Google+

La spia venuta dal freddo

settembre 22, 1999 Da Rold Gianluigi

Piloti libici tenuti in frigorifero per 20 giorni, misteriose confessioni ritrovate tra i rottami di un Mig e poi sparite. Dalle conclusioni di Priore ogni giorno emergono nuove incredibili rivelazioni. Sempre in contrasto con perizie e prove

Il 18 luglio del 1980, tra le 11 e le 11 e 30 della mattina, vicino al centro di Castelsilano, sulla Sila in Calabria, precipitò un Mig-23 libico. Undici testimoni, tra cui il parroco e il farmacista, sentirono il frastuono dell’aereo in picchiata e il boato dell’impatto al suolo. Alle 13, alla stazione dei Carabinieri di Cucurri, il carabiniere Francesco Pirro ricevette la telefonata di quanto era accaduto. Sul posto arrivarono diverse persone, medico legale compreso, autorità militari e qualcuno dei servizi di sicurezza. Il Mig libico era disarmato e con i serbatoi di benzina vuoti. A bordo un pilota morto, dall’apparente età di 25 anni.

L’Aeronautica italiana, attraverso il suo servizio informazioni, il Sios, stilò un primo rapporto e si complicò irrimediabilmente la vita. In effetti, quasi tutti i rapporti, che presumevano la fuga di un Mig dalla Libia per raggiungere le coste italiane tennero conto di una contemporanea nota dell’ambasciata della Libia a Roma, in cui si informava le autorità italiane che, alle 10 e 30 del 18 luglio 1980, un Mig libico, in volo di addestramento, aveva interrotto i contatti e che il pilota, colto da malore, aveva continuato il volo fino all’esaurimento del carburante.

Seguì poi l’istituzione di una commissione italo-libica, in cui, per non dispiacere a Tripoli, si accettarono tutte le inesattezze che i libici dissero per nascondere soprattutto un fatto: il pilota era fuggito dal loro paese volando a bassissima quota e cercando di raggiungere l’Italia. Ma il fatto, in se stesso, appariva chiaro. Il pilota dell’aereo fu sepolto, dopo che il medico legale aveva stilato il referto di morte. Chi poteva pensare che un episodio come questo poteva addirittura sconvolgere tutta l’inchiesta di Ustica?

Invece nacque un tormentone incredibile, di cui anche il giudice istruttore Rosario Priore sembra averne tenuto conto nelle sue conclusioni dell’inchiesta. Il 22 luglio 1980, i professori Erasmo Rondanelli e Anselmo Zurlo vengono incaricati dalla procura di Crotone di esaminare il cadavere del pilota per accertare le cause che avevano determinato l’incidente. I libici parlavano di malore…

I due periti che fanno l’esame autoptico il 22 luglio stilano una nota aggiuntiva nella quale spiegano, a sorpresa, che “la morte doveva essere retrodatata almeno di 15 giorni prima dell’espletamento dell’esame autoptico”. Ovviamente succede un “quarantotto”, perché 22 meno 15 fa 7, ma tutto si avvicina al 27 giugno, data del disastro di Ustica. E a quel punto il gioco sembra fatto: quel Mig libico è l’aereo, secondo il “partito del missile”, che ha partecipato alla battaglia aerea in cui fu abbattuto il Dc9 Itavia.

Tutto questo sembra reggere fino al 26 luglio 1989, fino al giorno di una riunione della Commissione stragi in cui i professori Mario Alberto Dina e Giusto Giusti ascoltano Rondanelli e Zurlo, gli autori dell’autopsia del 1980. Alla fine la conclusione è unanime. Quel pilota non poteva essere morto prima del 18 luglio. Gli stessi Zurlo e Rondanelli ammettono i loro errori e ne convengono. Alla riunione della Commissione, quel giorno, partecipano: Gualtieri, Battello, Granelli, Angelisi, Cipriani, De Julio, Staiti di Cuddia, Zamberletti. Sono presenti anche i collaboratori della Commissione: Sansone, Santero, Priore e Gennaro.

Tutto a posto? Ma neanche per sogno! La Commissione e gli esperti, evidentemente, non contano nulla. Stando a uno dei più famosi “trombettieri” della ragion di Stato e delle conclusioni dell’inchiesta, il giudice istruttore avrebbe inserito la vicenda del Mig-23 libico nella spiegazione della battaglia aerea. Lo si apprende dal Corriere della Sera di giovedì 9 settembre in un articolo firmato da Maria Antonietta Calabrò. E il cadavere del pilota? Le perizie? Tutto “aereo”, forse come la battaglia. Il cadavere del pilota libico sarebbe stato nascosto in un frigorifero per tre settimane, in una ghiacciaia del comando militare di Gioia del Colle, nel bancone bar, che poi fu dichiarato fuori uso il 17 luglio. Ecco la prova che il pilota è morto il 27 giugno 1980! Insomma, John Le Carrè è veramente un dilettante nel ricostruire manovre diversive dei servizi segreti. Deve andare a scuola dai vecchi generali del Sios e dai cronisti del Corriere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download