Google+

Il Marocco vieta di commercializzare il burqa

gennaio 11, 2017 Redazione

All’origine ci sono ragioni di sicurezza: troppo spesso infatti i malviventi lo usano per nascondere il volto durante le azioni criminose.

burqa-shutterstock_540284812

Nessun divieto, per ora, di indossare il burqa, ma stop totale all’importazione, alla fabbricazione e alla commercializzazione in tutto il territorio del regno. Il Marocco, Paese a stragrande maggioranza musulmana sunnita (il 97 per cento della popolazione), dichiara guerra al burqa, il tradizionale abito femminile che lascia scoperti solo gli occhi. L’ordine, partito dal ministero dell’interno, è arrivato tra domenica e lunedì sui banchi dei mercati rionali. Un foglietto compilato dall’autorità di polizia e consegnato dagli agenti di sicurezza ha raggiunto via via ambulanti e grossisti, sarti di quartiere e produttori industriali. «È fatto divieto di produrre e vendere burqa — si legge nel testo diffuso dall’Ansa — e siete invitati a sbarazzarvi delle scorte nelle prossime 48 ore. Chi contravviene vedrà sequestrate le merci e chiuso il negozio».

La disposizione è entrata in vigore il 9 gennaio ma già il giorno prima alcuni fabbricanti di burqa erano stati avvertiti, per iscritto, dell’obbligo di cessare il confezionamento di questo tipo di abito e di sbarazzarsi degli stock oppure di riconvertirli in altri indumenti.

Il ministero dell’interno preferisce non dare spiegazioni ma è molto probabile che alla base della decisione ci siano motivi di sicurezza. La notizia ha fatto velocemente il giro della rete. In particolare il sito di informazione on line le360.ma, vicino al palazzo reale, sostiene di aver avuto conferma della disposizione da un responsabile di alto rango del dicastero. La misura ha sorpreso molti commercianti, tuttavia anch’essi convinti che all’origine ci siano ragioni di sicurezza: troppo spesso infatti i malviventi lo usano per nascondere il volto durante le azioni criminose. L’ordine, come detto, colpisce solo i produttori e i rivenditori e non c’è al momento alcun divieto per le donne di indossare il vestito.

In vendita al prezzo di 50-60 dirham (l’equivalente di 5-6 euro), il burqa in Marocco è diffuso in una versione rivisitata rispetto all’originale afghano. Non è l’abito lungo con la retina davanti agli occhi, ma solo un copricapo, un velo più grande del foulard indossato dalle musulmane, con una feritoia per lasciare libero lo sguardo. È comunque un indumento che le donne sono costrette a indossare se vivono in un contesto integralista. La misura si somma al controllo serrato delle attività dei religiosi in tutte le moschee marocchine; il contenuto di ogni sermone del venerdì viene revisionato da ispettori reali prima di essere autorizzato. Anche il sovrano, Mohammed vi, soprattutto nei discorsi ufficiali rivolti ai fedeli (il re in Marocco è anche la guida spirituale dei credenti musulmani), non perde occasione per confutare alcune interpretazioni estremistiche del Corano.

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download