Google+

Il Marocco vieta di commercializzare il burqa

gennaio 11, 2017 Redazione

All’origine ci sono ragioni di sicurezza: troppo spesso infatti i malviventi lo usano per nascondere il volto durante le azioni criminose.

burqa-shutterstock_540284812

Nessun divieto, per ora, di indossare il burqa, ma stop totale all’importazione, alla fabbricazione e alla commercializzazione in tutto il territorio del regno. Il Marocco, Paese a stragrande maggioranza musulmana sunnita (il 97 per cento della popolazione), dichiara guerra al burqa, il tradizionale abito femminile che lascia scoperti solo gli occhi. L’ordine, partito dal ministero dell’interno, è arrivato tra domenica e lunedì sui banchi dei mercati rionali. Un foglietto compilato dall’autorità di polizia e consegnato dagli agenti di sicurezza ha raggiunto via via ambulanti e grossisti, sarti di quartiere e produttori industriali. «È fatto divieto di produrre e vendere burqa — si legge nel testo diffuso dall’Ansa — e siete invitati a sbarazzarvi delle scorte nelle prossime 48 ore. Chi contravviene vedrà sequestrate le merci e chiuso il negozio».

La disposizione è entrata in vigore il 9 gennaio ma già il giorno prima alcuni fabbricanti di burqa erano stati avvertiti, per iscritto, dell’obbligo di cessare il confezionamento di questo tipo di abito e di sbarazzarsi degli stock oppure di riconvertirli in altri indumenti.

Il ministero dell’interno preferisce non dare spiegazioni ma è molto probabile che alla base della decisione ci siano motivi di sicurezza. La notizia ha fatto velocemente il giro della rete. In particolare il sito di informazione on line le360.ma, vicino al palazzo reale, sostiene di aver avuto conferma della disposizione da un responsabile di alto rango del dicastero. La misura ha sorpreso molti commercianti, tuttavia anch’essi convinti che all’origine ci siano ragioni di sicurezza: troppo spesso infatti i malviventi lo usano per nascondere il volto durante le azioni criminose. L’ordine, come detto, colpisce solo i produttori e i rivenditori e non c’è al momento alcun divieto per le donne di indossare il vestito.

In vendita al prezzo di 50-60 dirham (l’equivalente di 5-6 euro), il burqa in Marocco è diffuso in una versione rivisitata rispetto all’originale afghano. Non è l’abito lungo con la retina davanti agli occhi, ma solo un copricapo, un velo più grande del foulard indossato dalle musulmane, con una feritoia per lasciare libero lo sguardo. È comunque un indumento che le donne sono costrette a indossare se vivono in un contesto integralista. La misura si somma al controllo serrato delle attività dei religiosi in tutte le moschee marocchine; il contenuto di ogni sermone del venerdì viene revisionato da ispettori reali prima di essere autorizzato. Anche il sovrano, Mohammed vi, soprattutto nei discorsi ufficiali rivolti ai fedeli (il re in Marocco è anche la guida spirituale dei credenti musulmani), non perde occasione per confutare alcune interpretazioni estremistiche del Corano.

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.