Google+

Il gesto di papa Francesco di lavare i piedi ai detenuti. E il nostro moralismo dalle mani pulite

marzo 28, 2013 Luigi Amicone

Un papa appena eletto ci mostra la via da cui può ripartire una società che non voglia naufragare nella vanità della propria indignazione e nella presunzione della propria misura di giustizia.

Papa Francesco inizia il triduo pasquale con una Santa Messa che celebra questo pomeriggio nel carcere minorile di Casal del Marmo. Vi prendono parte circa 50 giovani detenuti e il Papa laverà i piedi a dodici di essi. Per sua esplicita volontà la celebrazione sarà molto semplice, non saranno ammesse telecamere e i giornalisti rimarranno fuori dall’edificio carcerario.

Scelta singolare questa di andare in un carcere come primo atto petrino nei riguardi della società laica e civile. Come si spiega se, come ha detto Francesco ai cardinali radunati per la prima messa dopo l’elezione pontificale a Santa Maria Maggiore, «la chiesa non è una organizzazione umanitaria pietosa»?

È abbastanza sfuggente, al clima mediatico e alla sensibilità sociale diffusa, questo strano “privilegio” petrino accordato a delinquenti e peccatori. Benché essi siano dei ragazzi. E dunque qualche sentimento di pietosa compassione magari riescono ancora a risvegliare anche nei forcaioli più accaniti. Dunque?

In concomitanza con un gesto, così obiettivamente indigesto, veniamo informati di quali sono state le prime parole di papa Bergoglio nel momento dell’accettazione all’elezione di Sommo Pontefice. «Sono un grande peccatore. Confidando nella misericordia e nella pazienza di Dio, nella sofferenza, accetto».

Siamo al polo opposto della posa pubblica e privata che si usano in società. La famosa e purissima “società civile”. Dove non sono ammessi evasori, ladri, puttanieri. Ma solo persone perbene, oneste, dalle “mani pulite”. Siamo al polo opposto degli attivisti della denuncia da «piazza pulita». E del mondo che si suppone sia stato creato a misura di casellario giudiziario.

Sono davvero interessanti, a ben leggerle, queste prime movenze di questo Francesco. Le sue prime parole di autoaccusa pronunciate nell’intimità del Conclave (anch’esso, non è forse una forma di forzata reclusione?). E questo suo primo gesto di forte connotazione civile che sceglie il carcere e lava i piedi a dei giovani delinquenti invece che andare in un posto di giusti (una procura o a casa Grillo, per esempio) o di vittime dell’ingiustizia.

Noi pensiamo che l’interesse, specie per noi italiani, consista in questo: consiste nel fatto che, nella situazione bellicosa e deprimente in cui ci troviamo ormai da parecchi lustri, sfiniti da una guerra che ci facciamo tra “buoni” e “cattivi”, tra “guardie” e “ladri”, tra “onesti” e “corrotti”, un papa appena eletto ci mostra la via da cui può ripartire una società che non voglia naufragare nella vanità della propria indignazione e nella presunzione della propria misura di giustizia.

Ci riporta, papa Francesco, alla coscienza del proprio peccato. Un fardello che tutti gli uomini veramente giusti dovrebbero portare anche davanti ai propri occhi. Infatti, per come è fatto veramente il mondo e per come sono fatti veramente gli uomini, tutti gli uomini, nessuno escluso, sono veramente cattivi e sporchi. E la vera grande menzogna è pensarsi veramente buoni e puliti.

Ha scritto Hannah Arendt: «Forse quegli ebrei, ai cui avi dobbiamo la prima concezione dell’idea di umanità, sapevano qualcosa di questo fardello quando ogni anno erano soliti dire: “Nostro Padre e Re, abbiamo peccato davanti a te”, facendosi carico non solo dei peccati della loro comunità, ma delle colpe di tutti gli uomini. Tutti coloro che sono disposti a seguire questa via in una sua variante moderna non si accontentano della confessione ipocrita: “Grazie a Dio non sono così”. Costoro non serviranno granché come strumenti di vendetta; ma questo è certo: su di loro e solo su di loro, pervasi come sono di un genuino timore di fronte all’ineludibilità della colpa umana, si potrà fare affidamento quando si tratterà di combattere, in ogni luogo e senza timori e compromessi, contro il male incommensurabile che gli uomini sono capaci di compiere».

Ecco, pensare che un’ebrea abbia scritto queste cose davanti a un “peccato” subito dagli stessi ebrei – l’Olocausto, sei milioni di vittime innocenti, un “peccato” infinitamente più grande e criminale di quelli che denunciamo noi adesso – forse può aiutarci a ritrovare un minimo di senso di realtà e di giustizia da cui può rinascere una persona, una famiglia, un popolo, un paese intero.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. beppe says:

    caro luigi, stamattina la rassegna stampa di tv 2000 è tutta un ”la foto del papa è su tutti i giornali”, ecc. ecco, anch’io mi sto chiedendo come si concilia questa valanga mediatica con l’umiltà. non so cosa pensare. comunque buona pasqua.

    • Charlie says:

      Io so cosa pensare, invece.
      Che si fanno troppe fotografie sui giornali.
      Meglio così.
      C’è meno spazio per scrivere stupidate.

      Auguri di Buona Pasqua ( senza foto d’accompagnamento ).

  2. Robinson says:

    Grande gesto di umiltà del Papa. Egli ha detto che il vero potere della Chiesa è il servizio.
    E’ quel chinarsi ed abbracciare le pecorelle, sentirne l’odore. E che la condanna dell’uomo non viene da Dio ma siamo noi stessi che, riufiutando Dio, ci autocondanniamo.
    Per quanto attiene questo discorso ai politici, non si chiede che siano illibati – nessuno di noi è senza peccato – ma ciò che si chiede è che operino per il bene comune, “essere al servizio”, e che delle loro azioni debbano renderne conto al popolo. Questo è ciò che si chiede loro, e questo non è moralismo.

  3. umberto spalletti says:

    ce la fate a commentare qualcosa senza fare riferimento all’olocausto

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.