Google+

La Corte europea «ha sacrificato il diritto dei cristiani alla libertà di coscienza per il politically correct»

gennaio 16, 2013 Leone Grotti

Lilian Ladele è stata obbligata ad andare contro la sua coscienza o a lasciare il lavoro. Due giudici della Corte europea non ci stanno: «Il diritto alla libertà di coscienza va rispettato».

I cristiani hanno il diritto di mostrare in pubblico la propria fede e per questo possono indossare simboli religiosi. Ecco perché, come riportato da tempi.it ieri, la Corte europea per i diritti umani ha dato ragione a Nadia Eweida, dipendente della British Airways, licenziata perché non voleva togliere la catenina con il crocifisso, non prevista dal “dress code” dell’azienda.

LIBERTÀ DI COSCIENZA VIOLATA. Nadia Eweida non è però l’unica cristiana ad avere fatto ricorso al tribunale: altre tre persone, tutti del Regno Unito, sostenevano di essere stati discriminati in base alla loro fede cristiana. I giudici hanno respinto la loro tesi, ma non all’unanimità. A far discutere è soprattutto il caso di Lilian Ladele, che lavorava al Islington Borough Council di Londra come impiegata all’anagrafe per la registrazione dei matrimoni. Quando la legge inglese nel 2004 ha approvato le unioni civili si è rifiutata di partecipare come impiegata-testimone a matrimoni omosessuali, chiedendo di poter fare obiezione di coscienza. Nel 2007 è stata obbligata a partecipare alle cerimonie e per questo ha fatto causa al datore di lavoro, ritenendo violata la sua libertà di coscienza.

CRISTIANI SACRIFICATI. Tutti i giornali inglesi, in testa il The Guardian, hanno lodato la Corte europea e criticato i cristiani affermando che «la libertà religiosa è un diritto umano riconosciuto sia dal Regno Unito che dalla legge europea ma non è un diritto assoluto». Se confligge, è la tesi, con i diritti degli omosessuali non è più valido. L’obiezione di coscienza di Lilian Ladele non impediva che le unioni civili tra omosessuali venissero celebrate, erano disponibili anche altri testimoni, per cui il diritto di nessun altro veniva leso ed è anche per questo che due dei sette giudici della Corte europea per i diritti umani hanno affermato, in contrasto con la maggioranza e in un documento annesso alla sentenza, che la tolleranza e i diritti dei cristiani «sono stati sacrificati sull’altare dell’ossessione per il politically correct».

SENTENZA ILLOGICA. Più precisamente, i giudici Nebojša Vučinić e Vincent De Gaetano hanno parlato di «sentenza illogica», dal momento che Ladele è una lavoratrice «genuina e seria il cui diritto alla libertà di coscienza va rispettato». E ancora: «Invece di praticare la tolleranza e la dignità per tutti che va predicando, il Borough of Islington è stato dottrinario nel seguire la strada ossessiva del politically correct. Ha di fatto obbligato [la donna] ad agire contro la sua coscienza oppure a lasciare il lavoro, cosa che non può avvenire in una società democratica». Secondo alcuni avvocati di Londra, la sentenza limita il diritto alla «libertà di coscienza» e rischia di «escludere legalmente i cristiani da molti lavori».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Sulle tracce di Cristo - Viaggio in Terrasanta con don Luigi Giussani

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva alla seconda generazione e cambia tutto: motori, interni, estetica (911 style). La Panamera ripropone un mix vincente in salsa decisamente più moderna. Limousine quando serve sportivissima quando si vuole ha prestazioni da supercar e comfort eccellente. E se provi il launch control…

Tiratura diabolicamente limitata per la nuova special di Borgo Panigale. Con i suoi dettagli si riallaccia al filone steampunk

Ducati punta allo stile americano a cavallo degli anni ’60 e delle Baja, maratone fuoristradistiche nel deserto tra California e Messico; la Desert Sled non è una semplice rivisitazione estetica, ma un modello nato con le giuste caratteristiche per divorare sabbia e resistere agli scossoni dell’offroad.

L’Ovale Blu ha inaugurato a Milano uno spazio temporaneo per seguire e commentare le puntate di MasterChef Italia. Aperto agli specialisti delle piazze on line ma non solo, basta registrarsi sul sito

La celebre coppia di agenti ritorna, stavolta sul grande schermo dei cinema. Ecco il primo trailer della pellicola che debutterà il 24 marzo negli Stati Uniti e il 20 luglio in Italia

banner Mailup
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana