Google+

La guerra dell’odio in Bangladesh e tre domande su islam, petrolio e Occidente

gennaio 20, 2014 Piero Gheddo

La situazione politica e sociale è drammatica. Storia e attualità di uno dei paesi più poveri del mondo raccontata da un grande giornalista missionario

Tratto dal blog di Piero Gheddo Da poco meno di due anni il Bangladesh, il terzo paese islamico più popolato dopo Indonesia e Pakistan, è in preda ad una “guerra dell’odio” (com’è stata definita) che sta affossando l’economia e il vivere civile. Non è una guerra di eserciti, ma un susseguirsi di scioperi e manifestazioni spesso violenti, che bloccano i trasporti e paralizzano l’economia di base; scioperi generali di più giorni dalle 6 alle 18 e i veicoli che si muovono rischiano di essere bruciati, i viaggiatori battuti o uccisi. Il Bangla è uno dei paesi più sfortunati e poveri del mondo: 160 milioni di abitanti in un territorio esteso meno di metà dell’Italia, con un reddito medio pro-capite di 678 dollari l’anno (l’Italia 36.250). Due anni di scioperi (hartal) e di scontri stanno riducendo il popolo alla fame e numerose ditte chiudono perché non riescono più a vendere. Ogni giorni i caseifici buttano via circa 500.000 litri di latte invenduto, frutta e verdura marciscono sugli alberi o nei campi, le farmacie non hanno medicine, le ditte straniere che non possono esportare stanno lasciando il paese. La stessa sopravvivenza di un popolo è in pericolo!

Tutto nasce dalla guerra per l’indipendenza del Bangladesh dal Pakistan nel 1971, condotta dalla Awami League, moderata, laica e socialista, il cui capo Mujibur Rahman diventa il primo Presidente, con un popolo festante e unito contro le prepotenze dei pakistani. L’Occidente salutava il primo paese islamico con libertà politica, religiosa e di stampa. Nel 1975 Mujibur Rahman è ucciso e seguono lunghi anni di dittature militari, che favoriscono l’islam e l’entrata in scena dei partiti islamisti. Il Bnp (Bangladesh National Party) all’opposizione li accoglie, specialmente la Jamaat-islam, poichè il popolo è contrario al laicismo e a forme di modernità e di libertà non secondo la tradizione islamica. Si formano così due coalizioni di partiti, la Awami Leage capeggiata da Sheik Hasina (figlia del padre della patria Mjibur Rahman) e il Bnp di Begum Khaleda Zia (figlia del primo dittatore militare Zia-ur Rahman), due donne che si fronteggiano da venti e più anni, nemiche irriducibili e mortali (“si odiano cordialmente” dice la gente).

Le elezioni del 1991 sanciscono il ritorno alla legalità costituzionale e si alternano al potere le coalizioni del BNP e dell’Awami League (AL). Intanto, arrivano copiosi e continui finanziamenti dai paesi del petrolio (Arabia, Kuwait, Qatar, ecc.), nascono piccole moschee in ogni angolo del paese e in ogni via cittadina, crescono le scuole coraniche, gli imam che guidano la preghiera del venerdì martellano sul concetto che l’unica soluzione alla crisi è un ritorno all’islam duro e puro dei tempi di Maometto, con i costumi di allora, lapidazione, taglio della mano, fustigazioni, la condizione della donna oggi inaccettabile. Nel 2008 la coalizione dell’AL stravince le elezioni e conquista tre quarti dei seggi parlamentari. Seguono anni di dominio indisturbato e occupazione dilagante degli spazi politici, amministrativi, giudiziari ed economici da parte dell’AL e dei suoi alleati. Errore fondamentale: il governo AL avvia processi a personalità dell’islam, accusate di crimini nella guerra del 1971; tutto lo stato maggiore del Jamaat-islam e di qualche pezzo grosso del Bnp finiscono in carcere, avanzano le proposte di condanne a morte, il predicatore più popolare del Jamaat è condannato all’ergastolo. I partiti islamisti organizzano manifestazioni e scioperi di protesta, il governo risponde con durezza e prepara la messa al bando dei partiti islamici, vuol cambiare la Costituzione e la scadenza elettorale a proprio favore. Il Bnp segue la corrente del Jamaat e degli altri partiti islamici della coalizione, facendo leva sulla corruzione dei quadri dell’AL.

