Google+

«I sottosegretari del Pd indagati non si devono dimettere». Giusto. Ma allora perché si è dimesso Gentile (Ncd), nemmeno indagato?

marzo 5, 2014 Emanuele Boffi

Esemplare risposta all’insegna del garantismo del ministro Boschi all’interrogazione dei grillini. Ma solo qualche giorno fa, lo stesso metro non è stato usato col politico del Nuovo Centrodestra

Il ministro delle Riforme e dei rapporti col Parlamento, Maria Elena Boschi, ha fatto benissimo a difendere i sottosegretari dagli attacchi del Movimento Cinque Stelle. I grillini, infatti, hanno presentato oggi in aula un’interrogazione sulla nomina di Francesca Barracciu a sottosegretario alla Cultura. Barracciu, assieme ad altri tre colleghi del Pd e del governo (Umberto Del Basso de Caro, Vito De Filippo, Filippo Bubbico) è al centro di uno scontro politico per essere stata raggiunta da un avviso di garanzia. Il ministro Boschi ha, dunque, fatto bene a ricordare ai parlamentari pentastellati che «non è intenzione di questo governo chiedere dimissioni di ministri o sottosegretari solo sulla base di un avviso di garanzia».
Con esemplare garantismo, il ministro ha rammentato che «l’avviso di garanzia è un atto dovuto a tutela degli indagati per esercitare i diritti di difesa, non è un’anticipazione di condanna». Per questo, come in ogni democrazia che si rispetti, vale «il principio fondamentale della presunzione di innocenza».

GARANTISMO A CORRENTE ALTERNA. Il discorso non fa una grinza, e con Tempi si sfonda una porta aperta. Troppe volte è capitato che i procedimenti giudiziari siano stati usati come arma politica (è una storia antica, che inizia da Mani Pulite). È però inevitabile notare il solito doppiopesismo italiano. Solo qualche giorno fa, un altro sottosegretario del governo, questa volta non del Pd ma dell’alleato Ncd, Antonio Gentile, ha dovuto rassegnare le dimissioni. Gentile, secondo le accuse, avrebbe fatto delle pressioni per bloccare le rotative del quotidiano L’ora della Calabria, al fine di non far uscire in edicola un articolo su un’indagine a carico del figlio. Al di là di quel che ognuno possa pensare di Barracciu o Gentile, di Bubbico o De Filippo, resta da constatare la doppia morale: i quattro sottosegretari indagati sono stati salvati. Gentile, che non era nemmeno indagato, ha dovuto dimettersi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. giovanni scrive:

    Sicuramente i quattro di area p.d. in passato, hanno aderito a qualche manifestazione a difesa della legalità, questo li mette al di sopra di qualsiasi sospetto. Insomma loro rappresentano l’italia migliore, non a caso sono i nipotini di togliatti detto “il migliore”

    • Su Connottu scrive:

      A volerla cercare, la logica ci sarebbe.
      La Barracciu milita nel PD ed è indagata.
      Gentile non milita nel PD, e non è indagato.
      C’è un’evidente asimmetria, e non va bene.
      Soluzione: Gentile si dimette, così tutti gli indagati sono del PD.

  2. MaMa scrive:

    ma perchè si è dimesso se non era indagato?

  3. filomena scrive:

    Certo che la destra italiana non ha nulla da insegnare (perlomeno quella del pregiudicato di Arcore) con gli scandali di Lombardia, Lazio ecc.

    • giuliano scrive:

      cara Filomena, tu sai meglio di tutti che il pregiudicato di Arcore non ha fatto niente di illecito, è stato condannato solamente perchè l’odio della sinistra (e tuo) unitamente a quello dei PM connessi, ha piegato le leggi ad una loro interpretazione di tipo sovietico. Cioè è stata usata la “giustizia” per utilizzo politico, e non far finta che non è vero. tu lo sai che è così, ma state certi che la giustizia divina vi farà pagare con gli interessi questo schifo

  4. VivalItalia scrive:

    Filome..semplici un po banali direi quasi prevvedibbili..sempre uguali so i tuoi post

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana