Google+

Imu scuole paritarie. «L’introduzione improvvisa può mandare in tilt il bilancio»

febbraio 28, 2012 Chiara Sirianni

«Credo che la scuola paritaria, laica o confessionale che sia, faccia un’attività didattica. In generale, la situazione è di estrema difficoltà. I contributi statali arrivano in ritardo, e solo quando si trovano i fondi necessari». Intervista a Giulio Massa, presidente lombardo di Aninsei

Sia l’opinione pubblica cattolica sia i partiti politici (da Pdl all’Udc) hanno lanciato un grido d’allarme sulle sorti delle scuole paritarie cattoliche. L’Imu (la vecchia Ici) potrebbe rappresentare un vero e proprio colpo di grazie per molti istituti, con ricadute sulle rette scolastiche. Monsignor Michele Pennisi, segretario della Commissione episcopale per l’Educazione cattolica, la scuola e l’università, ha parlato di incongruenza: «Le scuole cattoliche sono paritarie e quindi svolgono un servizio pubblico». Inoltre «lo fanno non per fini di lucro, e spesso per le fasce più disagiate del Paese. Il rischio, per le scuole paritarie cattoliche, è solo quello della chiusura».

Il sottosegretario all’Economia Gianfranco Polillo ha gettato acqua sul fuoco: «Il concetto è semplice: paga l’Imu chi iscrive un utile a bilancio, chi lucra paga per l’attività che svolge». Questo il principio ispiratore del decreto (ripreso anche dal ministro Corrado Passera: «Non penalizzeremo il vero no profit»). In sostanza, se la retta serve alla scuola parificata per sostenere i costi di gestione, non si può considerare attività commerciale. A far fede saranno i bilanci. 

Giulio Massa, presidente lombardo di Aninsei (Associazione Nazionale Istituti Non Statali di Educazione e di Istruzione), parte da una prospettiva di scuola libera a gestione laica: «Tutte le nostre scuole pagano l’Ici, e da sempre abbiamo considerato una diseguaglianza il fatto che i nostri “concorrenti” religiosi fossero esentati. Ma più in generale, si tratta di una discrepanza nel sistema scolastico: una tassa sempre vissuta, da tutti, come iniqua». Anche perché non si può fare scuola, specie per quanto riguarda gli istituti tecnici (dotati, quindi, di laboratori) in spazi ridotti. E l’impatto è forte. Massa è anche preside dell’istituto De Amicis di Milano: «I metri quadrati servono e l’ultima volta abbiamo pagato 41.000 euro».

E le scuole paritarie cattoliche cosa rischiano? «Io credo che la scuola paritaria, laica o confessionale che sia, faccia un’attività didattica. In generale la situazione è di estrema difficoltà. I contributi statali arrivano in ritardo, e solo quando si trovano i fondi necessari. Certo, un’introduzione improvvisa può mandare in tilt un bilancio. Vale soprattutto per le piccole strutture». Per legge le scuole paritarie fanno parte di un unico sistema nazionale di istruzione, e il sogno nel cassetto è quello di individuare «un regime identico, per scuole statali e non statali, che non meritano di essere trattate alla stregua di aziende».
twitter: @SirianniChiara
 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana