Google+

Il 67 per cento degli americani non vuole la riforma sanitaria di Obama

marzo 20, 2012 Benedetta Frigerio

Tra una settimana la Corte Suprema dovrà pronunciarsi sulla costituzionalità della riforma sanitaria varata a gennaio dal presidente degli Usa. Intanto, un sondaggio attesta che il dissenso dei cittadini per la politica di Obama è salito del 10 per cento in due mesi.

Tra sette giorni la Corte Suprema americana si dovrà pronunciare sulla costituzionalità della riforma sanitaria varata da Obama. Le perplessità sono molte e la decisione presa a gennaio dal presidente di obbligare tutti gli istituti, anche quelli religiosi, a pagare per la contraccezione e l’aborto dei loro dipendenti, pare si stia trasformando in un autogol.

In effetti, anche se Obama e la sinistra hanno parlato delle proteste contro il loro mandato come di un problema della Chiesa, contraria alla contraccezione, il mondo religioso americano e i candidati repubblicani hanno speso voce e forze per far comprendere ai cittadini americani che il mandato di gennaio è incostituzionale poiché nega l’obiezione di coscienza, tutelata dalla costituzione, e la libertà religiosa, su cui si fonda tutto l’impianto costituzionale del paese. Un messaggio che sembra essere passato con sufficiente efficacia.

Sono giunti ieri, infatti, i risultati del sondaggio Abc/Washington Post sul ObamaCare: il 67 per cento dei cittadini americani ritiene che la Corte Suprema debba abrogare la riforma sanitaria. In due mesi il dissenso è salito del 10 per cento, un risultato che dipende molto dal mandato di gennaio e preoccupa non poco la Casa Bianca, dato che arriva a una settimana dal pronunciamento di una Corte che non è ancora stata occupata pienamente dai fedeli di Obama. Molti dei giudici infatti sono stati eletti durante la presidenza Bush. Una bocciatura potrebbe essere un colpo duro per la campagna democratica, visto che la riforma della sanità sta diventando uno dei punti focali della corsa elettorale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download