Live.

KTM rivoluziona il mondo dei motori a 2 tempi con l'introduzione dell'iniezione sui modelli Enduro competition per il 2018. Le abbiamo provate scoprendo che il 2T ha ancora davvero molto da dire.

L'articolo Prova KTM EXC TPI 2018 proviene da RED Live.

PRONTI A PARTIRE Arriva l’estate e per molti viene il momento di fare finalmente qualche viaggio con la moto del cuore, spesso usata durante l’anno solo per il tragitto casa-ufficio o poco più. Un fine settimana, magari, o anche una vera e propria vacanza, che ha tutti i presupposti per restare memorabile. Spostarsi su due […]

L'articolo 10 consigli per i viaggi in moto proviene da RED Live.

Dopo aver debuttato sulle sorelle/gemelle arancio, il motore 2 tempi sbarca anche sulla gamma enduro Husqvarna 2018

L'articolo Gamma enduro Husqvarna 2018 proviene da RED Live.

Dopo aver visto lo stupendo Cento10Air Ramato guidato da Pippo Pozzato al Giro del centenario, mi sono ancor più convinto che non occorre guardare oltre l’Oceano per ritrovarsi a sbavare su una bicicletta. Wilier è uno di quei marchi che sta lavorando bene, assai, e il grande successo che riscuote anche oltre i nostri confini, a parte […]

L'articolo Prova Wilier Triestina Cento10Air proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana