Google+

«Ho vissuto in Siria, vi spiego che rapporto c’è tra Assad e i cristiani»

giugno 22, 2012 Leone Grotti

Intervista a don Antonio Zani, profondo conoscitore di chiese orientali: «Sono stato in Siria. Con Assad i cristiani vivevano liberi, facevano le processioni e pregavano per lui a Messa. Dov’è lo scandalo?».

Quando il patriarca cattolico greco-melchita di Antiochia, Alessandria, Gerusalemme e tutto l’Oriente Gregorio III Laham ha votato il 7 maggio per le elezioni parlamentari in Siria, ha parlato di un passo positivo verso le riforme che riflettono la «vera e positiva immagine del paese». Quasi tutto il resto del mondo ha gridato ad elezioni truccate e vergognose, denunciando la follia del regime di Assad, responsabile ormai di decine di migliaia di vittime, uccise per non cedere il potere a una rivoluzione che è cominciata a marzo del 2011. «Non bisogna scandalizzarsi, perché per poter giudicare bisognerebbe vivere in certi luoghi e così capire logiche che hanno una motivazione». Don Antonio Zani (nella foto) in Siria ci è vissuto un anno, ma è stato anche in Tunisia, Algeria, Iran, Giordania e Libano. Docente alla facoltà teologica dell’Italia settentrionale, esperto di cristianesimo delle origini, è stato anche consultore del Vaticano per le Chiese orientali, che conosce molto bene perché le frequenta.

«In Siria i cristiani avevano una grande libertà sotto il regime di Assad – racconta a tempi.it – Per esempio, ad Aleppo, durante il Corpus Domini, i cattolici potevano fare le processioni per le strade della città. La dittatura agevolava i cristiani, le parrocchie non pagavano la corrente elettrica. Ovviamente, c’è un do ut des. Alla fine delle messe, il parroco chiedeva sempre di pregare per il presidente Assad. Io all’inizio mi rifiutavo ma non bisogna scandalizzarsi, bensì capire questa logica».

Trovare un vescovo o un sacerdote in Siria che parli male del regime è molto difficile. E ci sono dei motivi: «Se cade Assad chi prenderà il suo posto? – continua Zani – Molto probabilmente i sunniti, e allora crede che i cristiani potranno ancora fare le processioni per le strade? Non credo proprio. Bisogna pensare a queste cose e tenerne conto quando si giudica. La libertà religiosa finirà e i cristiani saranno in pericolo. La situazione della Siria non è poi così diversa da quella di Tunisia, Libia ed Egitto. E tutti vediamo che cosa sta succedendo in quei paesi: la sicurezza non esiste, non c’è più un ordine costituito. Anche in Siria ormai i rapimenti sono all’ordine del giorno».

Qualcuno che ha alzato la voce in difesa del popolo c’è stato: padre Paolo Dall’Oglio, gesuita, ordinato dalla Chiesa siro-cattolica ed espulso dal paese domenica scorsa. «Lo conosco bene, è un mio amico – afferma Zani – L’espulsione gli è stata formalmente notificata dal Patriarca della sua Chiesa, ma ovviamente è stata ordinata dal governo. Però è indicativo che gliel’abbia notificata il Patriarca: perché si capiscono bene i rapporti delicatissimi tra governo e Chiesa. Ma ancora una volta non ci si può scandalizzare. Lo stesso Dall’Oglio è sempre stato filo-arabo, grande critico di Israele e come mi facevano notare i miei accompagnatori, per andare al suo Monastero di Deir Mar Musa nel deserto, grande centro interreligioso, un gioiello, c’è la strada asfaltata. E non pensiamo che le strade asfaltate in Siria siano dappertutto. Chi gliel’ha costruita?».

Poi però Dall’Oglio si è schierato a difesa del popolo siriano ed è stato cacciato. «Ho incontrato in Libano molti fuoriusciti dalla Siria e mi hanno parlato dell’incredibile crudeltà e durezza con cui il regime sta massacrando i bambini o toglie la corrente elettrica per 23 ore su 24 a intere città. In modo indiscriminato, colpendo ad esempio anche gli ospedali. Se Dall’Oglio ha cominciato a dire queste cose, non mi stupisce che sia stato espulso dal paese. È dal marzo 2011 che la Chiesa in Siria è sotto forte pressione».

La situazione nel paese è complessa, non tutti i siriani appoggiano i ribelli contro Assad. «I ribelli siriani non sono dei santi, dobbiamo ricordarlo – insiste Zani – stanno commettendo i loro crimini e bisogna pensare che la Primavera araba lascia critici e scettici anche molti giovani. Io ne ho incontrati parecchi in Algeria che mi hanno parlato malissimo di quello che stava succedendo in Tunisia. Il motivo è che una rivoluzione porta insicurezza e disordine, anarchia, e questo è negativo. Certo, dall’altro lato penso che questo processo sia abbastanza inevitabile». Ma non è solo questo. «In Siria, come in altri paesi, le persone vengono educate fin da piccole in modo preciso. Io mi trovavo in Siria, in casa di amici, nel febbraio 2011, quando su Al Jazeera hanno mostrato le immagini delle stanze di Ben Alì, il raìs che era fuggito dalla Tunisia, piene di pacchi di euro e dollari e montagne di lingotti d’oro. Loro guardavano queste immagini stralunati e si chiedevano come fosse possibile che un raìs, che per loro è sempre e comunque il padre della patria e il benefattore del popolo, perseguisse in quel modo i suoi interessi e tenesse nascosti al popolo tutti quei soldi. Io gli dicevo: ma in che mondo vivete? Guardate che anche il re dell’Arabia Saudita sembra che beva sempre acqua ma in realtà è vodka. Ma per loro è impossibile. Non possono crederci, sono stati educati così da sempre, fin da piccoli a scuola. Per questo non c’è da stupirsi che accadano certe cose».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. PAOLO DELFINI scrive:

    IL REGIME DI ASSAD NON E’ IMMACOLATO PURTROPPO, MA I RIBELLI CHE PRENDERANNO IL POTERE GRAZIE ANCHE AGLI OCCIDENTALI , SONO BEN PEGGIORI. COME IN IRAQ SI PASSERA’ DALLA PADELLA ALLA BRACE, LE MINORANZE, IN PARTICOLAR MODO I CRISTIANI, SARANNO I PRIMI A SUBIRE VESSAZIONI E PERSECUZIONI, ANCHE SE SPERARE IN UNA EVOLUZIONE DEMOCRATICA E’ LECITO E DOVEROSO

  2. E.Giufa scrive:

    Sembra il racconto del ventennio fatto da un clericale.

    Anche sotto Mussolini, la Chiesa in Italia “godeva di una certa libertà, i cattolici potevano fare le processioni per le strade della città. La dittatura agevolava i cristiani” purchè parlassero bene del regime (non era neppure obbligatorio pregare per Benito prima del ite Missa est).

    La vicenda del Gesuita Dall’Oglio assomiglia a quella di Sturzo. Tollerato finchè ha taciuto; poi “si è schierato a difesa del popolo italiano ed è stato cacciato”. formalmente su pressione del Vaticano, non per ordine del Duce.

    “Trovare un vescovo o un sacerdote in Siria che parli male del regime è molto difficile”. Era così anche per la Chiesa Italiana, i Montini non erano molti.
    “E ci sono dei motivi: «Se cade Assad chi prenderà il suo posto? Molto probabilmenùte i sunniti, e allora crede che i cristiani potranno ancora fare le processioni per le strade? Non credo proprio”. Stessa motivazione che si accampava in Italia: se cade Mussolini, chi prenderà il suo posto? Probabilmente i comunisti, dicevano i clericali. E allora altro che processioni: arriveranno i cosacchi ad abbeverare i cavalli in piazza san Pietro.

    Ma il cristiano (non il CLlino) ha fiducia in chi guida la storia. E in Italia vinsero Sturzo, Montini e De Gasperi.
    Succederà così anche in Siria.

    • PAOLO DELFINI scrive:

      MENO MALE CHE IN ITALIA VINSERO STURZO, MONTINI E DE GASPERI,MA I “RIBELLI” SIRIANI PURTROPPO SONO DI UN’ALTRA PASTA, BASTI VEDERE LA FEROCIA CHE DIMOSTRANO, ANCORA PEGGIORE DI QUELLA DEI SOLDATI DI ASSAD. ANCHE IN IRAQ LA NATO ANDO’ PER LIBERARE IL POPOLO DA SADDAM. E ANCHE LI’ STURZO,. MONTINI DE GASPERI O MATTEI SE LI SOGNANO PURTROPPO ! LA STORIA PURTROPPO A VOLTE NON CI RISPARMIA BRUTTE AVVENTURE, E COMUNQUE I CIELLINI SONO CRISTIANI ANCHE LORO O FORSE NO?……DISTINTI SALUTI

  3. E.Giufa scrive:

    Caro Delfini, se intendiamo battezzati, probabilmente si.
    Se intendiamo seguaci del Vangelo, decida lei.
    Ma per farlo, si informi leggendo la lettera che J. Carron ha scritto a Benedetto XVI per perorare la nomina di S.E. il card. Scola ad arcivescovo di Milano. Trova qualcosa di cristiano nei grossolani giudizi di costui su pastori quali Martini e Tettamanzi? Se mi risponde affermativamente, la pregherei di accompagnare la risposta con la pagina di Vangelo che la sostiene.

    Saluti.

    • PAOLO DELFINI scrive:

      CARO AMICO CHI E’ SINCERO SEGUACE DEL VANGELO NON LO DECIDO NE’ IO NE’ LEI. QUESTO LO SA SOLO IL PADRETERNO, QUINDI INVECE DI TIRARE IN BALLO SCOLA, TETTAMANZI E MARTINI OGNUNO CERCHI DI SEGUIRE LUI IN PRIMA PERSONA L’ESPERIENZA CRISTIANA COME SI DEVE, ALTRIMENTI FACCIAMO SOLO SALOTTO. AD OGNI MODO,PRETI VESCOVI CARDINALI, CHE SIANO DI CL O MENO FARANNO ANCHE LORO I LORO ERRORI, MA NON SPETTA A NOI GIUDICARE,COMUNQUE SIAMO USCITI FUORI TEMA, IL PROBLEMA VERO E SERIO ERA QUELLO DELLA SIRIA. ED E’ UN PROBLEMA PER TUTTI, PURTROPPO, CRISTIANI , MUSULMANI, BUDDISTI,A TEI, SOPRATTUTTO PER COLORO CHE IL PROBLEMA LO VIVONO SULLA PROPRIA PELLE, CIOE’ I MEMBRI DEL POPOLO SIRIANO.
      DISTINTI SALUTI

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana