Google+

«Hollande ha tenuto a ribadire a noi della delegazione che non ha chiesto perdono al Papa di alcunché»

gennaio 25, 2014 Redazione

Il racconto di Dominique Quinio, direttrice del quotidiano cattolico “La Croix” che ieri era al seguito del presidente francese ricevuto dal Pontefice in Vaticano

Quello che si è svolto ieri a Roma tra papa Francesco e l’ultra-ateo presidente francese François Hollande è stato un incontro in una «atmosfera cordiale, tenuto conto che sui temi di fondo – matrimonio e adozione per gli omosessuali, aborto, fine vita – le posizioni sono inconciliabili». Così riferisce Dominique Quinio, direttrice del quotidiano cattolico d’oltralpe La Croix, che era una delle dieci persone della delegazione francese ricevuta in Vaticano, e che in una intervista pubblicata dal Corriere della Sera aggiunge qualche dettaglio al poco che è emerso finora circa il clima e i contenuti del colloquio.

A TEMA L’ABORTO? Dell’incontro, molto atteso anche per via dell’altissima tensione raggiunta nei rapporti tra il governo socialista e i cattolici francesi (tensione sottolineata all’attenzione del Pontefice dalla “supplica” sottoscritta da oltre 100 mila fedeli proprio in preparazione della visita), è emerso finora che – recita il comunicato della Sala stampa vaticana – «nel contesto della difesa e della promozione della dignità della persona umana, si sono passati in rassegna alcuni argomenti di attualità, quali la famiglia, la bioetica, il rispetto delle comunità religiose e la tutela dei luoghi di culto». La nota della Santa Sede prosegue poi accennando a «temi di carattere internazionale, quali la povertà e lo sviluppo, le migrazioni e l’ambiente» e cita in particolare «i conflitti in Medio Oriente e in alcune regioni dell’Africa» oltre ai «diritti delle minoranze etniche e religiose». Aggiunge oggi Maria Antonietta Calabrò, sempre per il Corriere della Sera: «Anche secondo fonti vicine al presidente, sembra che i due Francesco abbiano affrontato a un certo punto il tema dell’aborto», appunto uno degli argomenti segnalati al Papa nella petizione dei cattolici francesi, visto che Parigi ha appena introdotto l’inaudito reato di “ostacolo all’aborto”.

ASPETTATIVE MINIME. In realtà, spiega la Quinio nell’intervista, «Hollande e il papa Francesco hanno solo fatto un vago accenno alla “dignità della vita umana” a fine colloquio. Del resto nessuno si aspettava di convincere l’altro». In effetti, dice la direttrice di La Croix, «non credo che l’incontro con il Papa basterà a ricomporre il divorzio che si è prodotto in Francia tra l’opinione pubblica cattolica e Hollande. C’è la sensazione che il governo abbia preso regolarmente, e in poco tempo, posizioni contrarie ai nostri valori e alla nostra visione. Il mariage pour tous, l’approvazione dell’emendamento più liberale sull’aborto, quel che si sta preparando sull’eutanasia, allontanano Hollande da un elettorato cattolico che in parte lo aveva votato, e che è stato colto di sorpresa».

LA PUNTUALIZZAZIONE. L’inquilino dell’Eliseo, secondo la giornalista, «ha voluto dare un segnale di attenzione ai cattolici, una testimonianza di rispetto» in vista delle prossime elezioni amministrative ed europee. Tuttavia, aggiunge la Quinio nell’intervista al Corriere, «subito dopo il colloquio con il Papa, parlando con noi della delegazione, Hollande ha comunque tenuto a ribadire che non aveva certo chiesto perdono di alcunché. “Sono venuto da capo di Stato che incontra un altro capo di Stato”, ha ripetuto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

43 Commenti

  1. Gabriele says:

    C’era da aspettarselo. Le informazioni sono ancora poche e assai sintetiche, ma da quello che emerge, si capisce che ad Hollande non importa un fico secco dei cattolici, se non come elettori, quindi è andato dal papa solo per cercare di apparire loro come un amico e farsi rivotare (e mi viene da chiedere: se non fosse stato ai minimi nei sondaggi, avrebbe avuto tale preoccupazione?). Ma nessuno ci cascherà, ormai, e dubito fortemente che Hollande si salverà alle prossime elezioni, perchè sta scontentando tutti sul piano economico, (e per quello non c’è visita che tenga), e i disastri sul piano etico, per la popolazione francese, sono come ciliegine sulla torta del disastro economico.

    • Tobi says:

      Hai ragione Gabriele. Solo una piccola nota: io metterei al primo posto i disastri sul piano etico. Poi gli altri disastri, incluso quello economico, ne sono una spontanea conseguenza. Se si distrugge il tessuto della società (famiglia, etica, ogni regola morale) poi le conseguenze arrivano anche sul piano economico che in mancanza di questi capisaldi andrà anch’esso alla deriva.

      • Gabriele says:

        E’ vero, l’uomo viene sempre prima, chi lo tratta in modo assurdo e ideologico, rovinerà anche quello che lo riguarda nei vari campi. Però immagino che alla maggior parte dei francesi ormai importi di più poter lavorare e mangiare piuttosto che l’aborto, il matrimonio, l’eutanasia e tutto il resto. Con questo comunque non voglio dire che in Francia ormai non importa più a nessuno dei temi etici (considerate le recenti manifestazioni) e Hollande lo sa, per questo ha fatto visita al papa. Ma non gli servirà a niente.

  2. domenico b. says:

    anche quando hollande si presenterà davanti a Dio, si presenterà da capo di stato che incontra un altro capo di stato?

  3. riequilibrio says:

    …e bergoglio, gli ha chiesto perdono di qualcosa?

  4. Orazio Pecci says:

    Beh, spero che i cattolici francesi che lo hanno votato siano capaci di fare due più due.

  5. Orazio Pecci says:

    Beh, i cattolici francesi che hanno votato Hollande sono stati notevolmente ingenui (per non dire altro). Spero che a questo punto le lezioni siano sufficienti e che la prossima volta ci ripensino…

    • mario says:

      Può una bertuccia chiedere scusa?!? Nessuno si aspettava tanta dignità dalla bertuccia di Francia. Mi aspetto però che i francesi corrano ai ripari. Io, da pochi mesi, voto a sinistra….ma li mando subito a fare….quello che gli piace se scimmiottano hollande. Vi ricordate quello he ha fatto Zapatero? Ha tenuto impegnati gli spagnoli con riformine su vibratori e vaselina mentre sperpava i risparmi del governo aznar.

      • Picchus says:

        bravo, bravo, vota a sinistra… perché non c’è dubbio che faranno la stessa cosa. Guarda che è deciso a livello europeo. I singoli sono semplicemente esecutori. Votare a sinistra e pensare non facciano le stesse porcate non è ingenuità, è buttarsi dal decimo piano pensando di rimbalzare.

  6. luca says:

    come ho detto più volte il pontefice massimo è sorgente preziosissima di consigli, ma i consigli vanno ascoltati non ubbiditi, e anche un ottimo consigliere può prendere una cantonata.
    se un capo di stato non si genuflette difronte ad ogni capriccio del papa non significa che deve o vuole ignorarlo

  7. Shiva101 says:

    Grandissimo Holland!!

    Finalmente uno con la schiena dritta!!

    In Italia prima di vedere un politico che mantiene le proprie posizioni senza piegarsi al compromesso del potere dovremo attendere una rivoluzione!

  8. Teresa says:

    poi il papa che gli di dice “S. Francesco è anche il suo patrono” povero S.Francesco lo fanno patrono di tutti ma nessuno lo segue veramente e neanche minimamente compreso il papa il quale dovrebbe leggersi gli scritti di San Francesco per rendersi conto la misericordia non è per niente a basso prezzo (al contrario è una questione molto seria)come la vuole venedere Papa Francesco

    • VivalItalia says:

      A Tere..
      Innanzitutto il test:
      1. Che lavoro fa?
      2. Quanti msg le vengono censurati su tempi.it?
      3. Il suo dolce preferito?

      Ora se chaccertiamo che lei non sia Luca travestito, posso chiederle com’è che ce la tanto con Francesco I Papa de Sacra Romana Chiesa?

      • Teresa says:

        Non rispondo al test perchè non sono affari suoi le risposte mentre le dico perchè ce l’ho tanto perchè…. anzi non lo sopporto proprio perchè è un populista demagogo sudamericano perchè è confusionario quando parla non conferma nella fede semmai confonde perchè ha un bassisimo profilo culturale teologico e liturgico insomma a me le sue favolette non dicono proprio nulla questo mi dispiace molto ma non riesco a capire cosa il popolino trova in questo personaggio

    • Orazio Pecci says:

      @ Teresa: ovviamente il papa si riferiva al nome di Hollande, che se non erro nel gallico idioma significa per l’appunto Francesco. Se ti chiami Francesco il tuo patrono è san Francesco d’Assisi.

  9. Antonia says:

    Si tanto per per Papa Francesco non è necessaria la conversione ognuno resti pure nei propri peccati tanto poi Dio perdona tutto

  10. Luca says:

    Ma avrà almeno chiesto perdono per aver introdotto gli assurdi “matrimoni” omosessuali?

  11. Alberto says:

    Io saprei come trattarli questi cattolici omofobi, se me li dessero un attimo…

    • diabolik says:

      Ke ci faresti ai cattolici omofobi albe’?, secondo me se la stanno già facendo sotto, la cosa non mi riguarda ,io sono buddhista e non omofobo, era tanto per sapere

    • Picchus says:

      Non ne dubitiamo, abbiamo già visto la vostra idea di civiltà con i cristeros messicani

  12. marzio says:

    Hollande è un povero disgraziato servo della troika, di danni comunque ne ha fatti molti.

  13. Luca says:

    Chi gradisce un po’ di donuts
    .

  14. Luca says:

    Chi gradisce un po’ di donuts?
    .

  15. Ormai molti politici vanno dal papa solo per farsi fotografare dai giornalisti, Hollande non è nè meglio nè peggio di tanti altri, anche italiani. Se poi vogliamo considerare coloro che si professano cattolici, vanno a stringere la mano al Papa, e poi sono a favore di ogni sorta di eresia, come aborto, divorzio, eutanasia, matrimoni gay, ecc., beh si dovrebbero vergognare più questi ultimi che Hollande.
    Vedi Renzi, Ignazio Marino, Nicky Vendola, Enrico Letta, ecc., tutti (a dir loro) cattolici.

  16. davis says:

    qui tutti a giudicare e criticare… tutti pronti a condannare e attaccare hollande e i suoi peccati ma andarsi a rileggere ql passo k dice prima di guardare la pagliuzza nell’occhio dell’altro guarda la trave k è nel tuo?!?!?!
    vi dite tnt cattolici ma leggo più cattiveria nei vs commenti k nelle azioni politiche di hollande!!!!
    parlate di inferno, di peccato, addirittura qualcuno si permette di farsi più grande del papa e giudica pure lui…
    ma state sereni e preoccupatevi di curare la vs coscienza e orientarla al vangelo che dite di seguire (ank se poi toni e parole usate smentiscono tale sequela) e nn pensate di poter giudicare la coscienza degli altri…

    • domenico b. says:

      Ecco, bravo Davis, ci mancava qualcuno che dicesse qualcosa di nuovo.Voi cattivi cattolici, omofobi e razzisti, nonché antiabortisti giudicate voi stessi,e lasciate in pace quel povero olland di fare tutte le leggi che vuole per far sposare i gay e impedire ai sindaci che non sono d’accordo di fare obiezione di coscienza, lasciate o cattivi cattolici che il povero olland metta in galera chi ostacola l’aborto, lasciate che questa vittima dell’oscurantismo cattolico possa vendere in pace tutte le peggiori pillole abortive e anticocezionali non certo per l’interesse di case farmaceutiche, no, solo per la libertà della donna che voi cattolici volete usare come giovenche e tenere segregate in casa….ma statevene zitti voi cattolici e curate la vostra coscienza… ecco, bravo Davis, ci mancavano proprio i tuoi saggi consigli…

    • diabolik says:

      Ah davis io non sono cattolico, però quando un soggetto come hollande fa danni al suo popolo e a tutti gli Europei lo critico, altro che pagliuzze, travi e Vangelo. .

  17. Luca says:

    Ma tu, Davis, hai mai mangiato Donuts? No? E allora cosa ne sai?

  18. giovanni says:

    Poveraccio….

  19. Aldo Cannavò says:

    @ Andrea P. ed Arturo T., la visita di Hollande al Santo Padre è solo stata una mossa politica.Suo scopo è di dare l’illusione ai cattolici francesi di aver buoni rapporti col Vaticano.Spera così di addolcire il suo scandalo familiare e le sue decisioni politiche contrarie all’etica cristiana.Speriamo che i francesi ragionevoli non cadano nell’inganno.

    • luca says:

      Hollande non vuole ignorare il papa, solo non vuole essere il suo servitore e in quelle cose non ha potuto seguire i consigli del papa… ma visto che tutta, tutta l’europa (tranne noi, ovvio) ha il matrimonio gay… perchè ve la prendete solo con la francia?

  20. renzo collini says:

    come posso farmi comandare ( anche in italia ) da uomini che non sono capaci di andar d’accordo la moglie o compagna che sia. se non vanno d’accordo con 1 persona che si sono scelti come possone fare ad amare il mondo?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.