Google+

Kaigama: Così la mia Nigeria resiste al doppio assedio degli islamisti e dei “progressisti” occidentali

febbraio 24, 2014 Leone Grotti

L’arcivescovo di Jos racconta a tempi.it la fatica di un paese stretto fra il jihad dei terroristi di Boko Haram e le «imposizioni» laiciste dei paesi ricchi

Otto attacchi in 46 giorni e almeno 347 vittime: è il bilancio provvisorio del 2014 di Boko Haram, l’organizzazione terroristica che dal 2009 tempesta di attentati il nord della Nigeria per trasformarlo in un califfato islamico con la sharia e senza cristiani. I miliziani di Boko Haram, che letteralmente significa “L’educazione occidentale è peccato”, hanno cambiato strategia negli anni: prima colpivano quasi esclusivamente i cristiani in chiesa, poi hanno cominciato ad attaccare le scuole non islamiche – uccidendo professori e alunni e costringendo molti giovani a rinunciare a un’educazione – e a tendere imboscate travestiti da militari agli automobilisti lungo le principali arterie del paese. Oggi attaccano tutti in modo indiscriminato e selvaggio: grandi centri urbani e villaggi, chiese e moschee, cristiani e musulmani.

L’8 gennaio i terroristi sono entrati nella moschea del piccolo villaggio di Kwankwaso, vicino a Kano, capitale dell’omonimo stato del nord, e al grido di “Allah Akbar”, Dio è il più grande, hanno ucciso tre persone sparando all’impazzata sui fedeli che pregavano. Il 26 gennaio hanno fatto invece irruzione nel villaggio di Waga Chakawa, nello stato di Adamawa, nord-est del paese: sono entrati in chiesa «verso la fine della Messa» e l’hanno chiusa a chiave. Prima hanno sparato a chi «cercava di scappare dalle finestre», poi hanno «sgozzato gli altri uno a uno», secondo il racconto del vescovo Stephen Dami Mamza. Prima di andarsene hanno fatto esplodere delle bombe e bruciato la maggior parte delle case, lasciandosi alle spalle almeno 45 vittime.

Che l’offensiva dei terroristi non si limiti più solo ai cristiani è testimoniato anche dall’uccisione dello Sheikh Adam Albani, religioso musulmano che più volte aveva criticato in pubblico Boko Haram e sostenuto la campagna militare promossa dalle istituzioni. Gli estremisti non si sono fatti scrupoli a eliminarlo crivellando di colpi la sua auto a inizio febbraio. Dopo gli ultimi attentati il presidente Goodluck Jonathan ha rimosso i capi di Difesa, forze armate, marina e aeronautica, temendo la presenza di infiltrati islamisti nei centri più alti di potere. Ma l’impotenza del governo è evidente: nonostante lo stato di emergenza dichiarato nel nord-est fin dal maggio 2013 e il maggiore dispiegamento di soldati e mezzi, Boko Haram continua ad agire indisturbato. Gli attentati sono aumentati dovunque ma soprattutto nei villaggi dello stato di Borno, dove si trova il quartier generale dei terroristi e dove un tempo sorgeva il più antico califfato islamico della Nigeria, che ora si vorrebbe ricreare.

La violenza di Boko Haram, che mette in serio pericolo la stabilità del primo produttore di petrolio dell’Africa e della seconda economia del continente, non è però l’unico problema che affligge Ignatius Kaigama, arcivescovo di Jos, capitale del martoriato stato di Plateau, e presidente della Conferenza episcopale nigeriana. Kaigama infatti denuncia anche un altro tipo di violenza che i nigeriani devono affrontare: «L’Occidente sta cercando di imporci con la forza i suoi valori ma aborto, matrimoni omosessuali e contraccezione non sono mai stati nelle corde culturali, morali e tradizionali del popolo nigeriano. Dobbiamo difenderci tanto da Boko Haram quanto dall’Occidente».

Eroeffnung Monat der Weltmission im Erzbistum PaderbornMonsignor Kaigama, perché la Nigeria non riesce a fermare gli attacchi dei terroristi islamici?
Non lo so, continuano a espandersi misteriosamente nel nord del paese e i loro attacchi si fanno sempre più sofisticati, riportando terribili danni alla vita delle persone e alle loro proprietà. Riescono a colpire anche gli uffici governativi e le caserme dei militari. Come facciano a organizzarsi per me è perfino difficile da immaginare.

