Google+

«L’inefficienza della giustizia è una grave forma di ingiustizia»

maggio 16, 2017 Francesca Parodi

Il 18 maggio a Firenze ci sarà “La Notte della Giustizia” organizzata da “Fino a prova contraria”. Interviste a Annalisa Chirico e Claudio Galoppi (Csm)

giustizia-ansa

Il prossimo 19 maggio ricorre l’anniversario di morte di Marco Pannella, «un uomo che, al di là delle idee politiche di ciascuno, è stato un grande leader nella battaglia italiana per la “giustizia giusta”. Per questo dobbiamo ricordarlo, ma fuori da ogni logica settaria e di parte, bensì come patrimonio del paese», commenta a tempi.it Annalisa Chirico, presidente di Fino a prova contraria. Per l’occasione, il movimento organizza, il 18 maggio a Firenze, l’evento La Notte della Giustizia, una serata in cui si parlerà di tutela dello stato di diritto, di certezza della legge e competitività del paese. L’evento si svolgerà presso le Serre Torrigiani alla presenza di numerosi ospiti, tra cui l’ex Guardasigilli Paola Severino, l’ambasciatore statunitense John Phillips, il primo presidente della Cassazione Giovanni Canzio, il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Franco Roberti, i sottosegretari alla Giustizia Gennaro Migliore e Cosimo Ferri, i consiglieri del Csm Claudio Galoppi ed Elisabetta Casellati, la presidente della Corte d’appello di Firenze Margherita Cassano, il sindaco della città Dario Nardella.
«Fino a prova contraria – spiega Chirico – è un movimento che vuole promuovere una vera e propria riforma del sistema giudiziario italiano, una giustizia che non tratti i cittadini da presunti colpevoli, che non leda la libertà personale e i diritti di proprietà senza un motivo giustificato». Per questo, Fino a prova contraria organizza momenti di confronto e riflessione tra magistrati, politici avvocati ed esperti.

NUOVI CASI TORTORA. Parlando di “giustizia giusta”, Chirico ricorda il celebre caso Tortora degli anni Ottanta: il conduttore televisivo fu arrestato e processato con l’accusa di associazione camorristica e traffico di droga, ma dopo 7 mesi di reclusione fu riconosciuto innocente e definitivamente assolto. «Pannella trasformò la vicenda personale di un uomo calunniato e messo ingiustamente sotto processo in una grande battaglia politica. Ne seguì un referendum per la separazione delle carriere e la responsabilità civile dei magistrati, temi che sono ancora oggi oggetto di dibattito». Da allora però, constata Chirico, l’Italia è cambiata e la discussione sulla giustizia riguarda nuovi aspetti: «Oggi la giustizia evoca una spada di Damocle che, da una causa civile per mancati pagamenti a una grave causa penale, incombe sul singolo cittadino, intralciandolo nel conseguimento dei suoi obiettivi personali e professionali e rendendogli la vita più complicata. L’ultimo esempio estremo è il caso di un uomo di Taranto che, dopo 20 anni di carcere con l’accusa di omicidio, è stato riconosciuto innocente lo scorso febbraio perché gli investigatori, all’epoca, avevano frainteso un’intercettazione. La naturale conseguenza è che un tale sistema scoraggia gli investimenti nel nostro paese e l’apertura di nuove attività economiche. L’inefficienza della giustizia è una grave forma di ingiustizia».

TEMPI RAPIDI. Secondo Claudio Galoppi, consigliere del Csm che parteciperà a La Notte della Giustizia, questi dibattiti hanno spinto negli ultimi anni il sistema giudiziario a compiere diversi passi avanti. «I problemi della giustizia civile sono legati soprattutto ai tempi, allungati a causa della mole di lavoro degli uffici giudiziari. Su questo versante, la magistratura è diventata più sensibile al tema dell’efficienza ed è stato fatto un lavoro di innovazione, come l’introduzione del processo civile telematico e dei programmi di gestione dell’arretrato civile (un lavoro di monitoraggio di arretrati con responsabilità risarcitoria a carica dello Stato per eccessiva durata dei processi). La priorità in questo momento è dare risposte certe in tempi rapidi». Per quanto riguarda il settore penale, «l’obiettivo deve essere quello di combinare la ricostruzione del fatto, per accertarne le responsabilità, con la tutela delle garanzie individuali. Abbiamo quindi introdotto dei miglioramenti dal punto di vista normativo e nella parte investigativa delle indagini».

CAMBIAMENTO CULTURALE. Nel complesso quindi, conclude Galoppi, gli ultimi interventi di sistema del Csm mirano a dare ai temi dell’organizzazione un ruolo sempre più importante. «Per esempio, abbiamo lavorato molto sulle buone prassi, cioè i singoli interventi nel settore civile e penale: abbiamo raccolto quegli interventi organizzativi che hanno portato a risultati positivi, sia dal punto di vista della qualità della risposta giudiziaria, sia per quanto riguarda la riduzione dei tempi. Queste prassi raccolte sono state esaminate da un comitato scientifico e catalogate in una sorta di manuale per fornire un utile modello ai diversi contesti giudiziari». Tutte queste iniziative però rientrano in progetto che ha una finalità più ampia: «Oggi la sfida del sistema giudiziario è innescare un cambiamento non solo operativo, ma anche culturale».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

Dal 2019 la Dorna organizzerà la Moto-e World Cup, primo Campionato mondiale con mezzi ad alimentazione elettrica. Le moto saranno le italianissime Energica

L'articolo Moto-e World Cup il mondiale è elettrico proviene da RED Live.

3.500 km dalla Finlandia all’Italia accompagnati da una costante tormenta di neve insegnano qualche trucco su come affrontare il bianco manto invernale. La tecnologia moderna applicata alle auto aumenta la sicurezza ma la differenza la fa sempre chi guida.

L'articolo Guida sulla neve – Consigli per guidare in sicurezza proviene da RED Live.

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

Il preparatore americano Hennessey sembra avere un’unica missione nella vita: lasciare a bocca aperta. Dopo aver creato sia la Venom GT, hypercar in grado di toccare i 435 km/h grazie a un V8 7.0 biturbo da 1.451 cv, sia l’evoluzione Venom F5, accreditata sulla carta di una velocità massima di oltre 480 km/h, ora si […]

L'articolo Hennessey VelociRaptor 6×6: forza bruta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download