Google+

La Corte europea «ha sacrificato il diritto dei cristiani alla libertà di coscienza per il politically correct»

gennaio 16, 2013 Leone Grotti

Lilian Ladele è stata obbligata ad andare contro la sua coscienza o a lasciare il lavoro. Due giudici della Corte europea non ci stanno: «Il diritto alla libertà di coscienza va rispettato».

I cristiani hanno il diritto di mostrare in pubblico la propria fede e per questo possono indossare simboli religiosi. Ecco perché, come riportato da tempi.it ieri, la Corte europea per i diritti umani ha dato ragione a Nadia Eweida, dipendente della British Airways, licenziata perché non voleva togliere la catenina con il crocifisso, non prevista dal “dress code” dell’azienda.

LIBERTÀ DI COSCIENZA VIOLATA. Nadia Eweida non è però l’unica cristiana ad avere fatto ricorso al tribunale: altre tre persone, tutti del Regno Unito, sostenevano di essere stati discriminati in base alla loro fede cristiana. I giudici hanno respinto la loro tesi, ma non all’unanimità. A far discutere è soprattutto il caso di Lilian Ladele, che lavorava al Islington Borough Council di Londra come impiegata all’anagrafe per la registrazione dei matrimoni. Quando la legge inglese nel 2004 ha approvato le unioni civili si è rifiutata di partecipare come impiegata-testimone a matrimoni omosessuali, chiedendo di poter fare obiezione di coscienza. Nel 2007 è stata obbligata a partecipare alle cerimonie e per questo ha fatto causa al datore di lavoro, ritenendo violata la sua libertà di coscienza.

CRISTIANI SACRIFICATI. Tutti i giornali inglesi, in testa il The Guardian, hanno lodato la Corte europea e criticato i cristiani affermando che «la libertà religiosa è un diritto umano riconosciuto sia dal Regno Unito che dalla legge europea ma non è un diritto assoluto». Se confligge, è la tesi, con i diritti degli omosessuali non è più valido. L’obiezione di coscienza di Lilian Ladele non impediva che le unioni civili tra omosessuali venissero celebrate, erano disponibili anche altri testimoni, per cui il diritto di nessun altro veniva leso ed è anche per questo che due dei sette giudici della Corte europea per i diritti umani hanno affermato, in contrasto con la maggioranza e in un documento annesso alla sentenza, che la tolleranza e i diritti dei cristiani «sono stati sacrificati sull’altare dell’ossessione per il politically correct».

SENTENZA ILLOGICA. Più precisamente, i giudici Nebojša Vučinić e Vincent De Gaetano hanno parlato di «sentenza illogica», dal momento che Ladele è una lavoratrice «genuina e seria il cui diritto alla libertà di coscienza va rispettato». E ancora: «Invece di praticare la tolleranza e la dignità per tutti che va predicando, il Borough of Islington è stato dottrinario nel seguire la strada ossessiva del politically correct. Ha di fatto obbligato [la donna] ad agire contro la sua coscienza oppure a lasciare il lavoro, cosa che non può avvenire in una società democratica». Secondo alcuni avvocati di Londra, la sentenza limita il diritto alla «libertà di coscienza» e rischia di «escludere legalmente i cristiani da molti lavori».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download