Questa sceneggiata avviene soprattutto nelle città, il popolo dei campi subisce ma, vivendo nella miseria e nell’analfabetismo (43% dei bangladeshi), è anche pronto a seguire la corrente islamica, gli imam dei villaggi hanno importanza decisiva, i giovani conoscono solo l’islam imparato nelle madrasse. I moderati, studenti, intellettuali e classe media, organizzano anche loro proteste e scioperi, chiedono la condanna a morte di tutti i criminali di guerra, la messa al bando del Jamaat e degli altri partiti islamisti, il ripristino della Costituzione con la quale è nato il Bangladesh, secondo la quale il Bangla è un paese laico che gode di libertà religiosa e politica. I partiti islamici chiedono la condanna a morte degli “atei” che vanno contro l’islam.

Dalla primavera 2013 continua questo braccio di ferro fra laici ed estremisti islamici, i militari per il momento non intervengono e il Bangladesh sta diventando un paese sempre più invivibile per tutti. Le elezioni politiche del 5 gennaio 2014 hanno registrando la vittoria con ampio margine dell’Awami League già al governo, ma la coalizione del Bnp si era ritirata e al voto hanno partecipato circa il 18% degli aventi diritto, poiché gli islamisti avevano minacciato chi si recava al voto. Giungono notizie di cattolici e indù picchiati o uccisi mentre andavano a votare, fra le vittime anche il fratello di un vescovo; assaltati villaggi, bruciate case ed edifici religiosi.

La situazione del Bangladesh è drammatica e sintomatica della situazione in cui si trovano le comunità islamiche nel mondo globalizzato e pongono tre interrogativi. Primo: ritornare all’islam puro e duro dei tempi di Maometto o accettare di rileggere e interpretare il Corano e gli “hadit” di Maometto per trasferire una grande religione nel mondo moderno? Secondo: è tollerabile che gli immensi, smisurati capitali che provengono dal petrolio continuino a guidare pesantemente la politica di quasi tutti i trenta e più paesi dell’islam e anche le comunità islamiche minoritarie in altri paesi? Terzo: perché questi temi sono praticamente tabù nei mass media internazionali?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Scortugo scrive:

    Ho molti amici Bangalesi ed ho avuto il piacere di visitare in più occasioni quel paese.
    Convengo pienamente su quanto detto da Piero Gheddo. A conferma di quanto da lui detto bastio solo vedere quanto i Fratelli Musulmani stanno prendendo piede in quel paese e tra gli amici Bangalesi residenti in Italia. Finanziano e distribuiscono soldi alle masse (da dove provengano questi soldi nessuno lo sa o nessuno ne vuole parlare) e le istigano perchè ci sia un ritorno puro ai dettami di Maometto. Hasina ha un bel daffare proprio… Da una parte deve combattere contro una corruzione dilagante, ereditata dai cugini Pakistani e facente parte praticamente della coltura di quel popolo. (chiunqua va ad investire in quel paese sa che deve dare la bustarella dal più piccolo burocrate al più grande in rapporto al suo potere), dall’altro deve fronteggiare un popolo istigato da motivi religiosi estremisti. Non ha un lavoro facile da compiere perchè non viene giudicata per lo sviluppo che ha portato ma bensì per non applicare l’Islam come vorrebbero i Fratelli Musulmani.
    Mi fa un pò senso vedere un missionario cieco ai fatti che gli si svolgono sotto gli occhi. Come mi lasciano perplessi i governi occidentali che non vedono in tutto ciò un disegno ben preciso per radicalizzare i musulmani in tutto il mondo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana