Google+

Il paradosso del “falco” Ariel Sharon, l’unico israeliano che avrebbe potuto dare uno stato ai palestinesi

gennaio 19, 2014 Rodolfo Casadei

Come dice lo storico Benny Morris, se l’ex premier israeliano non fosse stato fermato da un ictus, oggi la separazione fra i due popoli sarebbe cosa fatta

Secondo Benny Morris, il più importante storico delle origini dello Stato israeliano, se Ariel Sharon non fosse stato colpito da un ictus otto anni fa e non fosse deceduto pochi giorni fa, oggi lo Stato palestinese sarebbe realtà e la separazione fra i due popoli sarebbe cosa fatta. È verosimile.

Dopo avere dedicato cinquant’anni di carriera politica e militare al sogno del Grande Israele e alla colonizzazione dei Territori occupati, Sharon si era reso conto che i fattori demografici e internazionali imponevano al paese di darsi confini definitivi e contenenti il minor numero possibile di palestinesi. Perseguì la nuova politica in modo unilaterale, spiazzando la leadership palestinese con l’evacuazione non concordata di Gaza e mettendosi contro la destra israeliana e i coloni che lo avevano sostenuto. Affermava che i palestinesi non erano in grado di far rispettare gli accordi e che la sua esperienza militare gli consentiva di comprendere quali assetti territoriali erano difendibili e quali no.

La maggioranza degli israeliani accettava queste spiegazioni, e se la malattia non lo avesse fermato avrebbe dato fiducia a Kadima, la sua sfortunata creatura partitica. La politica di Sharon era il corrispettivo della sua visione militare: per prevalere sul nemico bisogna conservare l’iniziativa. Lo Stato palestinese doveva poter esistere, ma in condizioni tali da non rappresentare una minaccia per Israele.

L’immobilismo dei governi succedutisi dopo il 2006, compreso l’attuale di Netanyahu, si è avvantaggiato delle turbolenze del mondo arabo senza pensare al futuro. I nodi verranno al pettine quando gli equilibri del mondo arabo si riassesteranno e Washington concluderà il “grand bargain” con l’Iran.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi