Google+

Imu scuole paritarie. «L’introduzione improvvisa può mandare in tilt il bilancio»

febbraio 28, 2012 Chiara Sirianni

«Credo che la scuola paritaria, laica o confessionale che sia, faccia un’attività didattica. In generale, la situazione è di estrema difficoltà. I contributi statali arrivano in ritardo, e solo quando si trovano i fondi necessari». Intervista a Giulio Massa, presidente lombardo di Aninsei

Sia l’opinione pubblica cattolica sia i partiti politici (da Pdl all’Udc) hanno lanciato un grido d’allarme sulle sorti delle scuole paritarie cattoliche. L’Imu (la vecchia Ici) potrebbe rappresentare un vero e proprio colpo di grazie per molti istituti, con ricadute sulle rette scolastiche. Monsignor Michele Pennisi, segretario della Commissione episcopale per l’Educazione cattolica, la scuola e l’università, ha parlato di incongruenza: «Le scuole cattoliche sono paritarie e quindi svolgono un servizio pubblico». Inoltre «lo fanno non per fini di lucro, e spesso per le fasce più disagiate del Paese. Il rischio, per le scuole paritarie cattoliche, è solo quello della chiusura».

Il sottosegretario all’Economia Gianfranco Polillo ha gettato acqua sul fuoco: «Il concetto è semplice: paga l’Imu chi iscrive un utile a bilancio, chi lucra paga per l’attività che svolge». Questo il principio ispiratore del decreto (ripreso anche dal ministro Corrado Passera: «Non penalizzeremo il vero no profit»). In sostanza, se la retta serve alla scuola parificata per sostenere i costi di gestione, non si può considerare attività commerciale. A far fede saranno i bilanci. 

Giulio Massa, presidente lombardo di Aninsei (Associazione Nazionale Istituti Non Statali di Educazione e di Istruzione), parte da una prospettiva di scuola libera a gestione laica: «Tutte le nostre scuole pagano l’Ici, e da sempre abbiamo considerato una diseguaglianza il fatto che i nostri “concorrenti” religiosi fossero esentati. Ma più in generale, si tratta di una discrepanza nel sistema scolastico: una tassa sempre vissuta, da tutti, come iniqua». Anche perché non si può fare scuola, specie per quanto riguarda gli istituti tecnici (dotati, quindi, di laboratori) in spazi ridotti. E l’impatto è forte. Massa è anche preside dell’istituto De Amicis di Milano: «I metri quadrati servono e l’ultima volta abbiamo pagato 41.000 euro».

E le scuole paritarie cattoliche cosa rischiano? «Io credo che la scuola paritaria, laica o confessionale che sia, faccia un’attività didattica. In generale la situazione è di estrema difficoltà. I contributi statali arrivano in ritardo, e solo quando si trovano i fondi necessari. Certo, un’introduzione improvvisa può mandare in tilt un bilancio. Vale soprattutto per le piccole strutture». Per legge le scuole paritarie fanno parte di un unico sistema nazionale di istruzione, e il sogno nel cassetto è quello di individuare «un regime identico, per scuole statali e non statali, che non meritano di essere trattate alla stregua di aziende».
twitter: @SirianniChiara
 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tempo di restyling per una delle vetture meno convenzionali – almeno esteticamente – degli ultimi anni. In occasione del Salone di Shangai, la crossover Lexus NX beneficia di un lifting di dettaglio cui si accompagnano affinamenti a livello tecnico volti a incrementare il comfort dei passeggeri e a rendere più dinamico il comportamento della vettura. […]

L'articolo Lexus NX: il restyling è sportivo proviene da RED Live.

Non è la prima volta che BMW utilizza la dicitura Rallye per la sua GS: accadde già nel 2013, quando fu una vistosa versione Rallye con telaio rosso e colori Motorsport a celebrare l’uscita di scena del motore ad aria. Ora la dicitura torna in auge sulla BMW R 1200 GS Rallye, che per la […]

L'articolo Prova BMW R 1200 GS Rallye 2017 proviene da RED Live.

Vi abbiamo già parlato del legame (inconsueto) che c’è tra l’ibericissima Seat e l’italianissima Ducati (entrambe con un tedeschissimo proprietario). Un po’ come se lo Jamon Serrano si gemellasse con il Prosciutto di Parma. L’accordo di collaborazione Seat-Ducati una delle tappe nella consegna di una Leon Cupra nuova fiammante ai piloti Ducati Dovizioso e Lorenzo. Nonostante un […]

L'articolo Un Leon di pilota, Dovizioso va in CUPRA proviene da RED Live.

COSA: BIKE FESTIVAL GARDA TRENTINO, quest’anno dura un giorno in più  DOVE E QUANDO: Riva del Garda, Trento, 28-30 aprire e 1° maggio Tra le più importanti rassegne outdoor del comparto ruote grasse il Bike Festival Garda Trentino quest’anno aggiunge un giorno in più al suo (sempre) ricco programma di iniziative. Eventi speciali, escursioni, gare, test, un […]

L'articolo RED Weekend 28-30 aprile e 1° maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

A volte ritornano. Oltretutto quando meno te lo aspetti. Dopo dodici anni di assenza dal panorama europeo, lo storico marchio inglese MG annuncia il rientro nel Vecchio Continente. Un’operazione che avrà inizio nel 2019 e che vedrà protagonista la cinese Saic, dal 2005 proprietaria del brand. Il successo con le spider negli Anni ‘60 La […]

L'articolo MG, il ritorno in Europa è in salsa cinese proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana