Google+

Il Marocco vieta di commercializzare il burqa

gennaio 11, 2017 Redazione

All’origine ci sono ragioni di sicurezza: troppo spesso infatti i malviventi lo usano per nascondere il volto durante le azioni criminose.

burqa-shutterstock_540284812

Nessun divieto, per ora, di indossare il burqa, ma stop totale all’importazione, alla fabbricazione e alla commercializzazione in tutto il territorio del regno. Il Marocco, Paese a stragrande maggioranza musulmana sunnita (il 97 per cento della popolazione), dichiara guerra al burqa, il tradizionale abito femminile che lascia scoperti solo gli occhi. L’ordine, partito dal ministero dell’interno, è arrivato tra domenica e lunedì sui banchi dei mercati rionali. Un foglietto compilato dall’autorità di polizia e consegnato dagli agenti di sicurezza ha raggiunto via via ambulanti e grossisti, sarti di quartiere e produttori industriali. «È fatto divieto di produrre e vendere burqa — si legge nel testo diffuso dall’Ansa — e siete invitati a sbarazzarvi delle scorte nelle prossime 48 ore. Chi contravviene vedrà sequestrate le merci e chiuso il negozio».

La disposizione è entrata in vigore il 9 gennaio ma già il giorno prima alcuni fabbricanti di burqa erano stati avvertiti, per iscritto, dell’obbligo di cessare il confezionamento di questo tipo di abito e di sbarazzarsi degli stock oppure di riconvertirli in altri indumenti.

Il ministero dell’interno preferisce non dare spiegazioni ma è molto probabile che alla base della decisione ci siano motivi di sicurezza. La notizia ha fatto velocemente il giro della rete. In particolare il sito di informazione on line le360.ma, vicino al palazzo reale, sostiene di aver avuto conferma della disposizione da un responsabile di alto rango del dicastero. La misura ha sorpreso molti commercianti, tuttavia anch’essi convinti che all’origine ci siano ragioni di sicurezza: troppo spesso infatti i malviventi lo usano per nascondere il volto durante le azioni criminose. L’ordine, come detto, colpisce solo i produttori e i rivenditori e non c’è al momento alcun divieto per le donne di indossare il vestito.

In vendita al prezzo di 50-60 dirham (l’equivalente di 5-6 euro), il burqa in Marocco è diffuso in una versione rivisitata rispetto all’originale afghano. Non è l’abito lungo con la retina davanti agli occhi, ma solo un copricapo, un velo più grande del foulard indossato dalle musulmane, con una feritoia per lasciare libero lo sguardo. È comunque un indumento che le donne sono costrette a indossare se vivono in un contesto integralista. La misura si somma al controllo serrato delle attività dei religiosi in tutte le moschee marocchine; il contenuto di ogni sermone del venerdì viene revisionato da ispettori reali prima di essere autorizzato. Anche il sovrano, Mohammed vi, soprattutto nei discorsi ufficiali rivolti ai fedeli (il re in Marocco è anche la guida spirituale dei credenti musulmani), non perde occasione per confutare alcune interpretazioni estremistiche del Corano.

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un trapianto di cuore in piena regola. In Jaguar, da piccoli, devono aver giocato con “L’allegro chirurgo”, dato che il V8 5.0 sovralimentato della F-Type R trova posto sotto il cofano della berlina di medie dimensioni XE, entry level – si fa per dire – della gamma di Coventry. Un’operazione che porta alla nascita della […]

L'articolo Jaguar XE SV Project 8: nessuna come lei proviene da RED Live.

Prendi la moto più venduta da anni. Provata e riprovata in tutte le condizioni. Cosa si può raccontare ancora di lei? Parto con queste convinzioni per l’ennesimo test della ennesima R 1200 GS (le ho provate tutte le GS dalla 1100 a oggi). È la Rallye che ho già provato poco tempo fa in un […]

L'articolo Alla GS Academy con BMW R 1200 GS Rallye assetto sport proviene da RED Live.

Se l’elettrico costituisce il futuro della mobilità, la tecnologia ibrida plug-in è figlia del presente. Rappresenta infatti la massima espressione del compromesso tra propulsione tradizionale e a zero emissioni. Un’auto ibrida plug-in non è altro, del resto, che un’auto ibrida, quindi dotata di un powertrain composto dall’interazione tra due motori – il primo a combustione […]

L'articolo Hyundai Ioniq Plug-in: praticamente astemia proviene da RED Live.

She’s back. Dopo quasi vent’anni d’assenza, la BMW Serie 8 è di nuovo tra noi. La coupé di Monaco, destinata a collocarsi al vertice della gamma del costruttore tedesco, arriverà nelle concessionarie nel 2018, ma le linee sono già state svelate in occasione del Concorso d’eleganza di Villa d’Este. Chiamata a sfidare rivali blasonate quali […]

L'articolo BMW Serie 8: classe cattiva proviene da RED Live.

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana