Google+

La protesta della Coldiretti blocca il Brennero: «Salviamo il made in Italy»

dicembre 4, 2013 Chiara Rizzo

Migliaia di coltivatori e allevatori presidiano il valico del Brennero, presentando uno studio realizzato con Unioncamere: «Dal 2007 a settembre 2013 chiuse 140mila stalle e aziende agricole»

Sono le bandiere gialle e verdi della Coldiretti, la principale organizzazione dei produttori agricoli e degli allevatori del Paese, quelle che da stamani picchettano e bloccano il valico del Brennero. Alcune migliaia di manifestanti, con temperature vicine allo zero, bloccano il passaggio di alcuni Tir. In particolare, casualmente quelli bloccati trasportano fiori e semilavorati di maiale, ed è proprio la tutela delle carni di maiale una delle ragioni della protesta. Coltivatori e allevatori hanno denunciato in quest’occasione i dati emersi da uno studio realizzato insieme a Unioncamere.

CHIUSE 140MILA STALLE E AZIENDE. Tra gli striscioni della protesta si legge: “Ogni 1.500 prosciutti stranieri un posto di lavoro in meno per gli italiani”. Secondo lo studio Coldiretti-Unioncamere dall’inizio della crisi al settembre 2013 sono state chiuse quasi 140mila stalle ed aziende agricole e una delle cause è la concorrenza sleale dei prodotti esteri spacciati come Made in Italy. In appena nove mesi del 2013, prosegue lo studio, sono state chiuse 32.500 stalle e aziende agricole, e persi 36mila occupati. Oggi l’Italia vede la crescita di importazioni di minor qualità dall’estero, e il calo delle produzioni locali: produciamo solo il 70 per cento dei prodotti alimentari che consumiamo: importiamo il 40 per cento del latte e della carne, il 50 per cento del grano tenero per il pane e il 40 per cento del grano duro per la pasta, il 30 per cento del mais, l’80 per cento della soia.

LE IMPORTAZIONI. In compenso dall’inizio della crisi abbiamo permesso ad alcuni paesi di arricchirsi, grazie alle nostre importazioni di prodotti alimentari: dal 2007 ad oggi l’import di carne di maiale è infatti aumentato del 16 per cento, quelle di cereali del +45 per cento (sono «usati spesso per pane, pasta e riso spacciati per italiani» si denuncia nello studio), quelle del latte del +26 per cento («anch’esso destinato magicamente a divenire made in Italy»), quelle di frutta e verdura del +33 per cento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. malta says:

    malnata europa

  2. Fabio S. P. Iacono says:

    L’inizio del nuovo secolo, non a caso coincidente con il nuovo millennio, in termini di cronaca ha immediatamente squadernato le sue necessità etiche, politiche, economiche ed antropologiche. Il potere individuato tra “Le relazioni di comando e obbedienza più o meno continuative nel tempo, che si ritrovano nel rapporto politico” (Max Weber), d’ora in poi risulterà arida prassi amministrativa e contabile di continenti, nazioni e regioni. “Ri-vedere” l’Europa o tornare alla Lira, verso la reale economia italiana.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download