Perché?
Abbiamo polizia, esercito, risorse, checkpoint dappertutto, eppure ogni nuovo attacco ci sorprende come il precedente e non sembrano fermarsi. Un giorno sono in un villaggio, il giorno successivo in quello dopo, poi tornano indietro: sono perplesso, hanno strategie troppo sofisticate.

Come si spiega?
Io penso che ci sia qualcuno dentro il paese e fuori dal paese che li appoggia e li aiuta. Devono avere infiltrati anche tra le forze di sicurezza: com’è possibile altrimenti che questa violenza non abbia fine?

Spesso i terroristi attaccano anche le moschee. L’ultimo attentato in ordine di tempo, a Izghe, ha causato oltre 100 morti. Cristiani, in maggioranza, ma anche musulmani.
Una volta i cristiani erano il loro obiettivo principale ma ora tutto rappresenta un obiettivo perché attaccano chiunque: villaggi rurali tradizionali, scuole islamiche, cristiani in chiesa. Agiscono in modo indiscriminato e questo è molto preoccupante.

Il loro scopo è cambiato?
No, è sempre lo stesso: vogliono islamizzare il paese, cacciare i cristiani, rimpiazzare la Costituzione nigeriana con la sharia e sostituire l’attuale presidente (che è cristiano, ndr) con un musulmano. Dimostrano di essere intolleranti e di non avere nessun tipo di valori, ma secondo me sono ormai allo sbando.

In che senso?
Anche se non lo dicono, anche se hanno raddoppiato gli sforzi e gli attacchi, hanno perso la direzione e la logica. Sono come impazziti. Non c’è altra ragione per continuare a uccidere uomini, donne, bambini, anziani, radere al suolo villaggi interi. C’è qualcosa di sbagliato.

Boko Haram non è l’unico problema della Nigeria. Pochi giorni fa lei ha lanciato una durissima critica all’Occidente: «Non dobbiamo essere fagocitati dalle imposizioni dispotiche di alcuni governi che vogliono dettare le tendenze morali mondiali basate sui loro valori laicisti». A cosa si riferiva?
Faccio un esempio. In tutti i villaggi della Nigeria si trovano donne che non ricevono un’educazione, che non vanno a scuola, che non sanno leggere ma che hanno la pillola del giorno dopo. Se le interroghi, sono in grado di dirti quale pillola prendere e quando per abortire. Com’è possibile? Chi gliel’ha spiegato? Chi gliele ha date?

L’Occidente?
Esatto, attraverso organizzazioni governative e non governative ci impone i suoi valori, come il controllo delle nascite attraverso mezzi artificiali. E come fa? Se il nostro governo accetta queste politiche, in cambio ottiene aiuti economici. Ma questa si chiama imposizione di una cultura che non è la nostra, perché noi nigeriani non abbiamo mai disprezzato la vita.

La Nigeria ha da poco approvato una legge che vieta unioni civili, matrimoni ed effusioni in pubblico tra omosessuali.
Alcuni temi etici sono molto delicati. Noi diciamo categoricamente che non odiamo e non condanniamo le persone omosessuali: sono esseri umani proprio come tutti gli altri, per questo li rispettiamo, li sosteniamo e se i loro diritti vengono violati, la Chiesa cattolica è lì a difenderli. Però bisogna anche dire che i rapporti omosessuali sono contro natura, adulterano le nostre tradizioni morali e contraddicono totalmente tutto ciò che noi difendiamo: non sono infatti nel carattere e nella tradizione del nostro popolo. Potenti organizzazioni che ricattano il governo vorrebbero che approvassimo i matrimoni gay ma se anche fosse vero che ci sono isolate tendenze omosessuali in Africa, bisogna dire che queste sono deviazioni. In Africa noi rispettiamo la dignità del matrimonio tra uomo e donna, e non tra uomo e uomo o donna e donna. Questi sono sempre stati i nostri valori, è un fatto, e non dobbiamo cedere a quelli dell’Occidente solo perché ha soldi da spendere.

In poche decine di anni i valori sostenuti dall’Occidente sono cambiati in modo radicale. Potrebbe succedere anche alla Nigeria?
La vostra è una società ricca e sta cedendo a grandi mali. Ci sono voluti centinaia di anni per arrivare a questa situazione. Ma quello che per voi è l’ideale per l’uomo noi lo rifiutiamo e non vogliamo che il nostro sistema tradizionale di valori venga corrotto.

Le Nazioni Unite non sarebbero d’accordo con le vostre tradizioni. La Commissione per i diritti dei minori ha appena criticato fortemente la Chiesa e l’ha invitata a cambiare idea su omosessualità, aborto e contraccezione.
Attaccare la Chiesa è diventata una moda, soprattutto sui temi che riguardano la morale. L’Onu è una grande organizzazione ma la Chiesa ha duemila anni di esperienza ed è un po’ più antica dell’Onu, che farebbe meglio ad ascoltare di più. Inoltre, avendo l’Onu una grande autorità, invece che criticare la Chiesa dovrebbe parlare di tutto il bene che essa fa. In Nigeria la gente non avrebbe un’educazione o una sanità decente né ci sarebbe progresso tecnologico senza la Chiesa. Ma questo all’Onu non importa, non considera quello che fanno milioni di sacerdoti: molti sono uccisi per la loro fede, perseguitati. Perché l’Onu invece che soffermarsi sugli scandali non guarda loro? Possiamo anche solo immaginare un mondo senza la Chiesa? Essendo una commistione di umano e divino commette degli errori, ma fa cose meravigliose ispirate dallo Spirito da cui l’Onu dovrebbe imparare.

Il Papa e i cristiani dovrebbero reagire e rispondere ad accuse così dirette?
Non siamo in competizione, non è una gara. Noi facciamo quello che aiuta l’umanità, non abbiamo tempo da perdere in discussioni. Io ora sono in un piccolo villaggio: incontro la gente che ha bisogno, li aiuto, li incoraggio e dove c’è bisogno di strutture educative e sanitarie, faccio tutto quello che posso perché le abbiano. Non ho tempo per discutere se è meglio la Chiesa o l’Onu, anche perché non è questo il punto: il punto è che la Chiesa continui ad andare incontro ai poveri, agli ultimi, agli emarginati dando voce a chi non ce l’ha. Ecco, dobbiamo concentrare le nostre forze su questo e non sul presunto sviluppo promosso dalle Nazioni Unite.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. domenico b. scrive:

    La Nigeria è un paese molto complesso: è una repubblica federale nella quale sono compresi molti stati diversi tra loro per cultura, tradizioni e lingua. E’ stato fatto così solo per comodità dell’Inghilterra, paese che ha colonizzato la Nigeria, e che l’ha poi lasciata in balìa di se stessa. I nigeriani sono persone molto fiere ed orgogliose della propria identità. La storia della Nigeria direi che ricorda un pò quella dell’Italia: L’antica Roma aveva colonizzato una vasta area dell’Europa e oltre, così una città della Nigeria, Benin city, aveva occupato nei secoli passati una vasta area dell’Africa occidentale, per poi soccombere agli inglesi.
    Attualmente I musulmani si stanno facendo sentire anche negli stati del sud, dove sono in minoranza, ma detengono I posti più privilegiati. Il fatto che il Presidente della Nigeria sia Cristiano li ha certamente indispettiti.
    Come ora sono sicuramente indispettiti I nostri paesi occidentali che cercavano di esportare in Nigeria
    la loro cultura della morte (aborto, omosessualità, ecc.).
    Il Presidente nigeriano ha dimostrato molto coraggio approvando una legge che va contro il pensiero dell’occidente per quanto riguarda l’omosessualità: significa rinunciare agli aiuti economici soprattuttto americani, ma I nigeriani, come ho detto prima, sono persone molto fiere, che non hanno certamente paura delle difficoltà.
    (Per piacere non ditemi che ci sono I nigeriani disonesti. Anche noi abbiamo la nostra bella mafia ben conosciuta soprattutto all’estero.)
    Secondo me la Nigeria e I nigeriani hanno (per quanto riguarda le tematiche di cui parla l’articolo) qualcosa da insegnarci

    • Alberto scrive:

      Ed ecco qui che emerge la vera tolleranza e il vero amore cristiano dei lettori di Tempi per i gay. Approvano il carcere e l’ostracismo sociale per gli omosessuali, forse anche la pena di morte. Complimenti!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana