Google+

La spia venuta dal freddo

settembre 22, 1999 Da Rold Gianluigi

Piloti libici tenuti in frigorifero per 20 giorni, misteriose confessioni ritrovate tra i rottami di un Mig e poi sparite. Dalle conclusioni di Priore ogni giorno emergono nuove incredibili rivelazioni. Sempre in contrasto con perizie e prove

Il 18 luglio del 1980, tra le 11 e le 11 e 30 della mattina, vicino al centro di Castelsilano, sulla Sila in Calabria, precipitò un Mig-23 libico. Undici testimoni, tra cui il parroco e il farmacista, sentirono il frastuono dell’aereo in picchiata e il boato dell’impatto al suolo. Alle 13, alla stazione dei Carabinieri di Cucurri, il carabiniere Francesco Pirro ricevette la telefonata di quanto era accaduto. Sul posto arrivarono diverse persone, medico legale compreso, autorità militari e qualcuno dei servizi di sicurezza. Il Mig libico era disarmato e con i serbatoi di benzina vuoti. A bordo un pilota morto, dall’apparente età di 25 anni.

L’Aeronautica italiana, attraverso il suo servizio informazioni, il Sios, stilò un primo rapporto e si complicò irrimediabilmente la vita. In effetti, quasi tutti i rapporti, che presumevano la fuga di un Mig dalla Libia per raggiungere le coste italiane tennero conto di una contemporanea nota dell’ambasciata della Libia a Roma, in cui si informava le autorità italiane che, alle 10 e 30 del 18 luglio 1980, un Mig libico, in volo di addestramento, aveva interrotto i contatti e che il pilota, colto da malore, aveva continuato il volo fino all’esaurimento del carburante.

Seguì poi l’istituzione di una commissione italo-libica, in cui, per non dispiacere a Tripoli, si accettarono tutte le inesattezze che i libici dissero per nascondere soprattutto un fatto: il pilota era fuggito dal loro paese volando a bassissima quota e cercando di raggiungere l’Italia. Ma il fatto, in se stesso, appariva chiaro. Il pilota dell’aereo fu sepolto, dopo che il medico legale aveva stilato il referto di morte. Chi poteva pensare che un episodio come questo poteva addirittura sconvolgere tutta l’inchiesta di Ustica?

Invece nacque un tormentone incredibile, di cui anche il giudice istruttore Rosario Priore sembra averne tenuto conto nelle sue conclusioni dell’inchiesta. Il 22 luglio 1980, i professori Erasmo Rondanelli e Anselmo Zurlo vengono incaricati dalla procura di Crotone di esaminare il cadavere del pilota per accertare le cause che avevano determinato l’incidente. I libici parlavano di malore…

I due periti che fanno l’esame autoptico il 22 luglio stilano una nota aggiuntiva nella quale spiegano, a sorpresa, che “la morte doveva essere retrodatata almeno di 15 giorni prima dell’espletamento dell’esame autoptico”. Ovviamente succede un “quarantotto”, perché 22 meno 15 fa 7, ma tutto si avvicina al 27 giugno, data del disastro di Ustica. E a quel punto il gioco sembra fatto: quel Mig libico è l’aereo, secondo il “partito del missile”, che ha partecipato alla battaglia aerea in cui fu abbattuto il Dc9 Itavia.

Tutto questo sembra reggere fino al 26 luglio 1989, fino al giorno di una riunione della Commissione stragi in cui i professori Mario Alberto Dina e Giusto Giusti ascoltano Rondanelli e Zurlo, gli autori dell’autopsia del 1980. Alla fine la conclusione è unanime. Quel pilota non poteva essere morto prima del 18 luglio. Gli stessi Zurlo e Rondanelli ammettono i loro errori e ne convengono. Alla riunione della Commissione, quel giorno, partecipano: Gualtieri, Battello, Granelli, Angelisi, Cipriani, De Julio, Staiti di Cuddia, Zamberletti. Sono presenti anche i collaboratori della Commissione: Sansone, Santero, Priore e Gennaro.

Tutto a posto? Ma neanche per sogno! La Commissione e gli esperti, evidentemente, non contano nulla. Stando a uno dei più famosi “trombettieri” della ragion di Stato e delle conclusioni dell’inchiesta, il giudice istruttore avrebbe inserito la vicenda del Mig-23 libico nella spiegazione della battaglia aerea. Lo si apprende dal Corriere della Sera di giovedì 9 settembre in un articolo firmato da Maria Antonietta Calabrò. E il cadavere del pilota? Le perizie? Tutto “aereo”, forse come la battaglia. Il cadavere del pilota libico sarebbe stato nascosto in un frigorifero per tre settimane, in una ghiacciaia del comando militare di Gioia del Colle, nel bancone bar, che poi fu dichiarato fuori uso il 17 luglio. Ecco la prova che il pilota è morto il 27 giugno 1980! Insomma, John Le Carrè è veramente un dilettante nel ricostruire manovre diversive dei servizi segreti. Deve andare a scuola dai vecchi generali del Sios e dai cronisti del Corriere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

La SUV francese monta un nuovo turbo a benzina, capace di 300 Nm a 1.900 giri e di un consumo medio dichiarato di 5,9 l/100 km. Perfetto per i mercati di tutto il mondo

L'articolo DS 7 Crossback Puretech, 225 cv per il benzina top di gamma proviene da RED Live.

Molti avrebbero voluto vedere una Foxy con ruote da 29″, così da renderla più versatile ed esasperarne la capacità di tritare tutto ciò che le passa sotto, sia in salita sia in discesa. Detto, fatto. La Foxy Carbon 29 è arrivata, ma sbaglia che pensa che ci sia stato solo un banale cambio ruote perché […]

L'articolo Mondraker Foxy Carbon 29 m.y. 2018 proviene da RED Live.

   LIVE    Della più recente generazione di MINI Countryman abbiamo parlato con la prova della Cooper SD e della Cooper S E. Ora è il momento di guidare la MINI Countryman Cooper S, una versione indubbiamente ricca di fascino, che monta il quattro cilindri in linea di 2 litri, accreditato di 192 cv di potenza e […]

L'articolo Prova MINI Countryman Cooper S proviene da RED Live.

La gamma Renault si rinnova e si semplifica; meno allestimenti ma più ricchi e tecnologici.

L'articolo Renault Megane, arrivano tre nuovi allestimenti proviene da RED Live.

Esemplare unico, s'ispira non solo alla leggendaria F40 ma anche all'iconica 308 GTB. Ha già girato con il suo nuovo proprietario a Fiorano ma il debutto ufficiale in società è previsto a Villa d'Este

L'articolo Ferrari SP38, la one-off su base 488 GTB proviene da RED Live.