Google+

«I criteri sull’Imu per le scuole non sono chiari. Il ministero delle Finanze ci prende in giro. Per ora non paghiamo»

dicembre 14, 2012 Daniele Ciacci

Don Michele di Tolve, responsabile per la Pastorale scolastica della Curia di Milano, spiega il “pasticcio” della tassa per le paritarie : «Farci pagare quella tassa è un’offesa».

Il termine per il versamento dell’Imu all’erario si avvicina pericolosamente, e molti enti no profit non hanno ancora chiara l’entità della somma da versare. Prima ancora, però, alla luce delle parole della Commissione delle Finanze, non capiscono se debbano o meno inserirsi all’interno della dicitura ente commerciale – ente non commerciale. Una dicotomia dalla difficile risoluzione: se solo le scuole che garantiscono alle famiglie rette «gratuite o simboliche» possono vantare l’esenzione, la grande parte del sistema scolastico paritario italiano rischia di scomparire sotto il peso di una tassa «non equa». Tempi.it ne parla don Michele di Tolve, responsabile del Servizio per l’Insegnamento della religione cattolica e della Pastorale scolastica della Curia meneghina.

Tra tre giorni scade il termine per il pagamento dell’Imu. Che direttive ha dato la Curia di Milano alle scuole paritarie che vi aderiscono?
Al momento, non essendo ancora chiari i criteri sull’esenzione dell’Imu, abbiamo deciso di aspettare la scadenza dei termini, ovvero 30 giorni dal 17 dicembre, pagando una sovrattassa. Stiamo trattando, e vedremo come si evolve la situazione. Ci tengo a precisare che nessuno di noi della Curia di Milano nega il fatto che bisogna pagare le tasse. Ma ci sembra radicalmente ingiusto, una presa in giro del ministero delle Finanze. Le scuole a cui è concessa l’esenzione dall’Imu sono quelle che non vantano alcun tipo di contributo. È impossibile. Lo Stato è fuori dal tempo e della realtà, e contrasta le espressioni della società civile e della realtà ecclesiale che ancor prima dell’Unità d’Italia sono al servizio di quel bene comune che è l’educazione e l’istruzione.

Come funziona la parità scolastica fuori dai confini italiani?
Nel resto d’Europa vige una vera parità. In Italia le scuole paritarie, dopo tutti i controlli di sorta, sono riconosciute dalla legge 62/2001 come scuole pubbliche paritarie, ma non hanno parità economica. Invece, in tutta Europa e in Israele la parità giuridica va di pari passo con quella economica. Da noi per la scuola paritaria si aggravano le tasse. Questa non è vera parità. Dallo Stato per ogni alunno ricaviamo 500 euro in un anno, ovvero 6.500 euro in meno dei fondi destinati alle statali. Le nostre sono scuole pubbliche, ma in questo momento non viene riconosciuto ciò che svolgiamo. Per questo, l’indicazione che diamo ai diversi istituti parificati è attendere, per comprendere meglio il regolamento che si vorrà adottare.

Dove trovate le maggiori difficoltà di adesione alla proposta del ministero delle Finanze?
Ci viene chiesto che le nostre rette non servano a mantenere la scuola, ma siano simboliche e, al limite, gratuite. Ma come è possibile fare questa affermazione? Come possiamo pagare gli stipendi a 10mila insegnanti che lavorano nelle scuole paritarie presenti sul territorio della diocesi di Milano? Come facciamo a mantenere in perfetto ordine e nel pieno rispetto delle normative tutti gli ambienti scolastici costruiti con il contributo delle congregazioni religiose e delle parrocchie ? È un offesa affermare che dobbiamo avere rette simboliche!  Ma al di là di ciò, noi non abbiamo una retta, ma un contributo economico da parte delle famiglie che non è sufficiente. Il contributo delle famiglie alla scuola paritaria è necessario e non sufficiente per garantire il decorso delle attività e per chiudere il bilancio annuale in parità. Inoltre, è ingiusto non considerare le famiglie che pagano allo Stato le tasse per la scuola statale che non hanno scelto di utilizzare debbano anche contribuire a sostenere la scuola paritaria che hanno scelto. Sono cose che lo Stato conosce bene, perché noi abbiamo sempre mostrato tutti i bilanci con il massimo della trasparenza. Il contributo che chiediamo non basta a mantenere viva la scuola. Le parrocchie e le congregazioni versano annualmente la liquidità necessaria per evitare il tracollo. E questo nonostante le scuole paritarie forniscano un servizio pubblico e aperto a tutti.

È un problema ideologico?
Non riesco a dire se il problema sia ideologico o meno, non voglio entrare in questo genere di discorsi, ma di sicuro è affrontato nel modo sbagliato. Io dico: mettiamoci intorno a un tavolo e ragionano, guardiamo la totalità dei fattori in gioco. Invece, le decisioni non partono dalla conoscenza della nostra situazione e dei nostri bilanci pubblici. Il contributo delle famiglie, lo ripeto, non è sufficiente, e infatti Stato, Regione e Comune finanziano le scuole parificate – che altrimenti non starebbero in piedi – come contributo al diritto allo studio. Al resto, spesso, ci pensano le parrocchie. Se hanno intenzione di portarci alla decisione di chiudere, ce lo dicano apertamente, ma poi trovino il modo di trovare ogni anno 7 miliardi di euro da aggiungere ai 45 miliardi già impegnati per sostenere la scuola pubblica statale. Nella nostra diocesi da anni andiamo dicendo che tutta la scuola ha bisogno di più risorse e non di tagli. Questo lo affermiamo da sempre: in momenti di crisi i paesi europei , che conoscono la vera parità per tutto il sistema scolastico, investono nell’educazione e nell’istruzione. Da noi, che vantiamo di essere la culla della cultura europea, da noi che abbiamo l’86 per cento del patrimonio culturale dell’umanità, si taglia e s’inventa una tassa per la scuola che deve essere il bene primario per la famiglia e per la società italiana.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Poppi_Pippo scrive:

    Basta fare le vittime e rompere le balle, se adesso le paritarie (giustamente) devono pagare l’IMU lo pagate punto. Se non lo pagate si fa come per ogni cittadino italiano, denuncia e pignoramento…. è ora che la piantate di rompere le balle voi delle scuole private…

    • gianni scrive:

      ma questo (Poppi) demente (nel senso etimologico del termine), ci o ci fa?

      • Tasso scrive:

        Ti do un consiglio Gianni, lascialo stare poverino, è chiuso nel dogmatismo delle sue ideologie e non riesce a vedere oltre alla punta del suo naso.
        Lascialo sfogare, è questa la ragione dei suoi commenti, non una discussione.

  2. viccrep scrive:

    poppi non vede più in là del suo naso, si dimentica che i genitori dei bambini della scuola pubblica paritaria riconosciuta dallo stato pagano le tasse e mantengono le scuole statali.
    Spesso in italia la truffa ideologica è legalizzata

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana