Google+

La Corte Suprema potrà giudicare la norma contraria alla libertà di coscienza

novembre 27, 2012 Benedetta Frigerio

Dopo le numerose denunce contro il governo, la Corte dovrà pronunciarsi sulla costituzionalitù dell’Obama mandate

Da quando a giugno la Corte Suprema aveva giudicato costituzionale la riforma sanitaria di Barack Obama, con un voto di 5 a 4 per nulla scontato, sono partite centinaia di denunce contro il governo. Non tanto per lo storico voto con cui la Corte ha approvato una norma che per la prima volta obbliga tutti i cittadini americani ad assicurarsi, ma per via dell’articolo aggiunto all’ultimo momento dal presidente Obama, in cui si specifica che ogni datore di lavoro, a prescindere dalla propria coscienza, deve pagare ai propri dipendenti o studenti assicurazioni inclusive di contraccezione e aborto.

IL PRIMO PASSO. Ma ieri, per la prima volta, la Corte Suprema davanti alla denuncia di un’istituzione cristiana, già respinta da una corte d’appello federale, ha chiesto che il caso fosse riesaminato per vedere se effettivamente la clausola violasse la libertà religiosa e di coscienza.

IL CASO. La Liberty University, college cristiano della Virginia, aveva denunciato la lesione della propria libertà interna contro il cosiddetto Obama mandate, ma la corte d’appello aveva giudicato prematura la denuncia, senza però entrare nel merito della stessa. L’Università ha proseguito l’iter giudiziario sostenendo che se anche la corte suprema aveva promosso la riforma in giugno e giudicato costituzionale l’obbligo di assicurarsi per ogni cittadino, non era entrata in merito dell’ultimo mandato del governo. A quel punto la Corte Suprema ha dovuto esaminare il caso. E anziché respingere la denuncia, come la corte minore aveva fatto, ha stabilito che la corte d’appello federale dovrà entrare in merito alla denuncia di costituzionalità di una norma che si ritiene lesiva della libertà di coscienza.

LA CORTE SUPREMA. È il primo caso in cui una corte federale dovrà giudicare la denuncia di chi si è opposto alla norma. Una volta che la corte d’appello federale avrà giudicato, se il parere fosse contrario a quello della Liberty University, il caso dovrà essere sottoposto alla Corte Suprema, che nel 2013 potrebbe decidere una volta per tutte della legittimità o meno della norma.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana