Google+

Il paradosso del “falco” Ariel Sharon, l’unico israeliano che avrebbe potuto dare uno stato ai palestinesi

gennaio 19, 2014 Rodolfo Casadei

Come dice lo storico Benny Morris, se l’ex premier israeliano non fosse stato fermato da un ictus, oggi la separazione fra i due popoli sarebbe cosa fatta

Secondo Benny Morris, il più importante storico delle origini dello Stato israeliano, se Ariel Sharon non fosse stato colpito da un ictus otto anni fa e non fosse deceduto pochi giorni fa, oggi lo Stato palestinese sarebbe realtà e la separazione fra i due popoli sarebbe cosa fatta. È verosimile.

Dopo avere dedicato cinquant’anni di carriera politica e militare al sogno del Grande Israele e alla colonizzazione dei Territori occupati, Sharon si era reso conto che i fattori demografici e internazionali imponevano al paese di darsi confini definitivi e contenenti il minor numero possibile di palestinesi. Perseguì la nuova politica in modo unilaterale, spiazzando la leadership palestinese con l’evacuazione non concordata di Gaza e mettendosi contro la destra israeliana e i coloni che lo avevano sostenuto. Affermava che i palestinesi non erano in grado di far rispettare gli accordi e che la sua esperienza militare gli consentiva di comprendere quali assetti territoriali erano difendibili e quali no.

La maggioranza degli israeliani accettava queste spiegazioni, e se la malattia non lo avesse fermato avrebbe dato fiducia a Kadima, la sua sfortunata creatura partitica. La politica di Sharon era il corrispettivo della sua visione militare: per prevalere sul nemico bisogna conservare l’iniziativa. Lo Stato palestinese doveva poter esistere, ma in condizioni tali da non rappresentare una minaccia per Israele.

L’immobilismo dei governi succedutisi dopo il 2006, compreso l’attuale di Netanyahu, si è avvantaggiato delle turbolenze del mondo arabo senza pensare al futuro. I nodi verranno al pettine quando gli equilibri del mondo arabo si riassesteranno e Washington concluderà il “grand bargain” con l’Iran.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana