Google+

Inghilterra: 10 milioni di sterline agli ospedali che aprono le “death list”. Medici cristiani: basta

gennaio 3, 2013 Elisabetta Longo

Secondo il ministro Hunt le death list sono un «fantastico passo in avanti per il sistema sanitario nazionale». Eliminando i pazienti anzitempo, lo Stato inglese risparmia sui posti letto. I medici cristiani si infuriano.

Continua a far discutere in Inghilterra la pratica medica denominata  Liverpool Care Pathway (Lcp) che dovrebbe servire ad accompagnare “in modo dignitoso” alla morte i pazienti in fin di vita, inserendoli in vere e proprie “death list” che prevedono di non rianimare i pazienti in caso di attacchi cardiaci o respiratori e l’interruzione di alimentazione e idratazione. Ogni anno, secondo i dati pubblicati dal Ministero della salute inglese, 130 mila persone vengono trattate in questo modo, circa 60 mila però non vengono informate dai medici. Lo scorso fine settimana il ministro della salute inglese Jeremy Hunt ha detto che il Lcp è un «fantastico passo in avanti per il sistema sanitario nazionale, che non deve essere demonizzato per un paio di casi in cui si verificano abusi». Non tutti sono d’accordo.

GIRO DI AFFARI DA 30 MILIONI DI STERLINE. I medici del Christian Medical Fellowship (Cmf), associazione che conta più di quattromila membri, hanno denunciato «gli abusi» che «senza ombra di dubbio» vengono fatti del Lcp, favorendo la morte di persone che altrimenti avrebbero potuto vivere per anni. Non solo, hanno anche chiesto che il governo smetta di finanziare gli ospedali che introducono le death list. Secondo il Cmf, gli ospedali che hanno introdotto l’utilizzo del Lcp hanno ricevuto dal Sistema sanitario nazionale, rispetto agli altri istituti, in tutto 30 milioni di sterline in più. Negli ultimi tre anni, dunque, il governo inglese ha finanziato le death list con 10 milioni di sterline all’anno.

IL CASO DEL VETERANO DI GUERRA. Uno dei casi che ha destato più scalpore in Gran Bretagna è stato quello di un veterano di guerra, il 90enne Charles Futcher, che ha combattuto nella battaglia di El Alamein ed è stato inserito in una death list senza il suo consenso. Charles è deceduto pochi giorni dopo, seguito a distanza di dieci giorni dalla moglie Hilda, morta nello stesso ospedale, anche lei appena inserita nella lista dei pazienti trattati con il Lcp. Il figlio Charlie ha denunciato i medici, accusandoli di aver «trattato i miei genitori come animali di cui volevano sbarazzarsi al più presto».

LE RICHIESTE AL MINISTRO. L’abuso del Lcp viene ormai denunciato con regolarità dai pazienti o dai loro parenti. Secondo i medici cristiani del Cmf le death list non dovrebbero più essere finanziate in alcun modo dal sistema sanitario inglese, che si trova al collasso e cerca in ogni modo di aumentare i posti letto negli ospedali, e i pazienti dovrebbero essere trattati con il Lcp solo quando la morte sia davvero imminente. I pazienti o i parenti, sempre secondo le richieste dei medici cristiani al ministro della salute inglese Hunt, dovrebbero essere informati.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana